QUANDO SI PARLA DI PA-NELLO C’È SOLO BORDELLO – NEL CENTRODESTRA NON SI SCIOGLIE IL NODO SUL PROSSIMO CANDIDATO ALLE REGIONALI IN SICILIA: MUSUMECI VORREBBE LA RICONFERMA CONTRO IL PARERE DI LEGA E FI – LA MELONI, RINGALLUZZITA DAI SONDAGGI CHE VEDONO IL GOVERNATORE USCENTE COME UNICO POSSIBILE VINCITORE, LANCIA LA PROVOCAZIONE: "SCEGLIETE VOI IL CANDIDATO". IN CAMBIO VUOLE LA PRESIDENZA DELL’ARS. IN PRATICA CHIEDE LA TESTA DI MICCICHE'…

-

Condividi questo articolo


F.OLI per “la Stampa”

 

nello musumeci foto di bacco (2) nello musumeci foto di bacco (2)

Il profumo di vittoria ha avuto effetti benefici per l'armonia del centrodestra, tutti amici e alleati, uniti e compatti per la scalata al governo. Negli accordi siglati negli scorsi giorni manca però qualcosa: i candidati per le elezioni regionali. Si voterà prestissimo in Sicilia, presto nel Lazio e fra pochi mesi in Lombardia. Non si tratta di un dettaglio, anzi la scelta dei governatori è stato l'elemento che ha scatenato le polemiche più dure negli ultimi mesi. Le elezioni anticipate hanno cambiato repentinamente le priorità: la premiership, le liste, i collegi e i programmi.

 

GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI

Ma sullo sfondo resta una questione che andrà risolta presto. Nessuno più la chiama urgenza, al vertice della settimana scorsa il tema è stato debitamente evitato per non creare tensioni, ma il tempo non è molto: in Sicilia si vota al più tardi a novembre, l'ipotesi di un accorpamento con le politiche sembra perdere quota. Lo stallo è totale e non ci si può permettere di trovare un candidato dopo le Politiche del 25 settembre, anche perché il centrosinistra ha già una sua aspirante presidente, Caterina Chinnici.

 

MUSUMECI SALVINI MELONI BERLUSCONI MUSUMECI SALVINI MELONI BERLUSCONI

Il governatore uscente Nello Musumeci, di Fratelli d'Italia, manda segnali contrastanti, e vuole ancora la riconferma, contro il parere della Lega e di una parte di Forza Italia. Meloni in passato è stata irremovibile, «il principio della ricandidatura degli uscenti è una regola del centrodestra». Gli altri però non si convincono e allora Fratelli d'Italia sta pensando a un'offerta agli alleati: «Scegliete voi il candidato».

 

La mossa sarebbe quella di chiedere la presidenza dell'Ars, il parlamento regionale, al momento guidata da Gianfranco Miccichè, nemico giurato di Musumeci, che non ha intenzione di lasciarla. Il governatore potrebbe essere dirottato in Parlamento (anche se per ora la sua idea è di non accettare la candidatura alle politiche) o più probabilmente al governo.

 

gianfranco micciche gianfranco micciche

Altra regione che andrà presto al voto sarà il Lazio. Se Nicola Zingaretti dovesse, come sembra, essere eletto parlamentare, i seggi si aprirebbero a dicembre. Sulla carta la scelta del candidato spetta a Fratelli d'Italia, a lungo si è parlato di Francesco Lollobrigida, ma l'attuale capogruppo alla Camera non è più della partita, essendo in corsa per un ministero di peso o un ruolo di primo piano nel partito.

GIANFRANCO MICCICHE MATTEO SALVINI GIANFRANCO MICCICHE MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI MELONI MUSUMECI MELONI MUSUMECI nello musumeci nello musumeci nello musumeci nello musumeci Nello Musumeci Nello Musumeci Nello Musumeci Nello Musumeci nello musumeci nello musumeci nello musumeci 2 nello musumeci 2

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

“MARIE THERESE MUKATSINDO AVEVA TRASFORMATO SE STESSA IN UNA SPECIE DI WANNA MARCHI DELL’ACCOGLIENZA” – “LA VERITÀ”: “LA KARIBU NON SAREBBE STATA UNA COOPERATIVA, MA UNA DITTA A CONDUZIONE FAMIGLIARE O AL MASSIMO UN'ASSOCIAZIONE. CHE NEL GIRO DI POCHI ANNI AVREBBE GESTITO PIÙ DI 60 MILIONI DI EURO DI FONDI PER L'ACCOGLIENZA. UN FIUME DI DENARO EROGATO SENZA CHE NESSUNO SI ACCORGESSE DELLA REALE NATURA DELLE DUE COOP. UNA PICCOLA HOLDING CHE HA POTUTO NON PAGARE OLTRE 1 MILIONI DI EURO DI TASSE E PIÙ DI 100.000 EURO DI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI” – LO STIPENDIO DA 4.500 EURO E LETTERE CHE SMENTISCONO LA MOGLIE DI SOUMAHORO