IL POTERE LOGORA CHI NON CE L’HA - CONTE, TRAVIATO DAGLI ANNI A PALAZZO CHIGI, SI SENTE INDISPENSABILE: “RESTO ANCHE SE IL MOVIMENTO PRENDE IL 5%” - PEPPINIELLO APPULO TIENE A BADA LE AMBIZIONI DI DI BATTISTA: “ORA È FUORI DAL M5S, MA CI CONFRONTEREMO. SE VUOLE DARE UN CONTRIBUTO MI FA PIACERE, OVVIAMENTE TROVERÀ UN M5S CAMBIATO. ABBIAMO UNA CARTA DEI VALORI E UNA CHIARA IDENTIFICAZIONE ATLANTICA” - CEFFONE ANCHE A VIRGINIA RAGGI CHE LO HA CRITICATO SULLA COMPOSIZIONE DELLE LISTA: “È UNA RESPONSABILITÀ DEL LEADER”

-

Condividi questo articolo


1 - DI BATTISTA CHIEDE "GARANZIE" A CONTE RAGGI: BASTA COL PD

Estratto dell’articolo di Luca De Carolis per il “Fatto quotidiano”

 

giuseppe conte su tiktok giuseppe conte su tiktok

Lui, l'ex per modo di dire, potrebbe tornare, ma alle sue condizioni: sempre che l'avvocato non lo tema perché troppo forte. Lei, l'ex sindaca, rinfaccia proprio a Giuseppe Conte e "a tutti gli altri big" gli anni con il Pd […] Alessandro Di Battista e Virginia Raggi, romani, più o meno coetanei, storicamente in buoni rapporti, sono i volti del M5S che un tempo vinceva […] […] l'avvocato risponde su un'eventuale candidatura per Michele Santoro: "Ci parleremo e vedremo se vuole dare un contributo però non offriamo posti di capolista così, non facciamo cartelli".

 

Non chiude ma non spalanca la porta, l'ex premier. Anche perché ora deve capire innanzitutto cosa fare con Di Battista, appena rientrato dalla Russia. […] Ieri Conte gli ha lanciato l'ennesimo messaggio: "Alessandro è un interlocutore importante, ci confronteremo. Mi sembrerebbe improprio nei suoi confronti dare per scontato un suo ritorno, vedremo se vorrà dare un contributo e quale. A me farebbe piacere, ma troverà un M5S cambiato".

 

giuseppe conte beppe grillo giuseppe conte beppe grillo

Della serie prego, entri pure, ma il padrone di casa sono io. A Di Battista andrebbe bene? […] ha chiesto assicurazioni "sulle battaglie politiche e determinate garanzie". Non vuole sentirsi un ospite indesiderato. E non vuole essere neppure un mero portatore di voti. Pretende che certi temi siano in agenda, e libertà di espressione. […] Prima aspetta altri segnali. Anche sull'opinione degli altri big su un suo rientro, perché non tutti lo aspettano a braccia aperte. Forti dubbi li avrebbe innanzitutto Roberto Fico, che teme cortocircuiti sulla politica estera. Ma anche altri big borbottano. Temono che Di Battista commissari il leader e tutti i vertici, in un amen. Un'ansia che ha anche l'avvocato. […]

virginia raggi alessandro di battista virginia raggi alessandro di battista

 

2 - CONTE "AL GOVERNO CON IL PD? IMPROBABILE, PER ADESSO IO RESTO ANCHE CON IL 5%"

Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

Giuseppe Conte […] Con la destra non governerà più, giura: «Non gli affiderei nemmeno le chiavi del condominio».

 

E con il Pd? Conte non è così netto. Non lo esclude.

«Anche se l'alleanza è improbabile, in questo momento». Lui in ogni caso rimarrà alla testa del M5S anche dovesse scivolare al 5%. «Non mi interessano le percentuali». Ma è sicuro: «Senza spocchia: saremo la sorpresa di queste elezioni».

 

GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

[…] Quindi potrebbe esserci un'alleanza con il Pd?

«In questo momento mi sembra abbastanza improbabile. […] Con Fratoianni ci siamo telefonati. Ma se stanno discutendo di seggi, con noi non c'è alcuna valutazione da fare».

 

Campo largo anche nelle regioni?

«Quello che si decide a Roma, vale per le altre città. Mi dispiace per Nicola Zingaretti, ma ultimamente l'ho visto infatuato da Calenda».

virginia raggi alessandro di battista virginia raggi alessandro di battista

 

Se le elezioni andassero male, sotto quale soglia si dimetterebbe? Il 10 per cento?

«La leadership è un mestiere usurante, ma non mi preoccupano le percentuali […]». […]

 

Di Battista sarà in lista?

«Per noi è un interlocutore, ora è fuori dal M5S, ma ci confronteremo».

 

Non teme che possa farle le scarpe, una volta in Parlamento?

«[…] Se Di Battista vuole dare un contributo mi fa piacere, ovviamente troverà un M5S cambiato. Abbiamo una carta dei valori e una chiara identificazione atlantica».

giuseppe conte a zona bianca 2 giuseppe conte a zona bianca 2

 

E Virginia Raggi?

«Resterà consigliere comunale».

 

I capilista li decide lei o bastano le parlamentarie?

«La formazione delle liste è responsabilità del leader».

 

[…] È leader del M5S da un anno, che errori si rimprovera?

«Ho sottovalutato quello che stava accadendo con Di Maio durante l'elezione del Quirinale. Ha cercato di accreditare il fatto che controllasse tutti i voti. Andava chiarito subito che non era vero».

ALESSANDRO DI BATTISTA VIRGINIA RAGGI PH LAPRESSE ALESSANDRO DI BATTISTA VIRGINIA RAGGI PH LAPRESSE

 

La scissione l'ha toccata?

«Ci sono rimasto male. Adesso Di Maio deve dimostrare se ha la stoffa del leader che non abbandona coloro che ha portato con sé, oppure se cerca un posto sicuro sotto le insegne del Pd, vicino Bibbiano».

 

È stato un errore far cadere Draghi?

«Il primo a togliere la campanella del governo a Draghi è stato il Pd, con l'inceneritore. Poi Di Maio ha fatto una scissione, bombardandoci tutti i giorni. E poi siamo intervenuti noi.

Ma abbiamo incalzato il governo sulle priorità degli italiani. Lo rifarei mille volte».

alessandro di battista virginia raggi alessandro di battista virginia raggi

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE