IL PNRR CE LO CUCINIAMO IN BRODO - LA PRIMA GARA DELLA "STRATEGIA PER LA BANDA ULTRALARGA", DEDICATA ALLE ISOLE MINORI, È ANDATA A VUOTO E ANCHE IL BANDO "MAAS4ITALY", CHE DEVE RIDISEGNARE LA MOBILITÀ IN SENSO SOSTENIBILE E DIGITALE, NON HA TROVATO SOGGETTI INTERESSATI - E DIRE CHE LA PRIMA MISSIONE DEL PNRR, OVVERO "DIGITALIZZAZIONE, INNOVAZIONE, COMPETITIVITÀ, CULTURA", PUÒ CONTARE SU 49,86 MILIARDI DI EURO…

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Goria per “la Stampa”

mario draghi vittorio colao mario draghi vittorio colao

 

Bandi deserti, poca chiarezza sulle tempistiche, ancora meno sugli obiettivi del 2022. Il Pnrr digitale, affidato al dicastero per la Transizione guidato da Vittorio Colao, parte in salita. La prima gara della "Strategia per la banda ultralarga", dedicata alle isole minori, è andata a vuoto. Ma non è la sola. Anche il bando "Maas4Italy - Mobility as a Service", che deve ridisegnare la mobilità in senso sostenibile e digitale, non ha trovato soggetti interessati e ora è stato nuovamente pubblicato (domani la nuova scadenza).

 

vittorio colao a cernobbio 2 vittorio colao a cernobbio 2

E dire che la prima missione del Pnrr, ovvero "Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura", può contare su 49,86 miliardi di euro, - di cui 40,32 miliardi dal Dispositivo per la ripresa e la resilienza e 8,74 miliardi dal Fondo del governo -, che però sono al momento fermi. Manca, come spiegano fonti governative dietro richiesta di anonimato, la «corretta comunicazione fra enti centrali e locali».

 

VITTORIO COLAO FRANCO GABRIELLI VITTORIO COLAO FRANCO GABRIELLI

In altre parole, i Comuni sanno che riceveranno le risorse, ma ancora non è chiaro come le potranno usare. Ancora più complicato e farraginoso, invece, è l'investimento sul "Rafforzamento dell'infrastruttura tecnologica e degli strumenti per la raccolta, l'elaborazione, l'analisi dei dati e la simulazione".

 

È stato sottoscritto l'accordo tra ministero della Salute e il dipartimento della Transizione digitale per disciplinare i rapporti giuridici tra le parti per la realizzazione del fascicolo sanitario elettronico, in particolare in merito alla «creazione di una repository centrale, di servizi e interfaccia user-friendly, completamento della digitalizzazione documentale» e quello relativo all'adozione e utilizzo del "Fascicolo sanitario elettronico da parte delle Regioni".

VITTORIO COLAO VITTORIO COLAO

 

Tradotto: già ora si dovrebbe accedere al proprio fascicolo sanitario indipendentemente dalla regione di provenienza. Peccato, per esempio, che non sia ancora semplice la comunicazione fra regioni sul fronte vaccini. Sono dodici i bandi attesi entro fine 2023, ma ancora non sono chiare le tempistiche. Oltre alla banda larga, c'è il fronte dei piccoli Comuni. I quali ancora chiedono, come rimarcato dall'Unione nazionale comunità ed enti montani, di essere coinvolti nella transizione digitale. Cosa che, secondo Marco Bussone, numero uno dell'Uncem, ancora non è successa.

 

Condividi questo articolo

politica

MANICOMIO ITALIA - A CHI LE CHIEDE QUANTI POTREBBERO ESSERE I "POLITICI" E QUANTI I "TECNICI", LA MELONI RISPONDE METTENDO LE MANI AVANTI: "LEGGO COSE SURREALI CHE POI DOVREI COMMENTARE, CONSIGLIEREI PRUDENZA" - TAJANI PARLA DI UN ESECUTIVO CHE SARÀ "POLITICO" ANCHE SE CI DOVESSE ESSERE "QUALCHE TECNICO" - IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA CARLO BONOMI: "NON POSSIAMO PERMETTERCI IMMAGINIFICHE FLAT TAX E PREPENSIONAMENTI” – GRILLO LANCIA UNA PROPOSTA PER 'RIVITALIZZARE' IL REDDITO DI CITTADINANZA: I 3 MILIONI CHE LO PERCEPISCONO CREINO LE "BRIGATE DI CITTADINANZA"…

“SE LA MELONI SEGUE L'ESEMPIO POLACCO L'IDEA CHE GLI AMERICANI HANNO DI LEI NON PUÒ CHE MIGLIORARE” - FEDERICO RAMPINI SI FA PORTAVOCE DEI DESIDERI DI WASHINGTON: “LA POLONIA È CONSIDERATA, TRA I MEMBRI DELL'UE, IL PAESE CHE HA CAPITO MEGLIO LA MINACCIA DELL'ESPANSIONISMO RUSSO, INVIANDO AIUTI ALL'UCRAINA E AUMENTANDO LE SPESE PER LA DIFESA - HANNO LEGGI SEVERE SUI DIRITTI CIVILI? SULL'ABORTO, IN TEXAS E IN FLORIDA ABBIAMO SITUAZIONI PIÙ SIMILI ALLA POLONIA CHE ALLA CALIFORNIA - DI FRONTE A PUTIN CHE MINACCIA DI USARE L'ARMA NUCLEARE, DOVE SONO FINITI I SEDICENTI PACIFISTI ITALIANI? SANNO MANIFESTARE SOLO CONTRO LA NATO?”

UN PIRELLONE NEL SEDERE DI SALVINI – PROSEGUE IL GRANDE GELO FONTANA-MORATTI. OGGI ERANO ATTESI TUTTI E DUE A PALAZZO LOMBARDIA PER UNA CONFERENZA STAMPA MA CIRCA UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO, LO STAFF DELLA VICEPRESIDENTE HA AVVISATO CHE L’EX SINDACA DI MILANO NON AVREBBE POTUTO ESSERE PRESENTE – MESTIZIA VUOLE FARSI CACCIARE, FONTANA NON HA LE PALLE PER FARLO E CHIEDE L’INTERVENTO DEL CAPITONE. MA SE SALVINI LA FA FUORI DOPO LA DISFATTA ALL’ELEZIONI, PERDERA’ ANCHE LA LOMBARDIA…