PRIMA IL NORD, POI IL SUD SI INCAZZA - NON È IL CASO CHE IL MINISTRO LEGHISTA DEL TURISMO MASSIMO GARAVAGLIA RIMUOVA LO SLOGAN "PRIMA IL NORD" DAL SUO SITO PERSONALE CHE NON AGGIORNA DAL 2018? SE NE SONO ACCORTI DUE IMPRENDITORI NAPOLETANI FONDATORI DEL PORTALE "VISIT ITALY": "UN RAPPRESENTANTE DEL PAESE, COSÌ ATTENTO AL WEB, NON PUÒ LASCIARE MESSAGGI CHE DIVIDONO L'ITALIA..."

-

Condividi questo articolo


Anna Laura de Rosa da www.repubblica.it

 

MASSIMO GARAVAGLIA MASSIMO GARAVAGLIA

Rimuovere lo slogan "Prima il Nord" dal sito personale del ministro al Turismo Massimo Garavaglia. È la battaglia ingaggiata da Visit Italy, famoso portale di promozione turistica fondato da due imprenditori partenopei, Ruben Santopietro e Paolo Landi.

 

Le notizie e i comunicati stampa sul sito personale dell'esponente della Lega nominato dal governo Draghi sono fermi al 2017/2018 ma "un rappresentante delle istituzioni così attento al web dovrebbe rimuovere dalla propria pagina messaggi che dividono il Paese" dice Santopietro di Marketing Italia, società leader in Europa per la promozione turistica e che gestisce portali di successo come appunto "Visit Italy" e progetti di promozione del territorio sia pubblici che privati.

 

garavaglia sito prima il nord garavaglia sito prima il nord

"Il turismo è una risorsa essenziale anche per Centro e Sud Italia - prosegue - Da Nord a Sud lo stivale ha bellezze paesaggistiche che il mondo ci invidia. Tra i compiti di un ministro, soprattutto come quello del turismo, c'è sicuramente la promozione dell'Italia e delle sue meraviglie".

 

Da qui la richiesta di rimuovere la scritta "Prima il Nord" presente su massimogaravaglia.net, la pagina del neoministro del Carroccio ferma a qualche anno fa. "Sicuramente l'attaccamento al partito è importante - sottolinea l'imprenditore partenopeo - ma quando si ricopre un ruolo istituzionale che interessa l'intero paese, alcuni slogan dovrebbero essere messi da parte".

 

GIANCARLO GIORGETTI MASSIMO GARAVAGLIA GIANCARLO GIORGETTI MASSIMO GARAVAGLIA

Questo è il secondo round della polemica a distanza scattata tra il ministro e Santopietro nel salotto di Porta a Porta su Rai 1, dove Garavaglia aveva dichiarato mercoledì scorso: "Dobbiamo investire nel digitale, avere una piattaforma che funzioni bene è fondamentale oggi, se un americano cerca 'visit Italy' non trova italia.it, ma un sito di un privato".

 

MASSIMO GARAVAGLIA ERIKA STEFANI MASSIMO GARAVAGLIA ERIKA STEFANI

"È triste - commenta Santopietro su Facebook - lavorare per anni ad un progetto, ottenere anche dei riconoscimenti a livello europeo, per poi essere considerati quasi come un problema da un ministro della Repubblica Italiana. Siamo sicuri della buona fede ma le sue parole hanno chiaramente un tono provocatorio. Ancora oggi, nel 2021, la sensazione è che la politica veda il privato più come un nemico che come un alleato. Risultare primi negli Stati Uniti alla ricerca "Visit Italy", senza disporre dei 45 milioni investiti per Italia.it è stato un duro lavoro e ha previsto un impegno che forse merita più rispetto".

 

MASSIMO GARAVAGLIA LAURA CASTELLI MASSIMO GARAVAGLIA LAURA CASTELLI

Dopo aver visto la trasmissione, il team ha cercato il sito personale del ministro "e abbiamo appurato che nella home in prima pagina c'è lo slogan: "Prima il Nord" - conclude Santopietro - Noi siamo una realtà nata a Napoli e da anni promuoviamo i territori di tutta Italia in 180 paesi del mondo. Speriamo che non sia stato proprio questo ad infastidire il ministro della Lega. Certo è che se adesso ricopre una carica istituzionale, il suo dovere è lavorare per l'Italia intera, centro e sud inclusi. Chiediamo formalmente la rimozione di questo slogan a nome di migliaia di operatori del settore".

garavaglia garavaglia MASSIMO GARAVAGLIA MASSIMO GARAVAGLIA MASSIMO GARAVAGLIA MASSIMO GARAVAGLIA MASSIMO GARAVAGLIA MASSIMO GARAVAGLIA

 

Condividi questo articolo

politica

IL CASO SALVINI - PERCHÉ LA PROCURA DI CATANIA CHIEDE L'ARCHIVIAZIONE, MENTRE QUELLA DI PALERMO LO RINVIA A PROCESSO, SU CASI CHE MAGARI NON SONO MA APPAIONO SIMILI? IL CASO OPEN ARMS NON SI PUÒ ADDEBITARE SOLO AL TRUCE, VISTO CHE È STATO DECISO ANCHE DA CONTE E TONTINELLI - PER SALVINI IL PROCESSO SARÀ UN PROBLEMA PERSONALE E INSIEME UN'OPPORTUNITÀ POLITICA PER TENERE A BADA L’EMERGEMTE MELONI: QUELLA DI ERGERSI A DIFENSORE UNICO DELL'ITALIA CONTRO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

IL RECOVERY PLAN È PRONTO DA GIORNI. COME MAI DRAGHI LO PRESENTERÀ A BRUXELLES L’ULTIMO GIORNO POSSIBILE? PERCHÉ E’ L’UNICO MODO PER FAR INGOIARE AI PARTITI IL SUO “PIANO NAZIONALE DI RILANCIO E RESILIENZA". ILLUSTRARLO OGGI AVREBBE INNESCATO L’ASSALTO AL BUFFET DEI POLITICI. QUANDO VERRÀ INVECE PORTATO ALLE CAMERE IL 26 E 27 APRILE, I PARTITI SI TROVERANNO CON LE SPALLE AL MURO: O LO ACCETTERANNO COSÌ COME VUOLE DRAGHI O SI ASSUMERANNO LA RESPONSABILITÀ DI FAR PERDERE AL PAESE 209 MILIARDI - PER DRAGHI, CHE CI HA PRESO GUSTO DI STARE A PALAZZO CHIGI, ''TUTTO DEVE CAMBIARE'' ANCHE SOTTO IL PROFILO ISTITUZIONALE, PERSINO COSTITUZIONALE (RIFORMA DELLA GIUSTIZIA)