PERCHÉ CRAXI FU FATTO FUORI - L'EX BRACCIO DESTRO DI BETTINO, UGO INTINI: “ESISTEVA UN PATTO UKUSA CHE UNIVA, IN FUNZIONE ANTI EUROPEA, IL MONDO ANGLOSASSONE. UN PIANO DI INTERCETTAZIONI PRATICATO IN OCCIDENTE. E UNA CENTRALE DENOMINATA ECHELON CON SEDE NEGLI USA, CHE AVEVA SOTTO CONTROLLO LE CLASSI DIRIGENTI PER DESTABILIZZARE L'EUROPA E L'ITALIA - FINITA LA MINACCIA COMUNISTA, DOPO LA CADUTA DEL MURO, AI PADRONI DEL PATTO ATLANTICO NON SONO SERVITI PIÙ I LEADER FORTI CHE AVEVANO MAL SOPPORTATO…”

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’intervista di Luca Telese a Ugo Intini per “la Verità”

 

UGO INTINI UGO INTINI

Esisteva un patto Ukusa che univa, in funzione anti europea, il mondo anglosassone. Un piano di intercettazioni sistematiche praticato in Occidente. E una centrale denominata Echelon con sede a Fort Meade negli Usa, che aveva sotto controllo le classi dirigenti...».

 

E cosa si faceva con Echelon?

«Si spiava».

 

Con che obiettivo?

«Semplice. Destabilizzare l' Europa e l' Italia: per colpirle».

 

Una vendetta contro Sigonella, la ribellione di Craxi all' egemonia americana?

«Sarebbe riduttivo dirlo. Volevano colpire tutti i governi».

ronald reagan bettino craxi ronald reagan bettino craxi

 

Europei? E perché?

«Finita la minaccia comunista, dopo la caduta del Muro, ai padroni del patto Atlantico non sono serviti più i leader forti che avevano mal sopportato».

 

Si rompe la solidarietà?

«C' è anche molto altro: all' inizio del Novecento l' Europa aveva il 25% del Pil mondiale, oggi solo lo 0,5%. Aveva il 20% della popolazione mondiale, oggi meno del 10%».

CRAXI E ANDREOTTI CRAXI E ANDREOTTI bettino craxi andreotti bettino craxi andreotti CRAXI REAGAN 1 CRAXI REAGAN 1

 

Condividi questo articolo

politica

IL PIZZINO DI GIORGIA MELONI A SALVINI: “NOI ABBIAMO FATTO LA NOSTRA PARTE, IN PUGLIA COME IN TOSCANA. SE FOSSE STATO COSÌ PER TUTTI, SE FOSSIMO TUTTI CRESCIUTI, AVREMMO VINTO NONOSTANTE TUTTO IL CLIENTELISMO DI EMILIANO. A ME PIACE FARE GIOCO DI SQUADRA E LA SQUADRA SI VEDE QUANDO LE COSE VANNO MALE. QUEL CHE PIÙ MI DISPIACE È CHE QUALCUNO STIA AL GIOCO DI CHI VUOLE DIVIDERCI…QUESTO PARLAMENTO È DELEGITTIMATO, NON HA ALCUNA POSSIBILITÀ DI FARE LE RIFORME COSTITUZIONALI”