PURE LA TRENTA SCARICA SALVINI! – L’EX MINISTRA DELLA DIFESA DEL GOVERNO CONTE I, AL PROCESSO OPEN ARMS, SI SMARCA DAL “CAPITONE”: “LE DECISIONI SULL’ASSEGNAZIONE DEL PORTO SICURO ERANO COMPETENZA DEL MINISTRO DELL’INTERNO. DOPO L’ANNULLAMENTO DEL PRIMO DIVIETO DI INGRESSO DELLA NAVE MI TRASMISE UN SECONDO DECRETO, MA IO RIFIUTAI DI FIRMARLO” – “IO DA MINISTRO DELL’INTERNO NON MI SAREI MAI COMPORTATA COSÌ. I DIRITTI UMANI VANNO RISPETTATI SEMPRE”

-

Condividi questo articolo


salvini trenta salvini trenta

1. OPEN ARMS: EX MINISTRO TRENTA, DECISIONI PRESE DA SALVINI

(ANSA) - "Le decisioni sull'assegnazione del porto sicuro erano del ministro dell'Interno perché erano una sua competenza.

 

Da ministro della Difesa e in relazione ai divieti di ingresso in acque italiane a me spettava solo verificare che non si trattasse di nave militare": così l'ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta, sentita come teste al processo Open Arms, ha specificato il suo ruolo nella decisione di vietare l'ingresso in acque italiane alla nave della ong spagnola con a bordo i profughi soccorsi l'1 agosto 2019.

 

Conte Trenta Salvini Conte Trenta Salvini

Il divieto fu disposto con decreto firmato dai ministri dell'Interno, delle Infrastrutture e della Difesa. Al processo è imputato di sequestro di persona l'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini, accusato di aver illegittimamente rifiutato per giorni l'approdo alla nave spagnola. "Doveva essere un atto per scoraggiare le ong dal decidere di arrivare in Italia", ha spiegato. La ex ministra ha anche specificato che non era a conoscenza della presenza di terroristi tra i profughi soccorsi.

 

"Non è detto che io dovessi saperlo - ha aggiunto - Il problema comunque era il numero dei giorni durante i quali fu vietato lo sbarco" Il decreto con il divieto di ingresso della nave il 14 agosto fu poi sospeso dal Tar del Lazio.

 

migranti si tuffano dalla open arms migranti si tuffano dalla open arms

"Dopo l'annullamento Salvini le trasmise un secondo decreto analogo da firmare? ", ha chiesto il pm alla teste. "Sì ma io io rifiutai di firmarlo - ha risposto - perché ritenni che valesse ancor di più la decisione del Tar visto che erano passati altri giorni e che comunque era una reiterazione di un provvedimento annullato senza sostanziali novità, anzi in presenza di una situazione peggiorata".

 

2. OPEN ARMS: TRENTA, DIRITTI UMANI VANNO RISPETTATI SEMPRE

(ANSA) - "Io da ministro dell'Interno non mi sarei comportata così. Le nostre battaglie giuste non devono ricadere sui fragili e ci sono diritti umani che vanno rispettati, secondo me seppur in presenza di minacce di terrorismo. I migranti si potevano farle sbarcare e si potevano fare successivamente le verifiche relative alla presenza di eventuali terroristi a bordo della imbarcazione".

 

salvini ignora elisabetta trenta salvini ignora elisabetta trenta

Lo ha detto l'ex ministro della Difesa Trenta, teste al processo all'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini imputato a Palermo per aver vietato illegittimamente per 20 giorni alla nave della ong spagnola Open Arms di approdare e far sbarcare i profughi soccorsi in mare. "Io credevo comunque che non sarebbe stata una misura sufficiente per avere una maggiore collaborazione da parte della ong e arrivare al risultato di un controllo migliore dell'immigrazione", ha aggiunto. Trenta, dopo l'annullamento da parte del Tar del divieto di ingresso della nave spagnola in acque italiane, si rifiutò di firmare un nuovo decreto di interdizione.

migranti a bordo della open arms 1 migranti a bordo della open arms 1 open arms. open arms. migranti a bordo della open arms 2 migranti a bordo della open arms 2 Salvini al processo Open Arms Salvini al processo Open Arms

 

Condividi questo articolo

politica

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”