POSSO ESSERE “FRANCO”? LA SCONFITTA È QUASI SCONTATA – AL G20 DI NEW DELHI GIORGIA MELONI PROVA L’ULTIMO DISPERATO ASSALTO PER CONVINCERE I COLLEGHI EUROPEI A SCEGLIERE DANIELE FRANCO ALLA GUIDA DELLA BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI – LA DANESE MARGRETHE VESTAGER E LA SPAGNOLA NADIA CALVINO SONO IN POLE – LE CHANCE PER IL DRAGHIANO EX MINISTRO DEL TESORO, DIVENTATO “INGOMBRANTE” NELLA BANKITALIA DI FABIO PANETTA E BOCCIATO PER IL BOARD DELLA BCE, SONO RESIDUALI – BEI, EBA, ESMA: IL TRICOLORE NON SVENTOLA PIÙ SUI PALAZZI DELL’UE…IL DAGOREPORT

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Emanuele Lauria per “la Repubblica”

 

GIANCARLO GIORGETTI DANIELE FRANCO GIANCARLO GIORGETTI DANIELE FRANCO

L’ultimo tentativo di vincere una partita dal pronostico apparentemente chiuso, Giorgia Meloni lo farà oggi a New Delhi: proverà a convincere i colleghi europei del G20 della bontà della candidatura dell’ex ministro draghiano Daniele Franco alla guida della Banca europea degli investimenti.

 

Ma sa già, la premier, che si tratterà appunto di una trattativa in salita, visto che per la presidenza della Bei la competizione vede favorite due donne: la danese Margrethe Vestager, che per concorrere all’incarico ha lasciato (temporaneamente) il ruolo di commissario europeo alla concorrenza, e la ministra spagnola dell’Economia Nadia CalviNo, che sembra in vantaggio sui rivali.

 

Nelle settimane scorse, proprio per la difficoltà della sfida, era circolata con forza la possibilità che Franco fosse “dirottato” nel board della Bce, al posto di Fabio Panetta nominato governatore di Bankitalia. Ma, dopo un colloquio fra il ministro Giancarlo Giorgetti e lo stesso Franco, è arrivata la conferma della candidatura di quest’ultimo per la Bei.

 

mario draghi daniele franco considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario draghi daniele franco considerazioni finali di ignazio visco 2023

Per il ruolo di Panetta il governo ha ufficialmente designato Piero Cipollone, vice direttore generale della Banca d’Italia. Queste incertezze, in ogni caso, non costituiscono un segnale di forza per il nostro Paese, ormai alla vigilia della nomina che sarà definita a metà mese nell’Eurogruppo di Santiago di Compostela.

 

E un eventuale risultato negativo, per Franco, non farebbe che cristallizzare l’assenza dell’Italia nelle autorità economiche europee. Il tricolore non sventola più sui palazzi dell’Ue. È una storia, va detto, che comincia anche prima dell’insediamento di Meloni. Ma di certo, con l’esecutivo di destra, non c’è stato un lavoro di costruzione di relazioni tale da premiare il Paese nelle nomine.

 

FABIO PANETTA CHRISTINE LAGARDE FABIO PANETTA CHRISTINE LAGARDE

Ma diamo un’occhiata a quanto successo. All’Eba, autorità bancaria europea, la presidenza è di uno spagnolo, José Manuel Campa: l’Italia avrebbe potuto puntare al ruolo di direttore esecutivo ma l’ha spuntata il francese Francois Louis Michaud. Per la presidenza dell’Esma, l’autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, il nostro candidato era Carmine Di Noia, già commissario Consob. Ha prevalso la Germania con Verena Ross.

 

Per il posto di direttore esecutivo il governo italiano non ha presentato candidature: è entrata la francese Natasha Cazenave. Passiamo all’Eiopa, l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali. Anche in questo caso l’Italia non ha avanzato alcun nome, il timone è nelle mani dell’olandese Petra Hielkema.

 

PIERO CIPOLLONE PIERO CIPOLLONE

Quindi il delicato ruolo di direttore generale del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità. Marco Buti, capo di gabinetto del commissario Paolo Gentiloni, nell’estate del 2022 si è ritirato dalla corsa e quell’incarico è stato assunto dal lussemburghese Pierre Gramegna.

 

[…]

 

Fra i casi più attuali quello dell’Ssm, il consiglio di vigilanza della Bce. Unica postazione guidata da un italiano, l’economista spezzino Andrea Enria. Che è in uscita. Per il suo posto in lizza due donne: Margarita Delgado, numero due del Banco de Espana, e la tedesca Claudia Buch.

Nadia Calviño Nadia Calviño margrethe vestager margrethe vestager daniele franco a cernobbio 3 daniele franco a cernobbio 3 mario draghi daniele franco 2 mario draghi daniele franco 2 daniele franco a cernobbio 1 daniele franco a cernobbio 1 daniele franco foto di bacco daniele franco foto di bacco margrethe vestager margrethe vestager daniele franco a cernobbio 2 daniele franco a cernobbio 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO