I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

-

Condividi questo articolo


DAGONOTA

roberto calderoli roberto calderoli

L’autonomia, oltre a spaccare il Paese, spacca anche la coerenza di molti politici e commentatori de’ noantri.

 

Segnaliamo, per dovere di cronaca, giusto una manciata di pentiti e convertiti sul tema.

 

A partire dalla Lega. Il Carroccio ha vinto la sua battaglia storica, ottenendo il voto finale alla Camera sul disegno di legge che porta la firma di un suo illustre esponente, Roberto Calderoli.

 

PROTESTA DELLE OPPOSIZIONI CONTRO IL DDL AUTONOMIA PROTESTA DELLE OPPOSIZIONI CONTRO IL DDL AUTONOMIA

Ma è la stessa lega che nel 2001 avversava fieramente la riforma costituzionale del Titolo V della Costituzione, che ha introdotto il concetto di autonomia. Oggi la Lega ne celebra l’attuazione, ventitre anni fa, come scrive oggi sul “Sole 24 Ore” Gianni Trovati, bollò la legge come “truffa”.

 

Anche a sinistra devono avere qualche problema con la memoria, o con la coerenza. Fu il Pd, che allora ancora era diviso tra Ds, PPI e Democratici, a volere con decisione la riforma, che fu molto contestata a destra. Il disegno di legge originario  portava la firma di Massimo D’Alema, ma poi la riforma fu chiusa dal governo Amato II, nel 2001 appunto.

 

DALEMA E AMATO DALEMA E AMATO

Eppure, oggi, è proprio la sinistra a opporsi più strenuamente al progetto di autonomia e ad annunciare una battaglia senza sconti al provvedimento.

 

A guidare le piazze contro lo “Spaccaitalia” è Elly Schlein, che fino all’ottobre 2022 era vicepresidente della Regione Emilia-Romagna. La stessa Regione che, ricorda ancora Trovati, “ha chiesto sia al Governo Conte-2 sia all’Esecutivo Draghi l’attuazione dell’autonomia con legge quadro”.

PRIMA PAGINA IL MATTINO 19 GIUGNO 2024 PRIMA PAGINA IL MATTINO 19 GIUGNO 2024

 

“Ma questa è la politica, o quel che ne resta”, chiosa il giornalista del “Sole 24 ore”. Ma anche tra i giornalisti c’è qualche scricchiolio. Un caso su tutti: “il Mattino”, di proprietà dell’ormai meloniano (tendenza Fazzolari) Francesco Gaetano Caltagirone.

 

Lo storico e autorevole quotidiano di Napoli, che in quanto tale dovrebbe essere contrario a prescindere a una legge che di fatto segna una auto-secessione del ricco Nord a danno del Sud, in questi giorni è impegnato in una campagna a favore dell’autonomia.

 

Con qualche salto logico di troppo da parte del suo neo-direttore, il redivivo Roberto Napoletano, che fino a qualche tempo fa, dalle colonne del Quotidiano del Sud, parlava dell’autonomia leghista come di “un grande imbroglio”.

 

“Il Fatto quotidiano” si è divertito a spernacchiare Napoletano: “Certo che è strano. Due Roberto Napoletano direttori. Ma sì, sarà per forza una truffa, mica può esser diventato governista di colpo. Direttore, sporga denuncia!”. Miracoli di Calta: fa convertire anche i più intransigenti…

L EDITORIALE DI ROBERTO NAPOLETANO A FAVORE DELL AUTONOMIA SU IL MATTINO L EDITORIALE DI ROBERTO NAPOLETANO A FAVORE DELL AUTONOMIA SU IL MATTINO

 

CALTAPRODIGIO: NAPOLETANO SI È SUBITO CONVERTITO

Estratto dal “Fatto quotidiano”

 

[…] Roberto Napoletano […] ha diretto diversi giornali e ancora ricordiamo le sue meritevoli battaglie alla guida del Quotidiano del Sud, quando parlava dell’autonomia differenziata come di un “grande imbroglio”. […] a Napoletano va la nostra vicinanza perché ieri sul Mattino di Caltagirone un suo omonimo, o peggio qualcuno che si spaccia per lui, si è finto direttore e ha vergato un editoriale in difesa dell’autonomia contro le “chiacchiere” dell’opposizione: “il Sud”, […] “è centro del nuovo mondo”. Certo che è strano. Due Roberto Napoletano direttori. Ma sì, sarà per forza una truffa, mica può esser diventato governista di colpo. Direttore, sporga denuncia!

 

 

MA PER SCUOLA, SALUTE, TRASPORTI O ENERGIA NIENTE DEVOLUZIONI PER ALMENO DUE ANNI

Estratto dell’articolo di Gianni Trovati per “il Sole 24 Ore”

 

[…] Nulla, insomma, è destinato ad accadere a breve. Tranne l’ennesimo cortocircuito per cui la Lega, nel 2001 fiera avversaria della riforma costituzionale allora bollata come una «truffa», oggi ne celebra l’attuazione con la legge Calderoli;

roberto napoletano foto di bacco 2 roberto napoletano foto di bacco 2

 

mentre la sinistra, autrice del nuovo Titolo V che ha introdotto l’autonomia differenziata, denuncia in Aula e nelle piazze lo «Spaccaitalia» guidata dal Pd di Elly Schlein, fino all’ottobre 2022 vicepresidente di quella Regione Emilia-Romagna che ha chiesto sia al Governo Conte-2 sia all’Esecutivo Draghi l’attuazione dell’autonomia con legge quadro. Ma questa è la politica, o quel che ne resta.

autonomia differenziata vignetta by rolli il giornalone la stampa autonomia differenziata vignetta by rolli il giornalone la stampa

roberto napoletano foto di bacco roberto napoletano foto di bacco

PRIMA PAGINA IL MATTINO 20 GIUGNO 2024 PRIMA PAGINA IL MATTINO 20 GIUGNO 2024 camillo ruini massimo dalema camillo ruini massimo dalema FRANCESCO AMATO FRANCESCO AMATO massimo d alema - forum internazionale della democrazia a pechino massimo d alema - forum internazionale della democrazia a pechino

ROBERTO CALDEROLI MATTEO SALVINI ROBERTO CALDEROLI MATTEO SALVINI NOTO SONDAGGI - AUTONOMIA DIFFERENZIATA - LA REPUBBLICA NOTO SONDAGGI - AUTONOMIA DIFFERENZIATA - LA REPUBBLICA sondaggio demos sull autonomia differenziata sondaggio demos sull autonomia differenziata protesta dei sindaci contro la riforma dell autonomia differenziata protesta dei sindaci contro la riforma dell autonomia differenziata via libera alla camera al ddl autonomia via libera alla camera al ddl autonomia AUTONOMIA DIFFERENZIATA CORI E PROTESTE ALLA CAMERA AUTONOMIA DIFFERENZIATA CORI E PROTESTE ALLA CAMERA CAOS AL SENATO AUTONOMIA DIFFERENZIATA CAOS AL SENATO AUTONOMIA DIFFERENZIATA CAOS AL SENATO AUTONOMIA DIFFERENZIATA CAOS AL SENATO AUTONOMIA DIFFERENZIATA le posizioni degli elettorati su premierato e autonomia sondaggio demos per la repubblica 13 maggio 2024 le posizioni degli elettorati su premierato e autonomia sondaggio demos per la repubblica 13 maggio 2024 gli italiani, il premierato e l autonomia sondaggio demos per la repubblica 13 maggio 2024 gli italiani, il premierato e l autonomia sondaggio demos per la repubblica 13 maggio 2024 NOTO SONDAGGI - AUTONOMIA DIFFERENZIATA - LA REPUBBLICA NOTO SONDAGGI - AUTONOMIA DIFFERENZIATA - LA REPUBBLICA GIANMAURO DELLOLIO DEL M5S - PROTESTA CONTRO IL DDL AUTONOMIA GIANMAURO DELLOLIO DEL M5S - PROTESTA CONTRO IL DDL AUTONOMIA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)