PUGLIA AVVELENATA PER LETTA – IL PD LOCALE È IN RIVOLTA PER LE LISTE SCELTE DA ENRICHETTO CON I DUE RAS DELLA REGIONE, EMILIANO E BOCCIA – DUE CONSIGLIERI REGIONALI HANNO PRESENTATO UN RICORSO URGENTE PER CHIEDERE L’ANNULLAMENTO DELLE CANDIDATURE. IL MOTIVO? I CANDIDATI SONO STATI “NOMINATI CON ATTI ILLEGALI E MODALITÀ SESSISTE”, VIOLANDO UNA SERIE DI REGOLE INTERNE…

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.ilfattoquotidiano.it

 

enrico letta enrico letta

Dai territori non solo malumori, ora anche i ricorsi agli organi interni per chiedere l’annullamento delle liste. Succede in Puglia, dove il Partito democratico locale è in rivolta (o almeno una parte) per le scelte fatte e per l’assenza tra i capilista di esponenti donne.

 

Ecco che allora due consiglieri regionali dem, Ruggiero Mennea e Fabiano Amati, hanno presentato un ricorso urgente “alla Commissione nazionale di garanzia per annullare le liste del Pd Puglia e modificarle”.

 

BOCCIA EMILIANO BOCCIA EMILIANO

Secondo i due esponenti del Pd infatti, i candidati sono stati “nominati con atti illegali e modalità sessiste“. E hanno violato una serie di regole interne: “Parità di genere perché composte con soli capilista uomini; mancanza di elezioni primarie o sistema di ampia consultazione (contendibilità); uguaglianza di tutti gli iscritti; designazioni collegiali; rappresentatività politica e territoriale; pubblicità della procedura di selezione; modalità democratica di approvazione delle candidature attraverso organi rappresentativi; rinunce e sostituzioni senza riconvocare la direzione nazionale”. Secondo i due consiglieri regionali, quindi, sarebbero “numerose le violazioni”.

 

Ruggiero Mennea Ruggiero Mennea

E non ci sono solo i ricorsi. La presidente del Consiglio regionale, Loredana Capone, solo al quarto posto nel plurinominale al Senato, “sta riflettendo” se accettare o meno la candidatura. Al suo posto è finito il braccio destro di Michele Emiliano: il capo gabinetto Claudio Stefanazzi. Poi c’è chi chiede di modificare le liste perché violerebbero “gli statuti nazionali e regionali”.

 

[…] A fare scalpore, al di là delle scelte politiche, è il fatto che non ci sia neanche una donna capolista. Questi i nomi che sono stati scelti dalla direzione e da Enrico Letta: l’assessore regionale Raffaele Piemontese a Foggia; il segretario del Pd Puglia, Marco Lacarra a Bari; a Taranto il deputato uscente Ubaldo Pagano; a Lecce il capo Gabinetto della Regione Puglia, Stefanazzi. Al Senato il capolista sarà l’ex ministro Francesco Boccia.

FABIANO AMATI FABIANO AMATI

 

Condividi questo articolo

politica

ECCO COSA C’E’ DIETRO IL NO DELLA MELONI A LICIA RONZULLI MINISTRO – CECCARELLI SCODELLA UN SAPIDO RITRATTONE DELL’INFERMIERA DEL BANANA CANDIDATA A GUIDARE IL MINISTERO DELLA SANITA’ (MA LEI SMENTISCE): DALLA FOTO IN CUI ALLATTAVA A STRASBURGO ALLA TESTIMONIANZA A PROPOSITO DI IDOLETTI DELLA FERTILITÀ ACCOLTI A GIROTAVOLA DURANTE LE CENE A VILLA SAN MARTINO - “NEI GIORNI CONCITATI DEL QUIRINALE TRA RONZULLI E MELONI QUALCOSA DI STORTO DEVE ESSERSI VERIFICATO. E UN NO PRIMA ANCORA DI COMINCIARE È GIÀ UN NO CHE VALE PER IL FUTURO”