PREFERIVATE L'EUROCRAC? - LA BCE RISPONDE PER LE RIME ALLA CORTE COSTITUZIONALE TEDESCA CHE HA DICHIARATO PARZIALMENTE ILLEGITTIMO IL QUANTITATIVE EASING: 65MILA PAROLE PER DIRE CHE È VERO CHE I RISPARMIATORI HANNO VISTO RIDURSI IL LORO REDDITO DA INTERESSI (ARGOMENTO CHIAVE DEI CONTESTATORI DELLA BCE), L'ECONOMIA ''SAREBBE ANDATA MOLTO PEGGIO SENZA QUEGLI STIMOLI CHE HANNO CREATO LE CONDIZIONI FINANZIARIE PER CONTRASTARE LA DISINFLAZIONE ED EVITARE I RISCHI DI DEFLAZIONE''

-

Condividi questo articolo

 

Antonio Pollio Salimbeni per “il Messaggero

CORTE COSTITUZIONALE TEDESCA MERKEL CORTE COSTITUZIONALE TEDESCA MERKEL

 

Più vantaggi che svantaggi dalla politica monetaria non convenzionale (gli acquisti di titoli pubblici) che ha salvato l'Eurozona e continua a proteggerla. Nessuna violazione del mandato della stabilità dei prezzi. Nessun tentativo di finanziare arbitrariamente gli stati. Nessuna evidenza che i bassi tassi di interesse abbiano spinto allo «zombie lending», al sostegno di entità senza valore economico. È su tutta la linea la difesa della Bce dalle critiche dalla Corte federale tedesca che ne ha messo in causa strategia e ha inferto pure un colpo alla Corte di giustizia Ue che ha stabilito la piena legittimità delle scelte della banca centrale europea.

 

I PUNTI

christine lagarde jens weidmann christine lagarde jens weidmann

Come era atteso, la risposta ai rilievi dei massimi giudici tedeschi non è stata diretta, ma è contenuta in un documento di 65 mila parole. È la lunghissima minuta dell'ultima riunione dei governatori il 3-4 giugno. Rispondere direttamente ai giudici tedeschi avrebbe implicato riconoscere la loro primazia rispetto alla Corte di giustizia dell'Unione, via impercorribile. La scelta più soft è stata la pubblicazione di un articolato resoconto dell'ultima riunione Bce, proprio quella in cui sono state abbondantemente rinvigorite le munizioni anticrisi (portando a 1.350 miliardi di euro le operazioni di acquisto di titoli prorogati a fine giugno 2021). Un atto comunque dovuto.

 

corte costituzionale tedesca corte costituzionale tedesca

La Corte federale costituzionale non aveva contestato l'attuale meccanismo antipandemia, bensì il precedente programma di acquisto ancora in corso, chiedendo di dimostrarne la proporzionalità. In caso contrario imponendo alla Bundesbank di non parteciparvi. Siamo all'epilogo evocato dal ministro delle finanze Scholz con queste parole: «Non è un dramma senza soluzione, vedremo presto una soluzione senza drammi». Di «soluzione pragmatica e ragionevole senza mettere in discussione l'indipendenza della Bce» parla il governatore finlandese Olli Rehn.

 

Nella minuta la Bce riporta analisi e discussione: il riacquisto del debito degli stati sul mercato è una misura «proporzionata», che ha permesso di perseguire l'obiettivo della stabilità dei prezzi. «C'è un ampio consenso sul fatto che gli effetti collaterali negativi erano stati finora chiaramente compensati dagli effetti positivi sull'economia e per la stabilità.

 

MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN

E ancora: è vero che i risparmiatori hanno visto ridursi il loro reddito da interessi (argomento chiave dei contestatori della Bce), «ma per giudicare gli effetti complessivi sul reddito delle famiglie va tenuto presente che gli effetti macroeconomici significativi degli acquisti di titoli hanno contribuito a salari più alti e a maggiore occupazione con conseguenze positive sul reddito disponibile e sui consumi».

 

In sostanza, l'economia «sarebbe andata molto peggio senza quegli stimoli che hanno creato le condizioni finanziarie per contrastare la disinflazione ed evitare i rischi di deflazione» (attualmente di ritorno). Quanto alla nazionalità dei titoli acquistati, uno dei fattori della proporzionalità delle scelte Bce, viene ribadita la necessità di essere flessibili così come di mantenere la proporzione riferita alla quota di capitale nella Bce di ciascuno stato come «guida di riferimento».

 

RUSH FINALE

draghi merkel draghi merkel

Sul versante politico dell'Eurozona, da segnalare le tre candidature alla presidente dell'Eurogruppo: sono la vicepremier spagnola e ministra dell'economia Nadia Calviño (area socialista), il ministro delle finanze irlandesi Paschal Donohoe (Ppe) e il ministro delle finanze del Lussemburgo Pierre Gramegna (liberale). Favorita appare Calviño: la sua competenza è ampiamente riconosciuta; la casella dell'Eurogruppo era stata attribuita ai socialisti e non ci sono segnali di cambiamenti rispetto agli accordi tra le famiglie politiche; è una donna e all'Eurogruppo si sono sempre alternati uomini (dal 2013 quando è stato istituita la presidenza permanente). L'Eurogruppo deciderà il 9 luglio.

 

Condividi questo articolo

politica

TE LO DO IO IL SESSISMO! - A PROPOSITO DELLA SENATRICE MAIORINO CHE SI METTE A FARE LEZIONI DI MORALE ED ETICA, ACCUSANDO DAGOSPIA DI ESSERE RESPONSABILE DEL "DECADIMENTO DELL'INFORMAZIONE IN ITALIA", RICORDIAMO COSA USCIVA DI INSULTI E OFFESE ALLE DONNE DALLA BOCCUCCIA DI BEPPE GRILLO - L'ELEVATO DIEDE DELLA ''VECCHIA PUTTANA'' ALLA RITA LEVI MONTALCINI E DELLA "PUTTANACCIA, VECCHIA, SCHIFOSA" ALLA GRANDE SCIENZATA INFORMATICA GRACE MURRAY HOPPER - DA PARTE SUA IL DEPUTATO GRILLOZZO DE ROSA APOSTROFO’ LE COLLEGHE DEL PD COSÌ: "SIETE QUI PERCHÉ BRAVE SOLO A FARE I POMPINI" - PER ARGINARE MINACCE E SCONCEZZE CHE PROSPERAVANO SUL BLOG DI GRILLO, LA VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, MARA CARFAGNA, SI RIVOLSE ALLA MAGISTRATURA – E SULLA BOSCHI E LA PICIERNO..

NO, NON CI POSSO CREDERE: ANCHE BILL EMMOTT SDOGANA IL PLURI-PREGIUDICATO SILVIO BERLUSCONI! – CERTO, L’EX DIRETTORE DELL’ECONOMIST NON RINNEGA IL SUO “UNFIT” AL BANANA COME PREMIER, " MA SAREBBE UN AZIONISTA PERFETTAMENTE ACCETTABILE NELLA COALIZIONE, E NON SAREBBE INEDITO, VISTO CHE HA GIÀ SOSTENUTO MARIO MONTI" - E POI SI CHIEDE, IGNORANDO QUANTE CAPRIOLE, DA DRAGHI A LETTA, STA FACENDO  DI MAIO: ''QUANTI 5STELLE LO ACCETTEREBBERO?'' - ''IL PRODI PRO-BANANA È UNA TATTICA PER SEPARARE IL CENTRODESTRA" - L'UNICO CHE ATTACCA E' RENZI: "QUANDO ERA PREMIER HA SPRECATO UN'OPPORTUNITA' STORICA..."

NELLE FAUCI DI TRUMP – IL PRESIDENTE AMERICANO IN MODALITÀ KAMIKAZE SI METTE A SFIDUCIARE IL POPOLARISSIMO “IMMUNOLOGO-IN-CHIEF”: “È UN UOMO SIMPATICO, MA HA COMMESSO TANTI ERRORI” – INTANTO I SUOI COLLABORATORI MENANO: IL RESPONSABILE SOCIAL DELLA CASA BIANCA DAN SCAVINO HA PUBBLICATO UNA VIGNETTA IN CUI PARAGONA FAUCI A UN RUBINETTO CHE PERDE, MENTRE FILTRA UN MEMORANDUM ANONIMO CON “TUTTI GLI ERRORI” COMPIUTI DAL MEDICO IN QUESTI MESI. PECCATO CHE LA COMUNITÀ SCIENTIFICA SIA COMPATTA CON LUI. TE CREDO, ALMENO NON HA CONSIGLIATO DI INIETTARSI DISINFETTANTI IN VENA! - VIDEO

“VOGLIO FARE IL PARTITO DEI MODERATI” - SONO LONTANI I TEMPI IN CUI DI MAIO ABOLIVA LA POVERTÀ E INCONTRAVA I GILET GIALLI: ORA IL MINISTRO HA CAPITO CHE LA POLITICA E' SANGUE, MERDA E MEDIAZIONE – E INFATTI L’EX BIBITARO NEGLI ULTIMI TEMPI PREFERISCE INCONTRARE RENZI E GIANNI LETTA E NON CASALEGGIO E DI BATTISTA. COSÌ, QUANDO CONTE FINIRÀ IN PELLICCERIA, POTREBBE ESSERE LUI A DARE LE CARTE - IL RAPPORTO CON IL QUIRINALE VIA UGO ZAMPETTI E I BUONI UFFICI CON GIORGETTI...