LA PRIMA PROPOSTA CONCRETA DI CALENDA: UNA MENSILITÀ IN PIÙ PER I LAVORATORI, COMPLETAMENTE DETASSATA E DECONTRIBUITA CHE GLI IMPRENDITORI POSSONO RECUPERARE CON UN CREDITO DI IMPOSTA AL 50% - “QUESTO CONSENTIREBBE A CHI HA UNO STIPENDIO DI 1.300 EURO DI PRENDERE UNA EXTRA MENSILITÀ DECONTRIBUITA E DETASSATA DI 2.000 EURO OGNI ANNO. LO STATO  METTE IL 50% E L'ALTRO 50% CE LO METTONO GLI IMPRENDITORI” - LA SFIDA A BERLUSCONI: “FACCIAMO UN BEL CONFRONTO TV DOVE VUOLE LUI. ANCHE A CASA SUA. ANCHE SU RETE4. ANCHE MODERATO DA MINZOLINI”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di A. Gen. per “il Messaggero”

 

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

[…] Come è «logico e di buonsenso», secondo Calenda, sostenere i lavoratori in difficoltà a causa dell'inflazione. E poco importa che questo sia un tema caro alla sinistra. Da qui il lancio della prima proposta elettorale: «Una mensilità in più completamente detassata e decontribuita che gli imprenditori possono recuperare con un credito di imposta al 50%. Questo consentirebbe ad una persona che ha uno stipendio di 1.300 euro di prendere una extra mensilità decontribuita e detassata di 2.000 euro ogni anno e lo aiuterebbe ad annullare gli effetti dell'inflazione sul carovita. È una cosa che molti imprenditori stanno facendo però tutto sulle spalle loro».

carlo calenda 3 carlo calenda 3

 

Spiegazione ulteriore: «Lo Stato deve mettere il 50% di questa mensilità in più. Facciamo un patto, leviamo tutte le tasse e i contributi su quella mensilità e l'altro 50% ce lo mettono gli imprenditori. Così noi riusciamo a recuperare totalmente il potere d'acquisto con un'operazione che sta nei conti pubblici. Quest' anno abbiamo un extra gettito dell'Iva derivante dall'inflazione».

 

MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA

«Questa è una proposta concreta», chiosa il leader di Azione, «quando invece sentite le decine di miliardi di euro che vengono promessi... Ecco, quelle non sono proposte concrete». Chiaro il riferimento a Silvio Berlusconi e Calenda, impegnato com' è a «strappare i voti a Forza Italia, farà del Cavaliere il suo bersaglio quotidiano.

Non a caso il leader di Azione già sfida il Cavaliere: «Facciamo un bel confronto televisivo. Dove vuole lui. Anche a casa sua. Anche su Rete4. Anche moderato da Minzolini. Aspetto fiducioso per dimostrare che ciò che dice Berlusconi non è vero».

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE