LA POLITICA È LA CONTINUAZIONE DELL'AMORE CON ALTRI MEZZI - TRA GLI SCRANNI PARLAMENTARI LE COPPIE NON SCOPPIANO MA SI RAFFORZANO - LE ELEZIONI HANNO ARRICCHITO IL TALAMO DI SU-DARIO FRANCESCHINI E MICHELA DI BIASE: ENTRAMBI POGGERANNO LE CHIAPPE IN PARLAMENTO - PASSERANNO DAL LETTO ALLO SCRANNO ANCHE MARTA FASCINA E BERLUSCONI - MASTICANO AMARO I SIGNORI FRATOIANNI: LUI SARA' ONOREVOLE, LEI NON E' STATA ELETTA...

-

Condividi questo articolo


Daniele Priori per “Libero quotidiano”

 

rebecca frassini e riccardo molinari rebecca frassini e riccardo molinari

Coppie che non scoppiano. Anzi, in Parlamento si rafforzano e raddoppiano.

L'amore per la politica ad accomunarle e l'amore per l'amore a cementarle e renderle ancora più salde, sicure. Destini incrociati a urne, schede, aule. Un gioco delle coppie nei quali vince chi ha in mano l'asso di cuori. Una consuetudine che si lega alla storia. Se fu, infatti, pressoché clandestino, all'alba della Repubblica, il legame amoroso nel Pci tra Nilde Iotti e Palmiro Togliatti, più di recente fidanzati politici molto meno seriosi, sebbene trasversali, furono decisamente più a favore di telecamera: basti pensare al traversone campano-pugliese Forza Italia-Pd tra Nunzia De Girolamo e Francesco Boccia.

 

michela di biase franceschini michela di biase franceschini

Inutile dire che la coppia regina della nuova stagione politica che si apre sarà quella tutta azzurra divisa solo da qualche centinaio di metri. La sovrana (non) consorte Marta Fascina troneggerà, infatti, nell'aula di Montecitorio. Seconda legislatura per lei, calabrese, cresciuta a Portici, eletta nella garibaldina Marsala pronta a vivere la sua nuova esperienza da deputata fidanzata più che ufficiale del leader e presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Una storia che dura da due anni e mezzo e ha incuriosito molti, fino all'unione simbolica della scorsa primavera arrivata a suggellarla appena a ridosso dell'inattesa corsa elettorale d'estate.

 

susanna ceccardi e andrea barabotti susanna ceccardi e andrea barabotti

 

 

 

 

 

Viaggia tra Roma e Ferrara, passando per le stanze del Nazareno, l'amore tra l'esperto e sempiterno ministro della Cultura, Dario Franceschini e la 41enne Michela Di Biase, protagonista di una polemica in chiave femminista all'atto della definizione delle liste portata avanti insieme a Elisabetta Piccolotti, moglie (non eletta) di Fratoianni. «Non chiamatemi moglie di», sbottò. Ma tant' è. Nessun dubbio sulla preparazione e sulla gavetta politica di entrambi. Erede della sinistra democristiana Dario, apprezzato scrittore.

Militante dei Ds di Roma Michela, giovanissima consigliera municipale nel suo quartiere, l'Alessandrino, poi eletta in Campidoglio, quindi quattro anni fa alla Regione Lazio per traslocare ora a Montecitorio.

 

francesco lollobrigida e arianna meloni francesco lollobrigida e arianna meloni

Accoglieranno i loro rispettivi compagni, dai territori ai seggioloni della Camera per la prima volta, la tosco-leghista Susanna Ceccardi che traslocherà a Roma dal seggio dell'europarlamento di Strasburgo, in coppia col neodeputato e responsabile organizzativo della Lega in Toscana, Andrea Barabotti. Stabile e confermato l'amore in aula tra la deputata leghista, rieletta in Lombardia, Rebecca Frassini e il capogruppo del Carroccio, il piemontese Riccardo Molinari. Sono invece cognati la futura premier Giorgia Meloni e Francesco Lollobrigida, lunghissima militanza nella destra laziale, poi la ribalta regionale quindi il Parlamento.

 

marta fascina e silvio berlusconi marta fascina e silvio berlusconi

Mentre a Strasburgo la Brexit ha favorito l'ingresso in aula del fratello d'Italia Vincenzo Sofo, gioiosamente in coppia con la nipote di Francia, erede Le Pen, Marion Marechàl. Segno evidente del valore, anche politico, che la destra dà all'unione familiare. Meglio se benedetta pure dal voto democratico.

nilde iotti palmiro togliatti nilde iotti palmiro togliatti nicola fratoianni e elisabetta piccolotti nicola fratoianni e elisabetta piccolotti

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)