QUANTE GIRAVOLTE ‘STI GRILLINI - CI HANNO SBOMBALLATO CON I "NO" ALLA TAV E A TUTTE LE GRANDI OPERE E ORA SONO PRONTI A INGOIARE IL PONTE SULLO STRETTO (O IL TUNNEL)? - “LA STAMPA”: “QUEL CHE SI DETESTA IN VAL DI SUSA ORA DIVENTA UNA SOLUZIONE IDEALE TRA SCILLA E CARIDDI. PER COMPLETARE LA GIRAVOLTA, MANCA L'ULTIMO PASSAGGIO: CONSENTIRE CHE LA GALLERIA VENGA ATTRAVERSATA DAI DIESEL EURO ZERO…”

-

Condividi questo articolo

TAV TORINO LIONE TAV TORINO LIONE

Paolo Griseri per “la Stampa”

           

All'inizio fu Beppe Grillo ad annunciare che la galleria della Tav Torino-Lione era inutile «perché non ha senso far viaggiare le mozzarelle a 300 all'ora». Dunque duri e sicuri contro i treni veloci e le gallerie. Facile quando si cavalca il Popolo. Ma nel 2018 il Popolo entra nel Palazzo e, come accade ai traghetti, le posizioni degli eletti del Popolo si spostano lentamente fino a capovolgersi di direzione. Prima fu la Tav Napoli-Bari. Alta velocità sì, ma buona anche per i No Tav.

grillo no tav grillo no tav

 

Addirittura il vicesindaco di Napoli andò a manifestare a Torino contro la linea per Lione pur sostenendo che quella per Bari (più costosa per l'Italia) «è utile». Come ci era andato in vicesindaco da Napoli a Torino? «Con il Frecciarossa». Sdoganata l'alta velocità buona, venne la stagione del toninellismo e del calcolo costi/benefici. Una costosissima perdita di tempo che giunse alla conclusione che la Tav non era conveniente ma sarebbe stato assai peggio interromperla.

tunnel sullo stretto di messina2 tunnel sullo stretto di messina2

 

E così Conte annunciò che si faceva. L'ultimo diaframma a cadere è stato quello del Ponte sullo Stretto. I 5 stelle si preparano a digerire anche quello. Quel tunnel che si detesta in Val di Susa ora diventa una soluzione ideale tra Scilla e Cariddi. Per completare la giravolta, manca l'ultimo passaggio: consentire che la galleria venga attraversata dai diesel euro zero.  

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - I SOLDI C’ENTRANO POCO COL DEFENESTRAMENTO DEL CARDINALE ANGELO BECCIU - IN BALLO C’È L’ELEZIONE DEL PROSSIMO PAPA DA CUI RESTA ESCLUSO, MENTRE ERA UN CANDIDATO MOLTO SERIO. FINCHÉ QUALCHE NEMICO HA CONFEZIONATO UN POLPETTONE TALMENTE AVVELENATO DA FAR DIMENTICARE AL PONTEFICE IL GARANTISMO E LA MISERICORDIA, RISERVATI PERÒ SOLO AD ALCUNI, COME IL SUO AMICO MONS. GUSTAVO ZANCHETTA, EX VESCOVO ARGENTINO CHIAMATO DA FRANCESCO IN VATICANO COME ASSESSORE DELL’APSA E POI COLPITO DA MANDATO DI CATTURA INTERNAZIONALE PER PRESUNTI ILLECITI FINANZIARI E PER ABUSI SU DUE SEMINARISTI