QUALCUNO RICORDI A SALVINI CHE GLI IDRANTI CONTRO I PORTUALI DI TRIESTE SONO COLPA SUA! - MATTIA FELTRI: "UN MINISTRO DELL'INTERNO DECISE CHE CHI MANIFESTA ROMPE LE SCATOLE A CHI VA A LAVORARE. E IL BLOCCO STRADALE TORNÒ A ESSERE REATO, LA PENA MASSIMA FU INNALZATA A DODICI ANNI. VABBÈ, AVETE GIÀ CAPITO CHI ERA IL MINISTRO. COSÌ I POVERI MANIFESTANTI DIFESI DA SALVINI RISCHIANO DI FINIRE IN GALERA GRAZIE A SALVINI, CHE FA FINTA DI NON SAPERLO"

-

Condividi questo articolo


Mattia Feltri per "La Stampa"

 

mattia feltri premio e' giornalismo 2018 8 mattia feltri premio e' giornalismo 2018 8

Oggi sono proprio contento perché per una volta sono d'accordo con Matteo Salvini. E voglio dirlo con gioia, voglio urlarlo al mondo: per una volta Salvini ha ragione! Ha mille volte ragione quando chiede al ministro dell'Interno che bisogno ci fosse di usare idranti e fumogeni contro i pacifici manifestanti di Trieste.

 

Io non condivido nulla della manifestazione dei no green pass, però, accidenti, ci sarà pure il diritto al dissenso in questo paese, sì o no? E come è possibile trasformare una protesta non violenta in un fatto delinquenziale?

 

Eh, come è possibile poi me lo hanno spiegato: perché il blocco stradale - e a Trieste bloccavano la strada - è un reato. Fu introdotto nel 1948 e prevedeva da uno a sei anni di reclusione, ma nel 1999 lo avevano depenalizzato per l'esigenza di contemperare il diritto di manifestare col diritto alla mobilità. Dunque, dal '99, soltanto una multa.

 

IDRANTI SULLA MANIFESTAZIONE AL PORTO DI TRIESTE IDRANTI SULLA MANIFESTAZIONE AL PORTO DI TRIESTE

Finché un ministro dell'Interno non decise che i due diritti col cavolo che stavano sullo stesso piano: chi manifesta rompe le scatole a chi va a lavorare, disse. E il blocco stradale tornò a essere reato. Ma siccome ormai le cose si fanno con gusto draculesco, la pena massima fu innalzata a dodici anni.

 

IDRANTI SULLA MANIFESTAZIONE AL PORTO DI TRIESTE IDRANTI SULLA MANIFESTAZIONE AL PORTO DI TRIESTE

Vabbè, avete già capito chi era il ministro. Proprio lui: il nostro caro Salvini. E poiché gli avvocati, i sindacati e i giornali dissero che era una roba cinese, Salvini rispose a modo suo: siete delle zecche!

 

matteo salvini matteo salvini

Così i poveri manifestanti di Trieste, difesi da Salvini, rischiano di finire in galera grazie a Salvini, che fa finta di non saperlo. Ecco spiegato in poche righe come i populisti fanno del male soprattutto ai populisti.

 

MATTEO SALVINI DOPO LA SCONFITTA MATTEO SALVINI DOPO LA SCONFITTA matteo salvini matteo salvini STEFANO PUZZER IN LACRIME STEFANO PUZZER IN LACRIME STEFANO PUZZER STEFANO PUZZER sgombero manifestazione porto trieste 3 sgombero manifestazione porto trieste 3 sgombero manifestazione porto trieste 9 sgombero manifestazione porto trieste 9 sgombero manifestazione porto trieste 8 sgombero manifestazione porto trieste 8 sgombero manifestazione porto trieste 2 sgombero manifestazione porto trieste 2 sgombero del sit in dei portuali di trieste 1 sgombero del sit in dei portuali di trieste 1 sgombero manifestazione porto trieste 7 sgombero manifestazione porto trieste 7 sgombero manifestazione porto trieste 6 sgombero manifestazione porto trieste 6 sgombero manifestazione porto trieste 4 sgombero manifestazione porto trieste 4 sgombero manifestazione porto trieste 5 sgombero manifestazione porto trieste 5 sgombero manifestazione porto trieste 1 sgombero manifestazione porto trieste 1 sgombero del sit in dei portuali di trieste 2 sgombero del sit in dei portuali di trieste 2 sgombero del sit in dei portuali di trieste 6 sgombero del sit in dei portuali di trieste 6 sgombero del sit in dei portuali di trieste 3 sgombero del sit in dei portuali di trieste 3 sgombero del sit in dei portuali di trieste 7 sgombero del sit in dei portuali di trieste 7 sgombero del sit in dei portuali di trieste 4 sgombero del sit in dei portuali di trieste 4 STEFANO PUZZER PORTATO VIA A FORZA STEFANO PUZZER PORTATO VIA A FORZA

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - COME HA PRESO DRAGHI IL VAFFA DEL BERLUSCA? MALISSIMO! IN PRIMIS, SI È INCAZZATO CON GIANNI LETTA, POI HA CHIAMATO IL NIPOTINO DELL’EMINENZA AZZURRINA - LA TROPPA SMANIA PER IL COLLE STA TRASFORMANDO DRAGHI DA MITO A MITOMANE. IN QUESTI ULTIMI GIORNI HA FATTO E STA FACENDO LA QUALUNQUE. OGGI UN CIOCCOLATINO L’HA RICEVUTO DA BLOOMBERG, DOVE FERDINANDO GIUGLIANO, IL SUO CONSIGLIERE AI MEDIA INTERNAZIONALI, HA LAVORATO 4 ANNI. SENTITE UN PO’ CHE TITOLO: “IL RITIRO DI BERLUSCONI RAFFORZA LA PROSPETTIVA CHE IL PRIMO MINISTRO MARIO DRAGHI POSSA ESSERE ELETTO CAPO DI STATO”! -  SE ALLA QUARTA VOTAZIONE MATTARELLA NON RACIMOLA ALMENO IL 70% DEI VOTI, NON CI STA A DISIMBALLARE GLI SCATOLONI. DAL NO DELLA MUMMIA SICULA, POTREBBERO USCIRE PIERFURBY CASINI (MA NON È GRANCHE' NEL CUORE DI SALVINI) O L’ETERNO GIULIANO AMATO