POPULISTA SARA’ LEI – MASSIMO RECALCATI ACCUSA BETTINI DI SPINGERE IL PD IN UNA DIMENSIONE POPULISTA E GOFFREDONE LO RINTUZZA: “HO LA SENSAZIONE CHE ALCUNI UTILIZZINO QUESTA SORTA DI INVETTIVA NON PER RICHIAMARE TUTTI AL RISPETTO DELLO SPIRITO E DELLE REGOLE REPUBBLICANE, MA PER NORMALIZZARE ANCHE LA PIÙ LIEVE INCRESPATURA CHE PONGA PROBLEMI DI CARATTERE SOCIALE O RIGUARDANTE LA VITA FATICOSA DI TANTE PERSONE. HO SEMPRE AUSPICATO LA COSTRUZIONE DI UN TERZO POLO MA NON C'È UGO LA MALFA. PIUTTOSTO CI SONO LEADER CHE AMBISCONO A RUOLI MONOCRATICI, DISPENSATORI DI VERITÀ, CON LINGUAGGI AGGRESSIVI, ASSERTIVI, IN ALCUNI CASI PERSINO MINACCIOSI…”

-

Condividi questo articolo


massimo recalcati massimo recalcati

LA TRAPPOLA FATALE DEI DUE POPULISMI

Estratto dell’articolo di Massimo Recalcati per “la Stampa”

 

[…] Esistono elettori, storicamente Pd, che temono profondamente una eventuale alleanza post-elettorale del loro partito con il M5S e che hanno vissuto con grande delusione il fallimento del patto con Calenda e l'apertura alla sinistra "massimalista". In gioco è ancora una storica oscillazione del Pd verso una dimensione populista che Goffredo Bettini non perde occasione per ricordare di essere, in realtà, il suo destino più coerente.

 

goffredo bettini a stasera italia goffredo bettini a stasera italia

GOFFREDO BETTINI "QUESTO PD HA MILLE DIFETTI MA NON CHIAMATECI POPULISTI"

Goffredo Bettini per “la Stampa”

 

Caro direttore, nel suo articolo pubblicato ieri sul giornale che lei dirige, il professor Recalcati, debbo dire con garbo, mi consegna al mio ineluttabile destino di populista. La cosa mi allarma fino a un certo punto, perché debbo dirle la verità: comincio a non capire più bene il significato di alcune parole. Riformista: tutti si definiscono riformisti. Populista: tutti vengono tacciati di populismo.

 

Il populismo è un modo di concepire il potere ben preciso. L'azzeramento di ogni intermediazione democratica, lo svilimento delle assemblee elettive, un rapporto diretto tra il capo e il popolo. Il capo si appropria della voce del popolo. Ne è il solo depositario. Ciò che si oppone è contro il popolo. La ricerca di un nemico è indispensabile. La pratica di governo è illiberale. Nella storia il populismo ha funzionato, e in molti casi, ha trascinato con sé l'elettorato; prima dell'inevitabile avvento della delusione.

 

MATTEO RENZI - ENRICO LETTA MATTEO RENZI - ENRICO LETTA

Credo che tutto si possa affermare tranne che il Pd sia un partito populista. Potrà avere mille difetti, ma questo proprio no. Il sottoscritto, poi, viene da una tradizione politica, quella dei comunisti italiani, nella quale un dirigente raffinatissimo e di grande rilevanza come Paolo Bufalini, appena fui eletto giovanissimo segretario della federazione del Pci di Roma, mi disse: «Goffredo, ricordati: devi combattere su due fronti. Quello dei tuoi avversari di destra e quello del plebeismo, che devi inglobare ma trasformare in popolo cosciente». Per non parlare poi dell'attuale segretario del Pd Enrico Letta: forse il solo leader politico italiano davvero esente, persino nel suo modo così rigoroso e pacato di presentarsi, dal contagio del virus populista.

 

Ho la sensazione che alcuni utilizzino questa sorta di invettiva non per richiamare tutti al rispetto dello spirito e delle regole repubblicane, ma per normalizzare anche la più lieve increspatura che ponga problemi di carattere sociale o riguardante la vita faticosa di tante persone.

GOFFREDO BETTINI GIUSEPPE CONTE ARRIVANO ALLA CAMERA ARDENTE DI SASSOLI GOFFREDO BETTINI GIUSEPPE CONTE ARRIVANO ALLA CAMERA ARDENTE DI SASSOLI

 

Ho sempre auspicato la costruzione di un terzo polo in grado di raccogliere tanti voti moderati che sono andati a ingrossare la destra italiana. Ma perché questo terzo polo ha tanto stentato a nascere? Certo, non c'è Ugo La Malfa. Piuttosto ci sono leader che transitano da una forma politica a un'altra. Ci sono leader solitari che ambiscono a ruoli in qualche modo monocratici, dispensatori di verità, con linguaggi aggressivi, assertivi, in alcuni casi persino minacciosi: come quando Calenda ha dichiarato più volte, con impeto mal riposto, che nel suo programma il primo obiettivo è quello di distruggere un altro partito democratico, il Movimento 5 stelle.

 

CARLO CALENDA E MATTEO RENZI CARLO CALENDA E MATTEO RENZI

Con un tipico ragionamento populista: creare un nemico che rinsaldi la tua verità e assuma il significato di un virus causa di tutti i mali. Certo: è uno strano populismo. Che ne assume i modi ma non prevede il popolo, che anzi viene normalmente schifato. Il buffo è che tali modi, essendo per nulla moderati, indispongono l'elettorato moderato che rimane, così, più volentieri sotto l'ala della bonomia berlusconiana.

 

Infine apprezzo davvero il richiamo di Recalcati a un maggiore rigore meritocratico. Mi pare ingiusto concentrarlo in particolare sugli insegnanti, mal pagati e quotidianamente impegnati a educare ragazzi diseducati dalle famiglie e dai valori dominanti.

MATTEO RENZI E CARLO CALENDA MATTEO RENZI E CARLO CALENDA

E poi bisogna essere coerenti. Un piccolo segnale di rigore meritocratico in Italia lo possono dare anche i privilegiati? Perché non si accetta l'idea che per i patrimoni oltre i 5 milioni di euro ci sia un prelievo nelle successioni ininfluente per la vita dei giovani ricchi che ereditano, da investire, invece, nell'avviamento della vita di tanti giovani che ne hanno davvero bisogno, per competere con i loro meriti? Prima di dare lezioni, è sempre utile convincere gli altri con l'esempio.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

MACRON E SCHOLZ HANNO NOSTALGIA DI DRAGHI – LA COPPIA NON BASTA, OCCORRE IL TRIANGOLO PER FRONTEGGIARE LA CRISI: MANCA MARIOPIO E IL SUO RUOLO DI CANALE DI MEDIAZIONE TRA EUROPA E USA –  IL MANDATO DI CHARLES MICHEL ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO SCADE A NOVEMBRE 2024. MA L'EMERGENZA E' ORA, E QUINDI LO TAMPINANO CON LUNGHE TELEFONATE CHIEDENDO CONSIGLI – LA PROPOSTA (SCARICA) DI BRETON-GENTILONI PER SEDARE I MAL DI PANCIA EUROPEI: “SE ANDIAMO AVANTI COSÌ, PRIMA O POI TUTTI DIRANNO CHE SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA HA RAGIONE ORBAN...”

FINE DI UN’ERA - NON SOLO DI MAIO, TRA I DEPRESSI DAL NUOVO CORSO POLITICO C’È GIANNI LETTA - L’EMINENZA AZZURRINA, CACCIATO DAL “CERCHIO MAGICO” DELLA RONZULLI, HA AFFIDATO AGLI AMICI L’AMAREZZA PER LA FINE DEL RAPPORTO CON SILVIO BERLUSCONI: “QUEL CHE MI DISPIACE DI PIÙ È CHE NON GLI MANCO. E SE LO CHIAMO NEANCHE ME LO PASSANO…” - UNA VOLTA TUTTA ROMA, E MEZZA ITALIA, CHIEDEVA UDIENZA A GIANNI LETTA. OGGI È LUI AD ANDARE DA AMICI E CONFIDENTI PER SFOGARSI…

CHI È GIOVANBATTISTA FAZZOLARI – IL “GIANNI LETTA DELLA MELONI” È SUBITO FINITO NEL MIRINO DI IMPRENDITORI, MANAGER E LECCACULI VARI E AVARIATI CHE SMANIANO DI INCONTRARLO PER SALTARE SUL CARRO DELLA DUCETTA - TIPO TOSTO, PREPARATISSIMO, GRAN LAVORATORE E MOLTO RISERVATO: NON VA A CAFONALIZZARSI DA NESSUNA PARTE, ZERO PARTECIPAZIONI AI TALK, SI FA VIVO SOLO QUANDO AFFIANCA LA MELONI NEGLI INCONTRI IMPORTANTI - POTREBBE RICOPRIRE IL RUOLO DI SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO, INCARICO NEVRALGICO NELLA GESTIONE DEL POTERE, MA CHE TI SPREME H24. MA, DAVANTI A UNA ROGNA PIÙ GROSSA DELL’ALTRA, GIORGIA HA BISOGNO DI AVERLO ACCANTO ANCHE LEI H24…

LA PASSIONE SECONDO CONTE: LA FIDANZATA OLIVIA LO BACIA E LUI ABBRACCIA IL CANE – “CHI” PUBBLICA LE FOTO “RUBATE” DI PEPPINIELLO APPULO CON LA SEMPRE PIU' FILIFORME PALADINO A SPASSO PER ROMA - I DUE SI ACCOCCOLANO SU UNA PANCHINA E LEI NON RESISTE AL FASCINO DEL MASANIELLO IN POCHETTE, LO CINGE E SI AVVICINA PER UNA DOLCE EFFUSIONE - E COSA FA IL NOSTRO GENTILISSIMO PEPPINIELLO? NON SGUINZAGLIA LA LINGUA, CHIUDE LE LABBRA A CULO DI GALLINA E INFLIGGE UN BACETTO A STAMPO D'ALTRI TEMPI, DA UOMO DELICATISSIMO...