POSTA! - CARO DAGO, IL PRESIDENTE POTRÀ ESSERE ELETTO QUANDO SI PASSERÀ DA "I NOMI DELLA ROSA" A "IL NOME DELLA RESA": MATTARELLA - MOLTI ALZANO IL DITINO IN SEGNO DI RIPROVAZIONE PER L’INCONTRO TRA PUTIN E IMPRENDITORI ITALIANI. DOBBIAMO RICORDARE I CONTRATTI MILIARDARI DELLA GERMANIA O DELLA FRANCIA CON LA RUSSIA? OPPURE I RAPPORTI COMMERCIALI CHE TUTTI I PAESI INTRATTENGONO CON IL GIGANTE CINESE NONOSTANTE LA REPRESSIONE DELLE MINORANZE E LA MANCANZA DI MINIMI DIRITTI CIVILI? SOLO NOI DOVREMMO FARE LE VERGINI NEL BORDELLO?

-

Condividi questo articolo


Riceviamo e pubblichiamo:

 

 

giuseppe conte mario draghi giuseppe conte mario draghi

Lettera 1

Conte: «Il M5s dice sì a Draghi al governo». "Giuseppi", sveglia!!! Si sta votando per il Presidente della Repubblica!

 

RPM

 

Lettera 2

Caro Dago, Quirinale, terza fumata nera. E meno male che a sinistra vogliono "emissioni zero"!

 

Furio Panetta

 

 

Lettera 3

SERGIO MATTARELLA - ILLUSTRAZIONE DI Aurora Ferretti - The Skill SERGIO MATTARELLA - ILLUSTRAZIONE DI Aurora Ferretti - The Skill

Colendissimo Dago,

 

sai bene che in Italia saremo e moriremo democristiani. Come mai tanta esibizione del trasloco del nostro Sergione nazionale? Molto semplice. È il segnale che vuole restare. Hai notato che gli scatoloni sono tutti chiusi?

 

È il segno che possono essere facilmente riportati indietro. I democristiani sono sempre obliqui: pensano bianco e dicono nero. Ragion per cui il segnale è quello di disponibilità. Approfittarne prima che gli scatoloni vengano aperti sul serio!

 

Baci,

 

Sergius

mario draghi regala un mazzo di fiori ad angela merkel mario draghi regala un mazzo di fiori ad angela merkel

 

Lettera 4

Egregio Signor Dagospia,

in passato ci siamo trovati bene, ritengo, attingendo al mercato di professionalità tedesche; cito Helmuth Haller, Karl Heinz Schnellinger, Alice ed Ellen Kessler, Karl Heinz Rummenigge con altri ancora.

 

Trovandoci in stato di evidente necessità, non potremmo, derogando alla costituzione, chiamare Angela Dorothea Merkel a Presidente della Repubblica?

Ben distintamente saluto.

Otto Blick

 

 

SERGIO MATTARELLA A PALERMO SERGIO MATTARELLA A PALERMO

Lettera 5

Ancora una volta Salvini si dimostra il più grande politico italiano di tutti i tempi!

Con la “mossa” della Dottoressa Professoressa Avvocato Onorevole Maria Elisabetta Grand’Ufficiale  Alberti Casellati proposta come Presidente della Repubblica ha tracciato la via per tornare a fare grande l’Italia!

E non mi accodo all’ultimo minuto al carro dei vincitori, io ammiro l’ineffabile  da quando difendeva Silvio portando le prove che quando egli incontrò in modo ufficiale il Presidente egiziano Mubarak, lo stesso, da buon nonno, gli parlò di questa sua nipotina vivace (Ruby Rubacuori) o da quando, non appena Lei nominata sottosegretaria, la figlia Ludovica cominciò a lavorare come Capo della Sicurezza al Ministero della Salute, o ancora da quando (11 marzo 2013) coraggiosamente espose il petto al fuoco dei Magistrati che continuavano a martoriare il povero Silvio.

maria elisabetta alberti casellati matteo salvini maria elisabetta alberti casellati matteo salvini

E tante altre benemerenze potrebbero essere citate!

Una grande scelta, una grande Presidentessa.

Giuseppe Tubi

 

Lettera 6

Caro Dago

io penso sempre che i paesi sudamericani sono avanti, molto più avanti di noi.

Nel '900 erano paesi ricchi e prosperi, mentre da alcuni decenni si è compiuta la degenerazione politica che ha portato a governare populisti, corrotti, incapaci, criminali e maldestri, e a precipitare periodicamente in crisi, default, violenze, disordine pubblico.

nicolas maduro nicolas maduro

 

Da noi la degenerazione politica è iniziata solo da un po' di anni, diciamo dal 2013 con l'occupazione del parlamento di nuovi nullafacenti, e vecchi partiti privi di idee e privi di politica. Quindi se il percorso andrà avanti, possiamo tranquillamente aspettarci un "obiettivo Venezuela" facilmente raggiungibile in qualche anno.

 

Il Venezuela si che è  più avanti di noi!  Ha già completato il percorso di disfacimento, noi lo stiamo ancora percorrendo !

Lorenzo B.

 

Lettera  7

VLADIMIR PUTIN IN COLLEGAMENTO CON GLI IMPRENDITORI ITALIANI VLADIMIR PUTIN IN COLLEGAMENTO CON GLI IMPRENDITORI ITALIANI

Caro Dago, finalmente l'Italia inizia a svegliarsi! Oggi c'è un incontro Russia imprenditori italiani e molti paesi alzano il ditino in segno di riprovazione. Dobbiamo ricordare i contratti miliardari della Germania o della Francia con la Russia di Putin?

 

Oppure i rapporti commerciali che tutti i paesi intrattengono con il gigante cinese nonostante la repressione delle minoranze e la mancanza di minimi diritti civili? Solo noi dovremmo fare le vergini nel bordello? Anche no grazie

maria elisabetta alberti casellati e silvio berlusconi maria elisabetta alberti casellati e silvio berlusconi

FB

 

Lettera   8

Caro Dago, Napoli, falsi vaccini per 150 euro: arrestati due operatori sanitari. E ci credo. Se vendi un Rolex falso devi farlo pagare di meno non di più dell'originale.

 

L.Abrami

 

Lettera  9

Caro Dago, Ucraina, gli Usa: "Ci aspettiamo che la Russia usi la forza entro metà febbraio". Ma stanno dando le consegne? Povero Putin, non può nemmeno attaccare quando vuole!

 

E.Moro

 

green pass per i viaggi green pass per i viaggi

Lettera   10

Caro Dago, Green pass, probabile estensione della durata per chi ha il booster. Dunque, riepilogando: avevano appena accorciato la durata dopo che era stata allungata e adesso la riallungano di nuovo. Siamo alle comiche!

 

Tuco

 

Lettera   11

Caro Dago, Papa Francesco: "I genitori non condannino i figli gay". Ci pensa la Chiesa!

 

John Reese

 

Lettera   12

BERGOGLIO CON SCIARPA GAY BERGOGLIO CON SCIARPA GAY

Caro Dago,

 

   non dirmi che dovremmo essere contenti di Casellati o Casini.

Non ho parole.

 

Francesca

 

Lettera   13

Caro Dago, Quirinale, il presidente potrà essere eletto quando si passerà da "I nomi della rosa" a "Il nome della resa": Mattarella.

 

Piero Nuzzo

 

Lettera  14

MELONI SALVINI TAJANI MELONI SALVINI TAJANI

Dago colendissimo, ed ecco a voi il Grande Salvini nel difficile numero del triplo salto carpiato della fuffa.

 

Alla testa del trenino Salvini-Meloni-Tajani, si è presentato da par suo alla stampa, ansiosissima di conoscere la lista dei candidati presidenziabili, peraltro già nota agli avventori delle migliori taverne di Trastevere.

 

Candidati degnissimi e dignitosissimi, e tuttavia parafrasando un celebre PM: “che c’azzeccano?”. Confermando una volta di più che dove sta il Salvini, non ci stanno candidati in grado di imporsi.

 

SEGRE MATTARELLA SEGRE MATTARELLA

Dopo che non ha toccato palla per tutta l’operazione “Scoiattolo” (pur con il Berlusca in fase di dissolvimento politico), adesso si sta esibendo in un altro numero ad alta suspense, intimando al centrosinistra di allinearsi alle sue scelte, prefigurando una ulteriore candidatura di centrodestra. Nel team salviniano si nota l’assenza di un esperto di contabilità: almeno uno che sappia contare!  Perché i voti non ci sono, anche se ci si può rifornire presso il gruppo “Scappati di casa”, casualmente detentori di tesserini di membri del parlamento. Il Salvini ci porta un presidente abborracciato già in partenza?

 

Saluti da Stregatto

 

Lettera  15

Caro Dago,

MARIO DRAGHI E SERGIO MATTARELLA MARIO DRAGHI E SERGIO MATTARELLA

i partiti si sono completamente incartati e non sanno che pesci prendere per l’elezione del nuovo presidente della repubblica.

 

Se, come gli italiani certamente vorrebbero, il presidente fosse eletto direttamente da loro tutti questi problemi, queste paralisi delle istituzioni, questo blocco totale dell’attività di governo, questa incertezza generalizzata che si protrarrà per tanto tempo non ci sarebbero.

 

matteo salvini maria elisabetta alberti casellati a vinitaly 2018 matteo salvini maria elisabetta alberti casellati a vinitaly 2018

Ma l’elezione diretta del presidente non ci sarà mai nel nostro paese perché i nostri partiti perderebbero parte del loro potere anche se in questi giorni stanno dimostrando chiaramente di non essere capaci di gestirlo.

 

I nostri politici si preoccupano di modificare la costituzione per impedire al presidente della repubblica di essere rieletto, cosa che non interessa a nessuno tranne, forse,  che ai pochi parlamentari  che hanno depositato la proposta di legge costituzionale.

 

Ma non ci pensano nemmeno lontanamente a proporre la nomina popolare del presidente della repubblica, cosa che troverebbe il favore della maggioranza degli italiani.

Sembra proprio che ai nostri politici dei desideri degli italiani non interessi nulla.

incontro virtuale joe biden vladimir putin incontro virtuale joe biden vladimir putin

Pietro Volpi

 

Lettera  16

Caro Dago, dodicenne preso a sputi, picchiato e offeso da due ragazzine 15enni perché ebreo. La società inclusiva, propagandata dalla sinistra su Facebook, Instagram e Twitter, comincia a dare i suoi frutti.

 

Diego Santini

 

Lettera    17

Caro Dago, non ti pare che l'unica preoccupazione che assilla i pro DRAGHI alla presidenza della Repubblica sia quella di impedire che al suo posto venga eletto qualcuno proposto dal centro destra...? E Salvini...che se ne sia accorto..?

SALVINI CASELLATI SALVINI CASELLATI

Max

 

Lettera    18

Caro Dago, ho visto la foto in cui Casellati brinda con Salvini. Direi che sarebbe azzardato eleggere Presidente della Repubblica chi, pur essendo veneto, non sa nemmeno come si tiene in mano un calice di vino.

Avi

 

Lettera   19

Caro Dago, Biden ha annunciato che potrebbe considerare sanzioni personali contro il presidente russo Vladimir Putin se decidesse di invadere l'Ucraina. Povero "Sleepy Joe", cosa gli tocca fare per distogliere l'attenzione da tutti i  fallimenti della sua Amministrazione e dalle delusioni date, finora, ai suoi elettori. Covid, Afghanistan, inflazione, migranti, nulla è andato o sta andando come aveva promesso.

 

andrea agnelli andrea agnelli

Elia Fumolo

 

Lettera   20

Stimato Dago,

Non ci sono più i consules di una volta.

Consule Andrea, la Juve, con un passivo di 400 milioni, impegna altri 150 milioni per Dušan Vlahovic, sperando di arrivare quarta.

Consule Gianni, Luciano Moggi, che la faceva spesso arrivare prima, costò molto meno. 

Giancarlo Lehner

 

Lettera    21

Caro Dago, Quirinale, Letta: "La nostra è una proposta molto costruttiva. Noi crediamo che dobbiamo chiuderci in una stanza, pane e acqua, buttare via la chiave finché non si trova una soluzione. Perché il paese non può aspettare". Bel furbetto, gli piace il calduccio e la comodità. Io dico invece che se passano la notte all'addiaccio, come tanti senzatetto, il nome del nuovo presidente salta fuori assai prima.

 

Giacò

 

renzo piano renzo piano

Lettera  22

Caro Dago, Rai News 24 avrà presto un nuovo studio e a progettarlo sarà Renzo Piano. Ci vuole coraggio, di questi tempi in cui tante persone finiscono in povertà, a buttar via soldi pubblici (canone) per una roba del genere. Non andava benissimo lo studio attuale? Nessun gruppo politico ha nulla da dire?

 

B.Ton

 

Lettera 23

Caro Dagospia,

E' comico che Renzi apprezzi i nomi fatti dal centrodestra come possibile presidente, ma non li voti. E lui che nomi ha fatto?

 

matteo salvini foto di bacco (9) matteo salvini foto di bacco (9)

E' una manfrina deprimente questa del voler bruciare i candidati altrui, non consona al momento principe della democrazia: eleggere il capo dello stato. Dando, con le due votazioni avvenute, uno spettacolo misero, lui e gli altri, di interessi di bottega meschini.

MP

 

Lettera 24

E la chiamano la Costituzione "più bella del mondo", caro Dago. Forse la prima parte, mentre la seconda sembra congegnata apposta - come ha detto qualcuno anni fa - per vanificare la prima. Che tristezza vedere i cittadini italiani assistere da spettatori passivi alla sceneggiata, con la regia della retorica e dell'ipocrisia, interpretata da mille personaggi in cerca d'autore, all'elezione di chi li rappresenterà.

chiara ferragni chiara ferragni

Se poi vediamo i provincialotti media italici gareggiare per amplificare l'eco della stampa estera, della finanza internazionale, dei burocrati di Bruxelles che mettono il becco sulle faccende quirinalizie, lo spettacolo è completo.

 

Antonio Pochesci

 

Lettera 25

Caro Dago!

Finalmente anche la Ferragni ha  mostrato la frittola!

Il mondo stava in attesa di questa Originalissima  Scelta,ormai possiamo contare sulla punta delle dita le star dei social che non ci hanno invaso il cellulare con le loro curve e convessita',di ogni e eta' e grado di ritocco,fotoshop,rigonfiamento : posano sopra i letti,sotto i letti ( vedi Madonna) ,sui tavoli di cucina ,ma e' sempre la solita minestra presentata coi labbroni arricciati e le sopracciglia disegnate con lo stampino.

Arrivera' il momento che per essere trasgressiva qualcuna decidera' di vestirsi da palombaro ,da monaca buddista oppure ingessata da capo a piedi?

 

Ah,saperlo!

giorgia meloni silvio berlusconi matteo salvini renzi quirinale by macondo giorgia meloni silvio berlusconi matteo salvini renzi quirinale by macondo

 

Giovanna Maldasia

 

Lettera   26

Caro Dago, Quirinale, Salvini fa tre nomi. Mai avremmo pensato che si sarebbe arrivati alla tortura!

 

chiara ferragni chiara ferragni chiara ferragni foto di bacco chiara ferragni foto di bacco

Pikappa

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”