QUESTE SÌ CHE SONO PRIORITÀ DEL PAESE – LA CROCIATA DI ELENA BONETTI, MINISTRA PER LE PARI OPPORTUNITÀ, CHE SI IMPEGNA PER FARE UNA LEGGE AFFINCHÉ NON VENGA PIÙ CHIAMATA “MINISTRO”, BENSÌ “MINISTRA”: “SE VOGLIAMO TESTIMONIARE CHE LE DONNE POSSONO ACCEDERE A QUALSIASI RUOLO DELLA PA, PENSO CHE ANCHE IL LINGUAGGIO DEBBA AVERE LA DECLINAZIONE AL FEMMINILE…”

-

Condividi questo articolo


Da "il Giornale"

 

elena bonetti e la pizza elena bonetti e la pizza

I problemi quelli veri, che attagliano i cittadini? Eccoli qui. Per la sinistra, s' intende. «Se ministra o ministro? Sempre ministra. Sul sito del governo c' è scritto ministro? Faremo una legge anche per questo, perché il titolo ufficiale è ministro, io però penso sia giusto chiamarmi ministra».

 

La considerazione è di Elena Bonetti, ministra per le Pari opportunità e la famiglia, che ieri è intervenuta alla trasmissione di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora. Servirebbe addirittura una legge per cambiare questa dicitura? «La dicitura sì» per «i ruoli della Pa».

elena bonetti foto di bacco elena bonetti foto di bacco

 

« All' Università sono professore associato, formalmente, anche se mi faccio chiamare professoressa. Io credo - ha proseguito Bonetti a Rai Radio1 - che sarebbe importante promuovere la declinazione al femminile del linguaggio. Se vogliamo testimoniare che le donne possono accedere a qualsiasi ruolo della Pa, vivendolo nell' esperienza del femminile, penso che anche il linguaggio debba avere la declinazione al femminile».

TERESA BELLANOVA ELENA BONETTI TERESA BELLANOVA ELENA BONETTI elena bonetti mangia pizza elena bonetti mangia pizza roberto gualtieri teresa bellanova giuseppe conte roberto fico elena bonetti suonano il tamburo roberto gualtieri teresa bellanova giuseppe conte roberto fico elena bonetti suonano il tamburo elena bonetti 3 elena bonetti 3 elena bonetti 5 elena bonetti 5 ELENA BONETTI ELENA BONETTI elena bonetti 4 elena bonetti 4 ELENA BONETTI LAURA CASTELLI ELENA BONETTI LAURA CASTELLI elena bonetti 2 elena bonetti 2 elena bonetti 6 elena bonetti 6 ELENA BONETTI 1 ELENA BONETTI 1 teresa bellanova elena bonetti teresa bellanova elena bonetti ELENA BONETTI ELENA BONETTI elena bonetti foto di bacco (3) elena bonetti foto di bacco (3) elena bonetti foto di bacco (5) elena bonetti foto di bacco (5) ivan scalfarotto ettore rosato elena bonetti foto di bacco ivan scalfarotto ettore rosato elena bonetti foto di bacco elena bonetti elena bonetti

 

Condividi questo articolo

politica

A CHE PUNTO È LA NOTTE DEL GOVERNO DRAGHI – MASSIMO GIANNINI METTE NERO SU BIANCO GLI SCENARI POLITICI DA QUI AL PROSSIMO ANNO: “GIUSEPPE CONTE USCIRÀ DALLA MAGGIORANZA OPPURE NO? TUTTE LE VARIABILI LASCIANO PENSARE CHE FORSE LA NOTIZIA DELLA MORTE DEL GOVERNO DRAGHI SIA LARGAMENTE ESAGERATA. E CHE L'APPUNTAMENTO CON L'ARMAGEDDON, PER LA POLITICA ITALIANA, SIA DAVVERO RINVIATO AL 2023” – IL RUOLO DI MATTARELLA, LA “QUOTA 100” DI DI MAIO, IL CAMPO LARGO CHE DIVENTA CAMPO SANTO, IL DRAGHI BIS E LA PARTITA DELLE NOMINE: DI TUTTI I MANAGER IN CARICA NE RESTERÀ UNO SOLO, DESCALZI. SAVONA E VISCO SARANNO “DIMESSI” IN ANTICIPO PER SALVAGUARDARE LE ISTITUZIONI DALL'AVVENTO DELLA SOVRANISTA MELONI...

POLTRONARI A CINQUE STELLE – CONTE POTRÀ ANCHE AVERE DUBBI SULLA PERMANENZA AL GOVERNO, MA SIETE SICURI CHE DEPUTATI E SENATORI DEL MOVIMENTO METTERANNO A RISCHIO IL LORO FUTURO PER PEPPINIELLO? – SEBASTIANO MESSINA TWEET: “IL VERO DILEMMA DEI 168 PARLAMENTARI RIMASTI NEL M5S È QUESTO: È MEGLIO ANDARE ALLE URNE ACCONTENTANDOSI DEL DIRITTO A UNA FUTURA PENSIONE CHE SCATTA IL 24 SETTEMBRE O RESTARE CON DRAGHI ASSICURANDOSI ALTRI 9 MESI DI UNO STIPENDIO DA 14 MILA EURO CHE FORSE NON RIVEDRANNO PIÙ?”