QUANDO SALTA LA FIDUCIA, VOLANO GLI STRACCI - L'ULTIMO SGARRO TRA M5S E CASALEGGIO: "NON VOGLIAMO VOTARE SULLA PIATTAFORMA ROUSSEAU. COME FACCIAMO A FIDARCI DI UN VOTO CHE GESTIREBBE DAVIDE, ORA CHE SI È MESSO COSÌ APERTAMENTE CONTRO DI NOI?" - RINVIATA LA CONTA PER DECIDERE LA COMPOSIZIONE DEL NUOVO DIRETTORIO DEL MOVIMENTO FINO A QUANDO NON CI SARÀ UN ACCORDO POLITICO A TUTTO CAMPO CON IL FIGLIO DEL FONDATORE

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Annalisa Cuzzocrea per “la Repubblica”

 

DAVIDE CASALEGGIO ALESSANDRO DI BATTISTA DAVIDE CASALEGGIO ALESSANDRO DI BATTISTA

La guerra interna cancella anche l'ultimo tabù. Il Movimento 5 stelle, il baluardo della democrazia diretta, non si fida più del voto su Rousseau. Non solo vuole, come hanno sancito gli Stati generali, riportare la piattaforma che è stata il cuore e la cassaforte dei 5 stelle sotto il controllo del Movimento. O stabilire dei patti stringenti, che non comprendano intromissioni di Davide Casaleggio nella linea politica. Quel che hanno chiesto nelle ultime ore i ministri M5S è che nulla sia deciso sulla nuova leadership collegiale, che avrebbe dovuto essere eletta entro la fine dell' anno, prima che con il manager e con il suo staff non sia stato trovato un accordo.

luigi di maio vito crimi luigi di maio vito crimi

 

[…] c'è un problema di fiducia che ormai mina profondamente i rapporti tra le figure istituzionali del Movimento e chi è fuori dal Parlamento. Davide Casaleggio ha dato man forte alla richiesta di Di Battista di conoscere i voti con cui gli attivisti avevano scelto gli oratori per gli Stati generali. Il sospetto è che l' ex deputato conoscesse i numeri a lui favorevoli, perché qualcuno a Milano glieli aveva rivelati nonostante Vito Crimi si fosse rifiutato di renderli pubblici «per non inquinare con personalismi un percorso collettivo».

luigi di maio vito crimi 2 luigi di maio vito crimi 2

«Come facciamo a fidarci di un voto che gestirebbe Davide, ora che si è messo così apertamente contro di noi?», chiede un ministro in una delle tante call delle ultime ore. […]

 

Condividi questo articolo

politica

CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

NAVIGATOR, QUANDO LA REALTÀ SUPERA LA FANTASCIENZA – RONCONE METTE IN CROCE PARISI: “DUE SETTIMANE FA SI PRESENTA ALLA COMMISSIONE LAVORO DELLA CAMERA E SNOCCIOLA UNA SERIE DI NUMERI. IN SINTESI: UNO SU QUATTRO DI COLORO CHE HANNO PERCEPITO IL REDDITO DI CITTADINANZA HA TROVATO LAVORO. PERÒ, A FINE OTTOBRE, CIRCA METÀ DI QUEL QUARTO IL LAVORO NON LO AVEVA GIÀ PIÙ (ERANO CONTRATTI A TERMINE). NON SOLO: PARISI NON È IN GRADO DI SPIEGARE, CON PRECISIONE, QUANTI SIANO STATI COMPLESSIVAMENTE I POSTI DI LAVORO TROVATI DAI SUOI "NAVIGATOR"…”