IL POTERE HA UN NOME E UN COGNOME: GIANNI LETTA! – SI FA CHIAMARE DOTTORE E DÀ DEL LEI A TUTTI, PREFERISCE L’ONOMASTICO AL COMPLEANNO E DAVA UNA VENTINA DI APPUNTAMENTI AL GIORNO – FRAMMENTI DA “IO SONO IL POTERE" DI GIUSEPPE SALVAGGIULO SULL’EMINENZA AZZURRINA: “NON OFFRE MAI NIENTE. ANCHE UN CAFFÈ O UN BICCHIERE D’ACQUA E INCORAGGEREBBERO DIVAGAZIONI INUTILI” – IL SUO UFFICIO AVEVA TRE SALE D'ASPETTO SEPARATE E NON COMUNICANTI, IN MODO CHE…

-

Condividi questo articolo

GIUSEPPE SALVAGGIULO - IO SONO IL POTERE GIUSEPPE SALVAGGIULO - IO SONO IL POTERE

Frammenti da "Io sono il potere. Confessioni di un capo di gabinetto" di Giuseppe Salvaggiulo, edito da Feltrinelli (pagine 28a euro 18), raccolti da Giorgio Dell’Arti per “la Repubblica”

 

Quando la lista dei ministri era già compilata, Pomicino annunciò ad Andreotti l'intenzione di non entrare nel governo. "Perché?" sibilò sorpreso Andreotti. E Pomicino: "Presidente, perché ha indetto la prima riunione del Consiglio dei ministri venerdì alle 8. Io abito sull'Appia, a che ora dovrei uscire di casa?". A fatica Andreotti, che era mattiniero e andava a messa all'alba, accettò di posticiparla di un'ora».

 

Dottore

Gianni Letta, che si fa chiamare dottore e dà del lei a tutti.

 

Onomastico

Gianni Letta preferisce l'onomastico al compleanno.

 

gianni letta silvio berlusconi gianni letta silvio berlusconi

Letta

Gianni Letta lavorava tra le 15 e le 16 ore al giorno. Riceveva dalle 6 alle 21. Sempre puntualissimo.

 

Appuntamenti

Gianni Letta dava una ventina di appuntamenti al giorno, più o meno settemila all'anno.

gianni letta foto di bacco gianni letta foto di bacco

 

Lina

Nessuno, o quasi, ha il cellulare di Gianni Letta. Per parlargli si passa per la sua segreteria o per la segretaria particolare, la mitica signora Lina.

 

Attesa

L'ufficio di Gianni Letta aveva tre sale d'aspetto separate e non comunicanti, in modo che gli altri ospiti non sapessero mai chi c'era nelle altre.

 

Ricevimento

Le tre modalità di ricevimento di Gianni Letta: 1) lui dietro la scrivania, tu dall'altra parte a testimoniare una formale distanza e mancanza di confidenza; 2) il dottore che si alza e si siede davanti alla scrivania insieme a te, segno che esiste già un rapporto di fiducia; 3) il dottore che ti onora del massimo rango di privilegio, al punto che si alza dal suo posto, ti riceve in piedi e poi ti porta con lui sul divanetto del salotto all'angolo.

gianni letta gianni letta

 

Bocca piena

«Gianni Letta non offre mai niente. Anche un semplice caffè o un bicchiere d'acqua farebbero perdere tempo e incoraggerebbero divagazioni inutili, se non incresciose.

Pasticcini e salatini, neanche a parlarne.

 

enrico mentana bettino craxi gianni letta enrico mentana bettino craxi gianni letta

Non per tirchieria o scarsa ospitalità, ma in ossequio a una delle regole fondamentali del galateo istituzionale: mai cibo per gli ospiti. Li si mette in difficoltà perché non potendo rifiutare il cibo offerto, sarebbero costretti a parlare con la bocca piena».

 

Subito

gianni letta luigi di maio gianni letta luigi di maio

«Mi attivo subito» (frase ricorrente di Gianni Letta).

 

gianni letta in io so che tu sai che io so 9 gianni letta in io so che tu sai che io so 9

Scalfaro

Dopo le elezioni del 1994, a cui Gianni Letta non aveva partecipato «rimanendo in azienda con Confalonieri » perché contrario alla discesa in campo, Berlusconi lo chiamò: «Devo arrivare a Roma ma non conosco nessuno, aiutami». «Questo posso farlo».

GIANNI LETTA E OSCAR LUIGI SCALFARO GIANNI LETTA E OSCAR LUIGI SCALFARO

 

La prima cosa che fece Letta fu telefonare a Oscar Luigi Scalfaro, per chiedere un appuntamento riservato prima dell'avvio delle formali consultazioni con i partiti. L'obiettivo era sondare le intenzioni del presidente della Repubblica. Fu la prima volta, e in segreto, che il capo dello Stato vide Berlusconi, accompagnato da Letta.

gianni letta funerali di paolo bonaiuti gianni letta funerali di paolo bonaiuti

 

A sorpresa Scalfaro, che pur lo detestava, disse a Berlusconi: «Lei ha vinto le elezioni, quindi io le conferirò l'incarico di formare il governo. Ma non pensi di andare a Palazzo Chigi senza questo signore».

 

Autisti

Da sottosegretario, Gianni Letta aveva due macchine e quattro autisti.

 

Decoder

ada urbani gianni letta paolo cirino pomicino foto di bacco ada urbani gianni letta paolo cirino pomicino foto di bacco

«Arriva Berlusconi con il suo decoder» (Paolo Cirino Pomicino a proposito di Gianni Letta).

 

Insetti

«Una volta era un circo di nani e ballerine. Avevano una certa dignità. Ora ci sono solo insetti» (Rino Formica).

 

Bordello

I decreti legge sono il bordello della Repubblica. Vietati dallo Statuto Albertino e introdotti da Mussolini, furono codificati dai padri costituenti per "casi straordinari di necessità e di urgenza". Terremoti, emergenze finanziarie, crisi internazionali.

gianni letta sergio mattarella gianni letta sergio mattarella

 

Cose così, in cui sono in gioco interessi supremi e non c'è tempo per convocare mille parlamentari, discutere, votare.

 

Salsicce

«Se vi piacciono le leggi e le salsicce non chiedetevi come vengono fatte».  

malagò gianni letta malagò gianni letta GIANNI LETTA GIANNI LETTA gianni letta saluta gina lollobrigida gianni letta saluta gina lollobrigida maddalena e gianni letta maddalena e gianni letta stefano folli e gianni letta stefano folli e gianni letta BERLUSCONI GIANNI LETTA PAOLO ROMANI VISITANO MARCO PANNELLA -2 BERLUSCONI GIANNI LETTA PAOLO ROMANI VISITANO MARCO PANNELLA -2 gianni letta con giuliano amato gianni letta con giuliano amato gianni e maddalena letta gianni e maddalena letta

 

gianni e maddalena letta gianni e maddalena letta

 

Condividi questo articolo

politica

CONTE, LA CONTA NON TORNA - SE TUTTO VA BENE IL VOLPINO DI PALAZZO CHIGI ARRIVERÀ A 155-156 VOTI AL SENATO, E AVRÀ LA MAGGIORANZA SOLO GRAZIE ALL’ASTENSIONE DI “ITALIA VIVA” - UN GOVERNICCHIO CON QUESTI NUMERI NON PUÒ REGGERE SUL LUNGO PERIODO, SENZA CONSIDERARE CHE TRASCINARE PER SETTIMANE LE TRATTATIVE CON I TRANSFUGHI RISCHIA DI FAR INCAZZARE ANCORA DI PIÙ I CITTADINI. ALLARGARE LA MAGGIORANZA SENZA RENZI È COMPLICATO, ANCHE PERCHÉ L’UNICA STRADA ACCETTATA DAL PREMIER AL MOMENTO È UN CONTE-TER SENZA DIMISSIONI (SE LE RASSEGNASSE, RISCHIEREBBE DI FINIRE SUBITO IN PELLICCERIA)

QUI RADIO COLLE, PARLA MARZIO BREDA: “LA SORTE DEL GOVERNO, E L'OBBLIGO DEL QUIRINALE A GESTIRE LA CRISI, DIPENDERÀ DA QUELLO CHE CONTE DIRÀ TRA OGGI E DOMANI IN PARLAMENTO. E ANCHE DA COME LO DIRÀ. QUI NASCE IL PUNTO INTERROGATIVO CHE INQUIETA PURE IL QUIRINALE: COME PARLERÀ CONTE A RENZI? SI TAGLIERÀ I PONTI DIETRO LE SPALLE, RIVOLGENDOSI AL SENATORE DI FIRENZE CON L'ASPREZZA CHE USÒ VERSO SALVINI, IL 20 AGOSTO 2019? O RICORRERÀ A QUALCHE ASTUZIA RETORICA PER TENERE LA PORTA APERTA A UN'IPOTETICA COLLABORAZIONE CON IV?”