QUALCUNO DICA A DI MAIO, CHE SUI SOCIAL SI VANTA DI NON RISPONDERE AL TELEFONO SE LO CHIAMA BERLUSCONI, CHE DIETRO ALLA NORMA SALVA-MEDIASET C’È IL GRILLINO STEFANO PATUANELLI! – LO HA AMMESSO LO STESSO MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, DOPO UN INSISTENTE PRESSING DEL PD. I DEM SONO STUFI DI AVERE ADDOSSO LO STIGMA DEGLI “INCIUCISTI”: “NON POSSONO FARE I FURBI SULLA PELLE DEGLI ALTRI”

-

Condividi questo articolo

 

 

Matteo Pucciarelli per “la Repubblica”

 

roberto gualtieri giuseppe conte patuanelli roberto gualtieri giuseppe conte patuanelli

Alla fine è stato lo stesso ministro allo Sviluppo economico Stefano Patuanelli a spiegare pubblicamente, ospite di Sky Tg24 , che il cosiddetto salva-Mediaset era tutta farina del suo sacco, in accordo con Roberto Gualtieri. Non un emendamento a favore di Silvio Berlusconi, «ma che riguarda il mercato in generale».

 

LUIGI DI MAIO STEFANO PATUANELLI LUIGI DI MAIO STEFANO PATUANELLI

Il dietro le quinte della rivendicazione di Patuanelli è quello della profonda insofferenza e private rimostranze del Pd verso l' atteggiamento degli alleati: «Non possono mica fare i furbi sulla pelle degli altri», si sfogava ieri più di un deputato dem.

 

berlusconi letta berlusconi letta

Un riferimento al battage da anti- berlusconismo vecchio stile del M5S, in primis a Luigi Di Maio che sui social posta un articolo del 2018 in cui si vantava di non farsi trovare al telefono dal Cavaliere; mossa interpretata come il tentativo di affibbiare addosso al Pd lo stigma degli "inciucisti".

 

Da qui il pressing su Patuanelli per mettere in chiaro com' erano andate le cose: è vero che il provvedimento era stato presentato dalla senatrice del Pd Valeria Valente, ma l' origine era un' altra.

 

gianni letta luigi di maio gianni letta luigi di maio

La sequela di retropensieri attorno al provvedimento che nei fatti dà una sponda all' azienda dell' ex premier, preda ambita dai francesi di Vivendi, è bella lunga. E anche le timide aperture verso il governo giallorosso di Berlusconi e della sua pattuglia non sono certo passate inosservate.

 

berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset

Per il M5S, specie in una fase delicata come quella degli Stati generali in corso, un eventuale accordo con Forza Italia è difficile da far digerire alla propria base, già provata dalle numerose giravolte degli ultimi anni. Ma allo stesso tempo Mediaset è una azienda italiana in un ruolo strategico, impossibile disinteressarsene, e c' è una riforma complessiva del sistema delle telecomunicazioni al quale mettere mano.

 

torri mediaset torri mediaset

L' emendamento al pacchetto covid va in aula alla Camera la prossima settimana e a parte le incomprensioni tra alleati di governo, «è riuscito a spaccare il centrodestra, un colpo a nostro favore», dice il viceministro al Mise, Stefano Buffagni. La Lega infatti ha cercato di fermare la norma, facendo infuriare il Cavaliere.

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209