PRENDETE I POP CORN E GUSTATEVI I SILURI TRA TRA CARFAGNA E MELONI! - AL FORUM “VERSO SUD” LE DUE NON SI SONO TIRATE I CAPELLI GIUSTO PERCHÉ LA “DUCETTA” ERA COLLEGATA DA REMOTO. TUTTO È INIZIATO QUANDO GIORGIA HA DETTO: “SPERIAMO CHE L'OBIETTIVO DI QUESTO CONVEGNO SIA IL SUD E NON QUELLO CHE RACCONTANO I RETROSCENA DEI GIORNALI”. CIOÈ CHE L’EVENTO FOSSE IL TRAMPOLINO DI LANCIO DELLA MINISTRA VERSO LA LEADERSHIP DEL CENTRO CHE VERRÀ - LA REPLICA DI MARA, COLTA IN FALLO: “SONO UNA DONNA DELLE ISTITUZIONI, DI CUI HO UN RISPETTO SACRO” (ARRIVEDERCI AL PROSSIMO ROUND)

-

Condividi questo articolo


Monica Guerzoni per il “Corriere della Sera

 

meloni e carfagna contro la maternita surrogata 4 meloni e carfagna contro la maternita surrogata 4

Finisce con la pizza al limone impastata e sfornata al momento, con il carretto dei coni gelato, con Mara Carfagna, protagonista e padrona di casa del forum Verso Sud, che si fa i selfie tra i tavoli attovagliati di bianco assieme a marito e staff.

 

La ministra di Forza Italia è soddisfatta perché l'evento ha avuto grande risalto mediatico e politico, felice e al tempo stesso furiosa. A farla arrabbiare è stata Giorgia Meloni, non tanto perché non si è materializzata tra gli ulivi, i fiori e gli agrumi di Villa Zagara ma si è collegata da remoto, quanto per quello che ha detto e quel che non ha detto e chiaramente insinuato.

 

meloni e carfagna contro la maternita surrogata 3 meloni e carfagna contro la maternita surrogata 3

Lo scontro

Succede durante il dibattito con i leader dei partiti, Letta, Conte, Meloni, Tajani e Calenda con la regia di Enrico Mentana. La presidente di FdI parla di Sud e infrastrutture del Pnrr, ma tra i dati, le riforme da fare e le punzecchiature al governo lascia cadere una battuta che irriterà (molto) Carfagna: «Grazie per l’invito... Speriamo che l'obiettivo di questo convegno sia il Sud e non quello che raccontano i retroscena dei giornali».

 

meloni e carfagna contro la maternita surrogata 2 meloni e carfagna contro la maternita surrogata 2

E cioè che Verso Sud, organizzato dallo studio Ambrosetti, non sia solo la «Cernobbio del Mezzogiorno», bensì il trampolino di lancio della ministra verso la leadership del centro che verrà. Carfagna nell'intervento di chiusura va giù dura: «Non utilizzo i presidenti Mattarella, Draghi e Fico per eventuali mie ambizioni personali. Sono una donna delle istituzioni, di cui ho un rispetto sacro».

 

GIORGIA MELONI MARA CARFAGNA GIORGIA MELONI MARA CARFAGNA

E prima di togliere al Mezzogiorno l'abito di Cenerentola, scagiona la stampa e accende i riflettori su Meloni: «Non ho mai superato il limite tra politica e istituzioni e ho il massimo rispetto dei giornalisti, che ringrazio per la passione. A loro e non a noi che conosciamo le regole della politica è consentito immaginare retroscena».

 

In fondo alla sala l'ascoltatissima consigliera politica di «Mara», Flavia Perina, loda sottovoce la ministra per aver «sistemato» la rivale: «Giorgia rosica?».

 

I partiti

mara carfagna al forum verso sud 1 mara carfagna al forum verso sud 1

La candidatura di Carfagna come pasionaria e leader anti-Meloni è servita, l'attenzione della stampa si sposta sul venticello di distinguo e veleni che si respira tra (e nei) partiti di centrodestra.

 

Prendiamo Forza Italia. Mentre Carfagna parla dal palco, Antonio Tajani e Mariastella Gelmini se ne stanno appartati vicino al buffet che si va riempiendo di mozzarella di bufala ancora calda. E qui è la ministra per gli Affari regionali a sfogare il suo risentimento verso Licia Ronzulli, la collega più vicina a Berlusconi, che proprio ieri l'ha nominata commissaria del partito in Lombardia.

 

mara carfagna al forum verso sud 2 mara carfagna al forum verso sud 2

Le tensioni restano forti anche nell'area progressista, per il continuo smarcarsi di Conte dalla linea del governo. Il leader del M5S schiva il confronto diretto e sceglie di collegarsi in video. Mentana lo incalza sulla tenuta del governo («Draghi durerà almeno fino alla fine della legislatura?») e l'ex premier giura: «Sottoscrivo».

 

sergio mattarella mara carfagna al forum verso sud 1 sergio mattarella mara carfagna al forum verso sud 1

Poi però svicola, portando il dibattito sulla fiscalità di vantaggio. A sera, ecco che i 5 Stelle lanciano un'altra mina verso Chigi facendo sapere che «alla prima occasione possibile, nel calendario parlamentare, il M5S chiederà un voto che possa definire una chiara strategia dell'Italia su invio delle armi all'Ucraina e la posizione da portare nei consessi internazionali».

 

sergio mattarella mara carfagna al forum verso sud 2 sergio mattarella mara carfagna al forum verso sud 2

Come a dire che la linea di Draghi non è chiara. Il leader del Pd La brezza che soffia è questa. Tanto che il segretario del Pd, Enrico Letta, dal palco di Sorrento un po' sforna ricette sul Sud e un po' richiama i leader: «Questa esperienza di governo deve durare fino alla data naturale delle elezioni».

 

Carfagna Draghi a Sorrentosotto lo sguardo severo di Mattarella Carfagna Draghi a Sorrentosotto lo sguardo severo di Mattarella

I temi dell'ultima giornata del forum rischiano di finire schiacciati dalle risse politiche: trasporti e porti da implementare, emergenza energetica da risolvere. Mariastella Gelmini punta sul Ponte di Messina. Il ministro dell'Economia, Daniele Franco, teme che il Pnrr non basti «se non si imprime una forte accelerazione all'economia del Sud».

 

E Renato Brunetta, arrivato con la moglie Titti, invoca «un segnale forte di rilancio». Venerdì Draghi ha messo al centro il dramma della fame nel mondo e Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, chiede che la sicurezza alimentare «diventi una priorità nell'agenda politica».

 

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

politica

ERDOGAN ABBAIA E MORDE – LUCIO CARACCIOLO: “È STATO IL PROTAGONISTA DEL VERTICE NATO DI MADRID. STA TESSENDO LA TRAMA DI UNA SFERA D'INFLUENZA AMPLISSIMA. IL SUO RAGGIO D'AZIONE VA DALLA TRIPOLITANIA AL CORNO D'AFRICA, DAI BALCANI ALL'AZERBAIJAN, CON PERNO SUL GRANDE MEDITERRANEO. OBIETTIVO, EMANCIPARSI DAL VINCOLO ANATOLICO PER AFFERMARSI POTENZA ANCHE MARITTIMA, CAPACE DI SPINGERSI VERSO LE GRANDI ROTTE OCEANICHE. LÌ DOVE SI GIOCA LA PARTITA STRATEGICA CHE DECIDERÀ IL FUTURO DI QUESTO SECOLO: LO SCONTRO FRA AMERICA E CINA” –

“SE CONTE DECIDESSE DI FARE POLITICA E LASCIASSE IL GOVERNO DRAGHI, SAREI DISPOSTO A DARE UNA MANO” – BOOM! MICHELE SANTORO È PRONTO A SCENDERE (DI NUOVO) IN POLITICA AL FIANCO DI “GIUSEPPI”, MA SOLO SE SI STACCA DA “MARIOPIO” E DAL PD: “IN ITALIA MANCA LA SINISTRA, E NON È UN MISTERO, MA SI PUÒ RICOSTRUIRE UN'OFFERTA PLITICA INTORNO ALLA QUESTIONE DELLA GUERRA" - "SE LA LOGICA È QUELLA DI CASALINO, UNA ‘CASETTA NUOVA’ PER LA ‘MERCANZIA VECCHIA’, NON CI CASCA NESSUNO. NIENTE STAMPELLE AL PD. IO CI CREDO. CONTE È ARRIVATO IN POLTICA PER GENTILE CONCESSIONE, MA NON CI PUÒ RESTARE A LUNGO. O LA FA, LA POLITICA, O NON ESISTERÀ PIÙ”