QUANTO DURERÀ LA TREGUA ARMATA DI CONTE? – IL GOVERNO PONE LA FIDUCIA SUL DL AIUTI: I GRILLINI ERANO CONTRARI. L’INCONTRO TRA PEPPINIELLO E “MARIOPIO” AVRÀ APPIANATO LE DIVERGENZE? IL DOCUMENTO CONSEGNATO DAL LEADER (PER MANCANZA DI LEADERSHIP) DEL M5S, È UNA MEGA LISTA DELLA SPESA: CHIEDE LO SCOSTAMENTO DI BILANCIO, CASHBACK FISCALE, SUPERBONUS E SALARIO MINIMO – PALAZZO CHIGI: “DRAGHI HA ASCOLTATO CON ATTENZIONE, MOLTI TEMI SONO IN CONTINUITÀ CON L’AZIONE DEL GOVERNO”. GIÀ: MOLTI, MA NON TUTTI…

-

Condividi questo articolo


giuseppe conte dopo l'incontro con draghi giuseppe conte dopo l'incontro con draghi

DL AIUTI: CAMERA, IL GOVERNO PONE LA FIDUCIA

(ANSA) - Il governo pone alla Camera la questione di fiducia sul dl Aiuti, nel testo della commissione. Lo annuncia all'Assemblea di Montecitorio il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà.

 

DL AIUTI: CAMERA, VOTO DI FIDUCIA DOMANI DALLE 14.25

(ANSA) - La votazione sulla fiducia posta dal governo al dl Aiuti avrà inizio domani alle 14.25. Le dichiarazioni di voto partiranno alle 12.40. (ANSA).

giuseppe conte dopo l'incontro con draghi 1 giuseppe conte dopo l'incontro con draghi 1

 

 

DL AIUTI:CONTE,POSIZIONE M5S?PARLIAMO CON CAPIGRUPPO E DECIDIAMO

(ANSA) - Se la fiducia sul superbonus potrebbe compromettere la permanenza del M5s nel governo? Ne parleremo in riunione di capigruppo e definiremo la nostra posizione sul punto. I nostri ministri già non hanno partecipato al voto" in Cdm "per una norma del tutto eccentrica. Non siamo qui per predicare transizione ecologica di giorno e consentire nuove trivellazioni di notte". Lo ha detto il leader del M5s Giuseppe Conte al termine dell'incontro con il premier Mario Draghi.

GIUSEPPE CONTE E MARIO DRAGHI GIUSEPPE CONTE E MARIO DRAGHI

 

FONTI CHIGI, DA DRAGHI ATTENZIONE A CONTE, INCONTRO POSITIVO

(ANSA) - L'incontro tra il premier Mario Draghi e il leader del M5s Giuseppe Conte viene definito "positivo e collaborativo" da fonti di Palazzo Chigi. "In primo luogo - spiegano le stesse fonti - Conte ha confermato il sostegno del M5S al Governo; ha presentato poi una lettera, discussa dal Consiglio nazionale del M5S. Molti dei temi sollevati si identificano in una linea di continuità con l'azione governativa. Tra i punti affrontati da Conte, in particolare, il reddito di cittadinanza, il salario minimo, il cuneo fiscale, il superbonus, il caro bollette". Draghi "ha ascoltato con attenzione quanto rappresentato dal Presidente del M5S".

 

CONTE A DRAGHI, PROFONDO DISAGIO M5S, ATTACCHI CONTRO DI NOI

(ANSA) - "Intendo rappresentare il profondo disagio politico che la comunità del M5s sta vivendo ormai da tempo, ancora più acuito dagli ultimi avvenimenti. Ricordo che le ragioni dell'esistenza stessa del M5s sono e restano gli interessi dei cittadini e il bene del Paese". E' un passaggio del documento consegnato dal leader del M5s Giuseppe Conte al premier Mario Draghi. "Abbiamo lavorato sempre per un confronto sereno sui problemi", "non è stato questo l'atteggiamento di tutte le forze politiche di maggioranza. Abbiamo subito attacchi pregiudiziali, mancanze di rispetto, invettive intese a distruggere la nostra stessa esistenza".

 

DOCUMENTO M5S A DRAGHI, NOI SEMPRE RESPONSABILI, ORA RISPOSTE

(ANSA) - "Il M5s ha sin dalle prime ore" del governo "mantenuto una linea di assoluta responsabilità nazionale". "Abbiamo deciso di non volgere le spalle al Paese, in un momento in cui era necessario procedere spediti nella campagna vaccinale e nel completamento del Pnrr, dando priorità alla tutela della salute dei cittadini e al rilancio dell'intero sistema economico".

giuseppe conte dopo l'incontro con draghi 2 giuseppe conte dopo l'incontro con draghi 2

 

E' un passaggio del documento consegnato da Giuseppe Conte al premier Mario Draghi. Il M5s chiede "un segnale di forte discontinuità, perché fuori dai palazzi sta montando un malessere sociale a cui dobbiamo dare una urgente risposta.

 

"In un contesto così difficile per i nostri concittadini, non ci sentiamo più di rinunciare a esprimere e a far valere le nostre posizioni, in nome di una generica 'responsabilità', che di fatto rischia di coincidere con un atteggiamento remissivo e ciecamente confidente rispetto a processi decisionali di cui veniamo messi al corrente solo all'ultimo.

 

BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE - MARIO DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE - MARIO DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI

L'inflazione ha raggiunto i livelli elevati degli anni Ottanta e il problema che affligge molti cittadini non è più come arrivare a fine mese, ma come arrivare almeno a metà mese. Ci sono cittadini e imprese che quotidianamente sono chiamati a operare scelte drammatiche: se pagare le tasse o pagare le bollette, se pagare l'affitto o pagare i fornitori".

 

DOCUMENTO M5S A DRAGHI, CDM NON SIA MERO CERTIFICATORE

(ANSA) - "Le abbiamo più volte rappresentato, invano, come non sia accettabile che il Consiglio dei Ministri sia relegato al ruolo di mero consesso certificatore di decisioni già prese, con provvedimenti normativi anche molto complessi che vengono portati direttamente in Consiglio o, quando va bene, con un anticipo minimo, comunque inidoneo a consentirne un'analisi adeguata". E' un passaggio del documento consegnato dal leader del M5s Giuseppe Conte al premier Mario Draghi.

mario draghi giuseppe conte mario draghi giuseppe conte

 

DOCUMENTO M5S A DRAGHI, CRISI STRAORDINARIA, SERVE SCOSTAMENTO

(ANSA) - "La crisi in atto richiede un intervento straordinario, ampio e organico, a favore di famiglie e imprese. Un bonus da 200 euro non vale a risolvere i gravi problemi che i nostri concittadini stanno affrontando. Le abbiamo chiesto più volte uno scostamento di bilancio. Misure di sostegno significativo servono anche per imprese e lavoratori autonomi, che non potranno certo sostenere questa impennata del caro-bollette e questa spinta inflazionistica". Lo si legge nel documento del M5s consegnato al premier Mario Draghi. (ANSA).

conte draghi grillo 4 conte draghi grillo 4

 

DOCUMENTO M5S, TUTELARE AMBIENTE, ANTICIPARE CASHBACK FISCALE

(ANSA) - "Questo Governo è nato sotto l'insegna della transizione ecologica e della tutela dell'ambiente (ora anche in Costituzione): la crisi energetica deve indurci ancor più a puntare con forza su massicci investimenti nelle fonti rinnovabili. Non siamo disponibili a favorire investimenti nelle infrastrutture a gas o ad "allargare le maglie" delle concessioni di sfruttamento dei nostri giacimenti fossili, operazioni queste che peraltro richiedono tempi medio-lunghi, costi elevati e ritorni incerti".

 

giuseppe conte mario draghi giuseppe conte mario draghi

E' uno dei passaggi del documento del M5s consegnato al premier Mario Draghi. "Abbiamo assistito allo smantellamento di misure fondamentali per accelerare il processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione e per contrastare l'economia sommersa, come il cashback. Un provvedimento che poteva senz'altro essere migliorato e affinato, ma che si è invece deciso di eliminare con un tratto di penna, senza neppure consultarci. E' per queste ragioni che riteniamo necessario anticipare l'applicazione del "cashback fiscale", il cui principio è già stato opportunamente recepito, su iniziativa del Movimento 5 Stelle, all'interno del testo della delega fiscale attualmente all'esame del Parlamento", si legge.

 

grillo draghi conte grillo draghi conte

Inoltre, per il M5s "è assolutamente urgente un intervento sulla riscossione che dia maggiore serenità ai contribuenti vista la recrudescenza della crisi economica. Occorre elaborare una efficace misura di definizione agevolata dei debiti iscritti a ruolo presso l'Agente per la Riscossione, con rateizzazione sino a 120 euro. Non vogliamo un condono, ma scontare sanzioni e interessi".

 

UCRAINA:DOCUMENTO M5S,NOSTRE IDEE TRAVISATE,NOI PER UE E NATO

(ANSA) - "Le nostre idee hanno subito un travisamento malevolo da parte di molti. Sino ad arrivare a definire le nostre posizioni riguardanti il contesto internazionale, come anti-atlantiche e anti-europee. Vogliamo più che mai, e molto più di altri, essere e contare in Europa e mantenere la nostra storica alleanza dentro la Nato.

 

draghi conte draghi conte

Il punto è come si sta in queste sedi: con dignità e autonomia, consapevoli di essere una delle prime democrazie al mondo, oppure si svolge il ruolo di terminali passivi di decisioni assunte da altri? La nostra partecipazione a questi consessi si inscrive nella logica esclusiva di uno "stare allineati", oppure c'è la determinazione a rendere l'Italia protagonista, insieme agli alleati, di una linea geo-politica che impedisca una insanabile frattura, con un mondo diviso in due blocchi: da un lato, i Paesi occidentali, dall'altro lato, il resto del mondo?". E' uno dei passaggi del documento del M5s consegnato al premier Mario Draghi. (ANSA).

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA