UN PIRELLONE NEL SEDERE DI SALVINI – PROSEGUE IL GRANDE GELO FONTANA-MORATTI. OGGI ERANO ATTESI TUTTI E DUE A PALAZZO LOMBARDIA PER UNA CONFERENZA STAMPA MA CIRCA UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO, LO STAFF DELLA VICEPRESIDENTE HA AVVISATO CHE L’EX SINDACA DI MILANO NON AVREBBE POTUTO ESSERE PRESENTE – MESTIZIA VUOLE FARSI CACCIARE, FONTANA NON HA LE PALLE PER FARLO E CHIEDE L’INTERVENTO DEL CAPITONE. MA SE SALVINI LA FA FUORI DOPO LA DISFATTA ALL’ELEZIONI, PERDERA’ ANCHE LA LOMBARDIA…

-

Condividi questo articolo


Simona Buscaglia per lastampa.it

 

letizia moratti attilio fontana letizia moratti attilio fontana

Anche questa mattina la vicepresidente Letizia Moratti e il governatore lombardo Attilio Fontana non si sono incontrati a un evento pubblico a Milano. È la seconda volta in pochi giorni che sono entrambi annunciati a manifestazioni cittadine ma poi Moratti non riesce a partecipare. Oggi erano attesi tutti e due a Palazzo Lombardia per la conferenza stampa dell’iniziativa “Salute Donna” ma circa un’ora prima dell’inizio, lo staff della vicepresidente annuncia che per “sopraggiunti impegni istituzionali” l’ex sindaca di Milano non potrà essere presente.

 

Era successa la stessa dinamica sabato primo ottobre, quando all’inaugurazione della Casa di comunità di Bresso, nella prima periferia milanese, dovevano tagliare il nastro entrambi ma poi la vicepresidente, per “motivi familiari”, non era riuscita a partecipare.

 

attilio fontana e letizia moratti attilio fontana e letizia moratti

Può essere semplicemente un caso ma potrebbe anche essere un segnale dei rapporti tesi tra i due. Che i due siano ai ferri corti lo aveva precisato lo stesso Fontana venerdì scorso dopo l’incontro a Palazzo Lombardia, parlando di un “rapporto fiduciario incrinato”. Ad acuire lo scontro aperto la settimana scorsa erano state le parole dell’attuale assessora regionale al Welfare durante una trasmissione su Rai3, in cui aveva precisato di aver accettato l’incarico nella giunta lombarda durante la pandemia con la promessa di un passaggio di testimone per correre poi alle regionali del 2023 (promessa smentita poco dopo da Fontana).

 

LUCA ZAIA MATTEO SALVINI ATTILIO FONTANA LUCA ZAIA MATTEO SALVINI ATTILIO FONTANA

Parole che non erano cadute certo nel vuoto e che avevano reso necessario l’incontro tra i due il giorno dopo, al termine del quale il Presidente della Regione Lombardia aveva spiegato di attendere un confronto coi leader del centrodestra prima di prendere una decisione ufficiale sulla posizione di Moratti all’interno della sua giunta. Il giorno dopo, proprio all’inaugurazione della Casa di Comunità di Bresso, Fontana non aveva voluto aggiungere altro rispetto a quanto detto la sera prima, precisando solo che non aveva avuto ancora modo di parlare con i leader della coalizione.

LETIZIA MORATTI E ATTILIO FONTANA LETIZIA MORATTI E ATTILIO FONTANA MORATTI FONTANA MORATTI FONTANA

 

ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA

 

Condividi questo articolo

politica

I SINISTRATI SONO SEMPRE I PRIMI AD APPROFITTARE DEI PRIVILEGI – ALEXANDRIA OCASIO-CORTEZ, STELLINA “RADICAL” DEL PARTITO DEMOCRATICO AMERICANO, È SOTTO INDAGINE DELLA COMMISSIONE ETICA DEL CONGRESSO PER LA PARTECIPAZIONE AL MET GALA DELLO SCORSO ANNO – LA OCASIO CORTEZ SI PRESENTÒ CON UN’ABITO CON SCRITTO “TAX THE RICH”. LA COMMISSIONE HA RICEVUTO DUE RICORSI: UNO SUI BIGLIETTI GRATIS RICEVUTI PER L’EVENTO, IL SECONDO SULL’ABITO, CHE “RAPPRESENTA UN REGALO LEGATO ALLA SUA POSIZIONE ALLA CAMERA”

QUESTO PONTE S’HA DA FARE! LUCIO CARACCIOLO: “IL PONTE SULLO STRETTO VA FATTO PERCHÉ È UNA PRIORITÀ STRATEGICA PER L'ITALIA (PER QUESTO MOTIVO PROBABILMENTE NON SARÀ MAI FATTO)" - "LO STRETTO DI SICILIA È UNO DEGLI SPAZI PIÙ RILEVANTI AL MONDO. NON MOLTO MENO DELLO STRETTO DI TAIWAN. NEL TRIANGOLO DELLA COMPETIZIONE FRA STATI UNITI, CINA E RUSSIA IL CONTROLLO DI QUESTO BRACCIO DI MARE AL CENTRO DEL MEDITERRANEO È ESSENZIALE. QUALCUNO DIRÀ: È TERRA DI MAFIE. MA LE GRANDI INFRASTRUTTURE SONO IL SEGNO CHE..."

LE MIDTERM SONO STATE UNA DISFATTA PER TRUMP – LA VITTORIA DEL CANDIDATO DEMOCRATICO, RAPHAEL WARNOCK, AL BALLOTTAGGIO IN GEORGIA È UNO SCHIAFFONE IN FACCIA A “THE DONALD”: TUTTI I CANDIDATI CHE HA SPONSORIZZATO LUI HANNO PERSO MALAMENTE ALLE MIDTERM – LA VITTORIA REGALA AI DEM IL 51MO SEGGIO AL SENATO, UNO IN PIÙ RISPETTO A PRIMA DELLE MIDTERM. “SLEEPY JOE”, CHE ESCE RAFFORZATO, GONGOLA E PENSA DI RICANDIDARSI: CON MACRON HA BRINDATO ALLA SUA CAMPAGNA PRESIDENZIALE DEL 2024 (SEMPRE CHE IL PARTITO NON LO CONVINCA A RIPENSARCI)

LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI NORDIO VISTA DA FRANCO COPPI, IL DECANO DEGLI AVVOCATI PENALISTI: “OCCORRE RIVEDERE IL TEMA DEL SEGRETO ISTRUTTORIO NON SOLO NELLA PROSPETTIVA DELLE INTERCETTAZIONI, MA STABILIRNE I LIMITI E LE SANZIONI - SEPARAZIONE DELLE CARRIERE? BISOGNA SEPARARE LE PERSONE INTELLIGENTI DA QUELLE CHE NON LO SONO. AFFRONTIAMO IL TEMA DELL'IMMISSIONE DEI MAGISTRATI IN RUOLO CON FORME CHE GARANTISCANO L'IDONEITÀ AL DI LA DELLE CONOSCENZE GIURIDICHE - C'È DA RIVEDERE L'UDIENZA PRELIMINARE, CHE È UN FALLIMENTO - L’ABUSO D’UFFICIO? REATO AL LIMITE DELLA COSTITUZIONALITÀ”