QUANTO DURA ZINGARETTI? – FOLLI: UN PD PROTESO VERSO UNA CONFEDERAZIONE DI FATTO CON IL GROSSO DEI 5STELLE STA SUL CAZZO A MOLTI. LA PRIMA SCOSSA E’ ARRIVATA DA GIORGIO GORI. POI LA CANDIDATURA DI SCALFAROTTO IN PUGLIA, VOLTA A FAR INCIAMPARE EMILIANO - NON E' UN CASO CHE BONACCINI È VISTO COME IL POSSIBILE PROTAGONISTA DI UNA NUOVA STAGIONE DEL CENTROSINISTRA. IDEM NEL CENTRODESTRA CON ZAIA - UNA NUOVA CLASSE DIRIGENTE CHE HA I GIORNI CONTATI: FRA 4 MESI IL GOVERNO POTREBBE ESSERE FRANTUMATO DALLO SCONQUASSO ECONOMICO E SOCIALE PREFIGURATO DAL GOVERNATORE VISCO

-

Condividi questo articolo

stefano folli stefano folli

Stefano Folli per “la Repubblica”

 

L’allarme del governatore della Banca d'Italia sul calo del Pil fino al 10 per cento quest' anno fa da contrappunto alla stanca, verbosa chiusura dei cosiddetti "Stati generali" domenica sera. «L'incertezza non deve essere una scusa per non agire» ha aggiunto Visco ed è difficile non leggere in questa frase una sentenza amara verso il governo Conte, reduce dai dieci giorni indecifrabili di Villa Pamphilj.

visco visco

 

«Agire», nell'analisi del governatore, significa per esempio pensare a una riforma generale del fisco, anziché gettare l'amo di una ipotetica "riduzione" dell'Iva, utile a blandire l'opinione pubblica e a guadagnare tempo. È evidente che il Paese non può permettersi una divaricazione sulle cose da fare e su come farle tra la Banca d'Italia e l'esecutivo: la prima che preme e il secondo che rinvia. Ma è altrettanto chiaro che l'estate non porta la soluzione del rebus.

 

nicola zingaretti giuseppe conte nicola zingaretti giuseppe conte

Da un punto di vista politico il professor Conte può trarre vantaggio ancora una volta dall'inerzia del sistema. Vale a dire dall'incapacità delle forze politiche di individuare un'alternativa credibile all'attuale assetto Pd-M5S-LeU. Un'ingessatura che fra quattro mesi potrebbe essere frantumata dallo sconquasso economico e sociale prefigurato da Visco, ma che per ora regge grazie al patto di potere su cui si fondano la maggioranza e il governo.

 

I segnali che qualcosa si muove sotto la superficie stagnante non mancano, ma sono ancora troppo deboli per essere significativi. L'asse portante dell'equilibrio resta, è ovvio, il Pd gestito da Zingaretti e proteso verso una confederazione di fatto con il grosso dei Cinque Stelle.

 

roberto speranza nicola zingaretti vincenzo bianconi luigi di maio giuseppe conte 1 roberto speranza nicola zingaretti vincenzo bianconi luigi di maio giuseppe conte 1

Chi vuole incrinare l'asse deve partire dunque dal vertice del Pd e infatti lì mirano i primi contestatori. Giorgio Gori, in particolare. La sua critica al segretario (e alla carenza di dibattito interno) sarà anche in anticipo sui tempi e non sufficiente a ribaltare gli assetti, ma è la prima scossa che fa tintinnare i vetri in Largo del Nazareno.

 

GIUSEPPE CONTE MICHELE EMILIANO GIUSEPPE CONTE MICHELE EMILIANO

Poi ci sono altri indizi, come la candidatura in chiave liberale di Scalfarotto in Puglia, volta a far inciampare il presidente uscente Emiliano, uomo di notevole potere locale nonché simbolo dello stesso incrocio Pd-5S che governa a Roma. Sono tasselli sparsi di un mosaico ancora da comporre.

NICOLA ZINGARETTI GIORGIO GORI NICOLA ZINGARETTI GIORGIO GORI

 

Per certi aspetti coincidono con il tentativo di dar voce a una nuova classe dirigente, a sinistra come a destra, che per essere credibile dovrà avere idee volte alla rinascita del Paese, cioè alla sua modernizzazione.

 

Quindi il rinnovamento non riguarda solo il centrosinistra, ma deve coinvolgere in forme da definire anche il centrodestra (su questo terreno persino più esitante rispetto alla controparte). Ecco perché vale la pena osservare i personaggi destinati a trovarsi presto o tardi al centro del palcoscenico. I presidenti delle Regioni, in primo luogo.

stefano bonaccini luigi di maio patto per l'export farnesina stefano bonaccini luigi di maio patto per l'export farnesina

 

Non a caso Bonaccini, Emilia-Romagna, è visto come il possibile protagonista di una nuova stagione del centrosinistra: l'uomo che può parlare il linguaggio del mondo produttivo. Idem nel centrodestra con Zaia, Cirio, Toti: nessuno di loro ha un profilo nazionale, ma in un rimescolamento di carte potrebbero crearselo.

 

Peraltro al momento il personaggio forse più interessante viene dal sindacato, anch' esso bisognoso di esser parte in modo diretto o indiretto del processo di modernizzazione. Si può prevedere sotto questo profilo che Marco Bentivogli sarà una figura politica di primo piano nel prossimo futuro.

 

GIUSEPPE CONTE STEFANO BONACCINI GIUSEPPE CONTE STEFANO BONACCINI GIORGIA MELONI LUCA ZAIA MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI LUCA ZAIA MATTEO SALVINI marco bentivogli marco bentivogli

 

 

Condividi questo articolo

politica

TE LO DO IO IL SESSISMO! - A PROPOSITO DELLA SENATRICE MAIORINO CHE SI METTE A FARE LEZIONI DI MORALE ED ETICA, ACCUSANDO DAGOSPIA DI ESSERE RESPONSABILE DEL "DECADIMENTO DELL'INFORMAZIONE IN ITALIA", RICORDIAMO COSA USCIVA DI INSULTI E OFFESE ALLE DONNE DALLA BOCCUCCIA DI BEPPE GRILLO - L'ELEVATO DIEDE DELLA ''VECCHIA PUTTANA'' ALLA RITA LEVI MONTALCINI E DELLA "PUTTANACCIA, VECCHIA, SCHIFOSA" ALLA GRANDE SCIENZATA INFORMATICA GRACE MURRAY HOPPER - DA PARTE SUA IL DEPUTATO GRILLOZZO DE ROSA APOSTROFO’ LE COLLEGHE DEL PD COSÌ: "SIETE QUI PERCHÉ BRAVE SOLO A FARE I POMPINI" - PER ARGINARE MINACCE E SCONCEZZE CHE PROSPERAVANO SUL BLOG DI GRILLO, LA VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, MARA CARFAGNA, SI RIVOLSE ALLA MAGISTRATURA – E SULLA BOSCHI E LA PICIERNO..

NO, NON CI POSSO CREDERE: ANCHE BILL EMMOTT SDOGANA IL PLURI-PREGIUDICATO SILVIO BERLUSCONI! – CERTO, L’EX DIRETTORE DELL’ECONOMIST NON RINNEGA IL SUO “UNFIT” AL BANANA COME PREMIER, " MA SAREBBE UN AZIONISTA PERFETTAMENTE ACCETTABILE NELLA COALIZIONE, E NON SAREBBE INEDITO, VISTO CHE HA GIÀ SOSTENUTO MARIO MONTI" - E POI SI CHIEDE, IGNORANDO QUANTE CAPRIOLE, DA DRAGHI A LETTA, STA FACENDO  DI MAIO: ''QUANTI 5STELLE LO ACCETTEREBBERO?'' - ''IL PRODI PRO-BANANA È UNA TATTICA PER SEPARARE IL CENTRODESTRA" - L'UNICO CHE ATTACCA E' RENZI: "QUANDO ERA PREMIER HA SPRECATO UN'OPPORTUNITA' STORICA..."

NELLE FAUCI DI TRUMP – IL PRESIDENTE AMERICANO IN MODALITÀ KAMIKAZE SI METTE A SFIDUCIARE IL POPOLARISSIMO “IMMUNOLOGO-IN-CHIEF”: “È UN UOMO SIMPATICO, MA HA COMMESSO TANTI ERRORI” – INTANTO I SUOI COLLABORATORI MENANO: IL RESPONSABILE SOCIAL DELLA CASA BIANCA DAN SCAVINO HA PUBBLICATO UNA VIGNETTA IN CUI PARAGONA FAUCI A UN RUBINETTO CHE PERDE, MENTRE FILTRA UN MEMORANDUM ANONIMO CON “TUTTI GLI ERRORI” COMPIUTI DAL MEDICO IN QUESTI MESI. PECCATO CHE LA COMUNITÀ SCIENTIFICA SIA COMPATTA CON LUI. TE CREDO, ALMENO NON HA CONSIGLIATO DI INIETTARSI DISINFETTANTI IN VENA! - VIDEO

“VOGLIO FARE IL PARTITO DEI MODERATI” - SONO LONTANI I TEMPI IN CUI DI MAIO ABOLIVA LA POVERTÀ E INCONTRAVA I GILET GIALLI: ORA IL MINISTRO HA CAPITO CHE LA POLITICA E' SANGUE, MERDA E MEDIAZIONE – E INFATTI L’EX BIBITARO NEGLI ULTIMI TEMPI PREFERISCE INCONTRARE RENZI E GIANNI LETTA E NON CASALEGGIO E DI BATTISTA. COSÌ, QUANDO CONTE FINIRÀ IN PELLICCERIA, POTREBBE ESSERE LUI A DARE LE CARTE - IL RAPPORTO CON IL QUIRINALE VIA UGO ZAMPETTI E I BUONI UFFICI CON GIORGETTI...