UNA POLTRONA PER DUE (O FORSE TRE) ALLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO – LA SUCCESSIONE A BIAGIO MAZZOTTA, L'ATTUALE CAPO DEI CONTI PUBBLICI, INDICATO DA GIORGETTI COME CAPRO ESPIATORIO PER IL BUCO DEL SUPERBONUS, AGITA IL GOVERNO  – IL MINISTRO DELL'ECONOMIA SPONSORIZZA DARIA PERROTTA, 47 ANNI,  CAPO DEL SERVIZIO LEGISLATIVO DEL MEF (MA FORSE È TROPPO “ACERBA” PER IL RUOLO) – IN PRIMA FILA IL PIÙ “SOLIDO” LUIGI FEDERICO SIGNORINI, DG DI BANKITALIA – MA NON È ESCLUSA UNA TERZA SCELTA, NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Roberto Sommella per “Mf”

 

Biagio Mazzotta Biagio Mazzotta

Largo ai giovani, alla tradizione Bankitalia o ancora continuità? Le prime due ipotesi stanno facendo discutere all'interno del governo a proposito della poltrona di Ragioniere Generale dello Stato. La prima opzione è affascinante, considerati ruolo ed età.

 

Classe 1977 ma con ben 24 leggi di Bilancio alle spalle, Daria Perrotta sarebbe tra i candidati a ricoprire appunto la poltrona di Ragioniere nel caso davvero il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti dovesse decidere, d'intesa con la premier Giorgia Meloni, di sostituire l'attuale capo dei conti pubblici Biagio Mazzotta, travolto dalle polemiche sul buco di 150 miliardi di euro dovuto al Superbonus.

 

Daria Perrotta Daria Perrotta

Già referendaria alla Corte dei Conti e laureata alla Luiss, Perrotta è a capo del Servizio Legislativo del Mef ed è ben considerata e apprezzata da tutto lo staff di Giorgetti.

 

[…] Nel caso la scelta cadesse su di lei Perrotta sarebbe peraltro la prima donna Ragioniera nella storia del Mef. Un fatto unico come per Meloni a Palazzo Chigi: le tradizioni sono fatte per essere prima o poi interrotte.

 

Laddove invece il suo profilo fosse considerato ancora troppo acerbo per ricoprire uno dei ruoli più importanti nell'amministrazione (emblematica la figura di Andrea Monorchio, che ha segnato una intera stagione di finanza pubblica lunga 13 anni) un altro nome di cui si parla è Luigi Federico Signorini, direttore generale della Banca d'Italia e presidente dell'Ivass.

 

Luigi Federico Signorini di bankitalia Luigi Federico Signorini di bankitalia

Una scelta del genere ricorderebbe quella di qualche tempo fa, quando al vertice della Ragioneria fu chiamato Daniele Franco, sempre proveniente da via Nazionale. Si tratta di persona solida e autorevole.

 

Come solida e autorevole è per la verità anche l'ultima ipotesi: attendere la fine del mandato di Mazzotta a inizio 2025. […]

 

La scelta finale spetterà a Meloni e a Giorgetti e non è esclusa una terza scelta tenuta ancora coperta, con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in versione di garante per tutti. Una cosa però è certa: chiunque arrivi in Ragioneria Generale avrà da lavorare molto anche con la Commissione Europea, visto il ritorno del Patto di Stabilità e l'alto deficit italiano che potrebbe costringere l'esecutivo a manovre di rientro.

GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI luigi federico signorini luigi federico signorini Biagio Mazzotta Biagio Mazzotta

DARIA PERROTTA DARIA PERROTTA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."