LA PROPAGANDA DEL CREMLINO NON CONOSCE PIÙ VERGOGNA - ADESSO I RUSSI VOGLIONO PERSINO RISCRIVERE ORWELL: SECONDO IL MINISTERO DEGLI ESTERI "PER MOLTI ANNI ABBIAMO PENSATO CHE STESSE DESCRIVENDO IL TOTALITARISMO. MA QUESTO È UNO DEI PIÙ GRANDI FALSI GLOBALI. CRITICAVA IL LIBERALISMO" - UN ROVESCIAMENTO DELLA REALTÀ CHE SI SCONTRA CONTRO LA PROFEZIA DEL CAPOLAVORO "1984"

-

Condividi questo articolo


Jacopo Iacoboni per “La Stampa

 

1984 di orwell 1984 di orwell

Nuove, astrali vette della propaganda del Cremlino. Si riscrive Orwell, con ciò inverandolo definitivamente.

 

L'altro giorno, di fronte a una puntuta domanda di una studentessa universitaria di Ekaterinburg, Maria Zakharova, portavoce del ministro degli Esteri russo Serghey Lavrov, si è prodotta in una rilettura ai confini della realtà, e più probabilmente oltre.

 

La giovane aveva messo il dito sulla situazione a suo dire orwelliana creatasi in Russia con «l'operazione militare speciale» in Ucraina, cosa di per sé interessante, perché i segnali di insoddisfazione verso l'avventura bellica criminale, benché carsici, si stanno moltiplicando, in Russia, tra defezioni di top manager del gas e lettere d'accusa da parte di alti diplomatici: «Qui, nel nostro paese - ha detto la giovane - sentiamo l'ascesa di un patriottismo nazionalista. E amici e parenti dall'estero ci dicono che siamo un riflesso del romanzo "1984". Cosa possiamo rispondere loro?».

 

maria zakharova maria zakharova

Zakharova, che un paio d'anni fa per sbaglio aveva chiamato quel romanzo "1982", stavolta non ha vacillato: «Un momento, aspetta», ha fermato la ragazza. Poi è partita in una incredibile lectio magistralis che riscrive completamente il campo ultrasettantennale degli studi su Orwell: «Per molti anni abbiamo pensato che Orwell stesse descrivendo il totalitarismo. Ma questo è uno dei più grandi falsi globali. Orwell ha scritto sulla fine del liberalismo. Ha scritto di come il liberalismo porterebbe l'umanità in un vicolo cieco.

Non ha scritto dell'Unione Sovietica, ha scritto della società in cui viveva, del crollo dell'idea del liberalismo. E invece vi hanno messo in testa che ha scritto di noi, di te».

 

george orwell george orwell

In pratica Orwell sarebbe nient'altro che un antecedente della tesi esposta da Vladimir Putin in una famosa intervista al Financial Times: la fine del liberalismo, «il liberalismo è obsoleto».

 

Il traduttore russo di Orwell, Viktor Golyshev, un'autorità nel campo, ha ricordato su un canale Telegram come la cosa non stia in piedi neanche da un banale punto di vista diacronico: «Penso che 1984 sia un romanzo su uno stato totalitario. Quando Orwell lo scrisse, gli stati totalitari erano già in declino, ma tra la prima e la seconda guerra mondiale metà dell'Europa aveva governi totalitari. A quel tempo non c'era declino del liberalismo, per niente».

 

george orwell george orwell

L'orwellismo insomma, checché ne dica Zakharova, dilaga nel senso del capovolgimento integrale della realtà e del linguaggio, «la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza». L'altra sera il propagandista in capo della tv del Cremlino, Vladimir Solovyov, si è lanciato in un'altra tirata totalitaria, a sfondo antisemita: la storia, religione e lingua ucraina - ha sostenuto - sono «una finzione», un costrutto, «l'Ucraina è terra nostra, e i soldati russi non se ne andranno mai».

 

vladimir putin vladimir putin

La profezia orwelliana, al di là della riscrittura del Cremlino, continua ad aleggiare su questa guerra come uno spettro: una settimana fa una coppia di Irpin, rientrando nella casa devastata dai russi, ha trovato la libreria sottosopra e sul divano, ancora aperta, una copia di 1984. Chissà se qualche soldato russo lo stesse leggendo.

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”