I POLIZIOTTI PESTANO UN ''NERONE'', MACRON PESTA UN MERDONE - VIDEO: IL PRODUTTORE RAP MICHEL ZECLER VIENE PICCHIATO SELVAGGIAMENTE DA 4 AGENTI. ''MI DICEVANO 'SPORCO NEGRO'''. POTEVA ESSERE LA SUA PAROLA CONTRO LA LORO, MA LE TELECAMERE DI SORVEGLIANZA HANNO CONFERMATO LA SUA VERSIONE - MACRON HA PROPOSTO UNA LEGGE CHE LIMITI LA DIFFUSIONE DELLE IMMAGINI DI INTERVENTI DI POLIZIA, CHE SI COMPORTA A VOLTE IN MODO VIOLENTO CON GILET GIALLI E MANIFESTANTI. ORA IL PRESIDENTE È NEI GUAI

-

Condividi questo articolo

 

Francesco De Remigis per ''il Giornale''

 

«Mi dicevano sporco negro a ripetizione e mi hanno preso a pugni». Poteva essere la parola di Michel Zecler contro quella di 4 poliziotti. Invece le immagini della videosorveglianza inchiodano gli agenti alle loro responsabilità, scatenando una bufera in tutta la Francia. Choc attorno al gesto, su cui indaga l'Ispettorato generale della polizia nazionale; presidente della Repubblica «furioso» per l'accaduto. E Parlamento in cortocircuito. Maggioranza e opposizione puntano il dito contro il governo.

michel zecler picchiato da tre poliziotti michel zecler picchiato da tre poliziotti

 

L'ennesimo pestaggio, stavolta a danno di un produttore musicale, innesca una tempesta perfetta: perché se non fosse stato ripreso dalla videosorveglianza nessuno forse avrebbe saputo cosa realmente è successo sabato sera nel XVII arrondissement di Parigi. Avvistato a pochi passi dal suo studio, Zecler viene raggiunto da una pattuglia e assalito senza motivo. Reo di non indossare la mascherina mentre fumava una sigaretta sul marciapiede, «ci ha trascinato all'interno di un edificio mentre cercavamo di immobilizzarlo», hanno scritto gli agenti nel rapporto.

michel zecler pestato dai poliziotti michel zecler pestato dai poliziotti

 

Ma i video inchiodano poliziotti, che hanno pure accusato Zecler di aver tentato di sottrarre loro le armi. Dopo un intervento più simile a un blitz che a un controllo - prima in tre, poi con un quarto agente a rinforzo - sono stati loro a spingerlo nell'androne di uno stabile, senza sapere che si trattava del suo studio, dov' era attiva una telecamera. Poteva finire lì. Nessuno avrebbe contestato la loro versione; non senza quelle immagini. O quelle rese note ieri: un secondo video, ripreso da un vicino dal suo balcone, mostrano la vittima picchiata per strada dagli agenti mentre è immobilizzata a terra. Dopo averlo malmenato, lo hanno portato in caserma e trattenuto per 48 ore per evitare che se ne andasse in giro come l'avevano conciato.

michel zecler michel zecler

 

Aveva il volto tumefatto. Ma inizialmente nessuno si è mosso. Finché le immagini del «controllo», avvenuto sabato scorso e reso pubblico giovedì dal sito Loopsider, hanno fatto emergere la verità del musicista del Black Gold Studios. Emmanuel Macron si è detto «scioccato» e «furioso» per l'accaduto: «È una vergogna, la Francia non deve far prosperare odio o razzismo».

 

Il presidente pretende «sanzioni chiare» dal ministro dell'Interno, che annuncia: «Chiederò il loro licenziamento. Hanno infangato l'uniforme». Non è però il solo episodio controverso. Tre giorni prima che il video del pestaggio facesse il giro del web, un'altra azione di polizia era stata contestata: lo sgombero violento di centinaia di migranti da Place de la République. Immagini che, se la nuova legge sulla «sicurezza globale» fosse già entrata in vigore, probabilmente non sarebbero state girate da nessuno, dunque mai rese pubbliche.

 

michel zecler michel zecler

Già dopo i fatti di République si era consumata una frattura parlamentare nella maggioranza. La legge sulla cosiddetta «sicurezza globale» voluta dal governo, tra le altre cose, limita infatti la diffusione delle immagini di interventi di polizia. Il premier Jean Castex ha spedito alle Camere una testo che punisce con 45mila euro di multa e un anno di reclusione chi di fatto filma e diffonde le divise in azione. Così il presidente che fa della lotta ai regimi illiberali il suo cavallo di battaglia ora si ritrova accusato di scivolare nell'autoritarismo.

 

I 4 agenti sono in custodia. Su 3 di loro pende l'aggravante di «violenza razzista». L'attualità rimette al centro il ruolo dei video e l'articolo 24 apre una crisi politica. Il premier ha incaricato una task-force per modificare il testo. Le piazze sono pronte a riaccendersi. Già ieri sera a Nantes c'erano circa 6mila persone in strada, oggi nuova dimostrazione a Parigi e in altre città.

emmanuel macron emmanuel macron macron macron michel zecler michel zecler

 

Condividi questo articolo

politica

“TRUMP È UN SINTOMO DELLE DIVISIONI PIÙ CHE LA CAUSA” – IL PROFESSOR CHARLES KUPCHAN: “IL COMPITO DI BIDEN NON È GIRARE LE SPALLE, MA CHIEDERSI COME E PERCHÉ SIA SUCCESSO.COME RECUPERIAMO I MILIONI DI INSODDISFATTI? SE NON DARÀ UNA RISPOSTA, TRUMP DIVENTERÀ LA NUOVA NORMALITÀ” – "L' USCITA DI LONDRA DALLA UE E LA FINE DEL MANDATO DI MERKEL, SPINGERANNO BIDEN A CERCARE UN GRUPPO PIÙ AMPIO DI EUROPEI PER DEFINIRE LE POLITICHE COMUNI. IN QUESTO QUADRO L' ITALIA..."

PERCHÈ RENZI SI È ASTENUTO? PERCHÉ NON HA PROVATO A SEPPELLIRE CONTE VOTANDO NO? - NON SOLO PERCHÉ GLI ITALOVIVENTI AFFEZIONATI ALLO SCRANNO GLI AVREBBERO VOLTATO LE SPALLE: LA CADUTA DEL GOVERNO CONTE SAREBBE STATA UN DISASTRO D'IMMAGINE PER RENZI - IL FALLIMENTO DEL BULLO È AVVENUTO NON SOLO PERCHE' E' STATO UCCELLATO DAL PD MA PERCHE' E' STATO INCAPACE DI FAR CAPIRE ALLA GENTE I MOTIVI DELLA SUA BATTAGLIA PER CONTO TERZI (SUPPORTATO DA GRAN PARTE DEL PD) CONTRO IL 'CONTISMO SENZA LIMITISMO' - PER QUANTO RIGUARDA GIORNALI E TALK, RENZI È DETESTATO PERCHÉ, DA EGOMANIACO QUAL È, NON HA MAI CAPITO CHE IN POLITICA, MA ANCHE NELLA VITA, IL CARATTERE È PIÙ IMPORTANTE DEL TALENTO. E L’ARROGANZA NON È MAI UN BUON SOSTITUTO DI UNA BUONA PERSONALITÀ