"ASSICURO FORNITURE DI GAS ALL'ITALIA E PIU' GRANO SE REVOCATE LE SANZIONI" - TELEFONATA TRA PUTIN E DRAGHI - SECONDO L'AGENZIA DI STAMPA TASS, "MAD VLAD" HA SPIEGATO A MARIOPIO CHE È PRONTO A CONTRIBUIRE A RISOLVERE LA CRISI ALIMENTARE, SE LE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA SARANNO ANNULLATE. E INOLTRE...

-

Condividi questo articolo


Da corriere.it

 

draghi putin draghi putin

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto oggi pomeriggio una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin. Il colloquio si è incentrato sugli sviluppi della situazione in Ucraina e sugli sforzi per trovare una soluzione condivisa alla crisi alimentare in atto e alle sue gravi ripercussioni sui Paesi più poveri del mondo.

 

Secondo l'agenzia di stampa Tass, durante il colloquio telefonico Putin ha spiegato al premier italiano che è pronto a contribuire a risolvere la crisi alimentare, se le sanzioni contro la Russia saranno annullate. E inoltre, continuerà a fornire gas all'Italia.

DRAGHI PUTIN GAS DRAGHI PUTIN GAS

 

Condividi questo articolo

politica

“ZELENSKY HA CAPITO CHE I POPOLI, E I LORO LEADER, SEGUONO PIÙ LE PASSIONI CHE GLI INTERESSI” – DOMENICO QUIRICO: “IL SUO GRIMALDELLO È STATA LA COLPEVOLIZZAZIONE SISTEMATICA DELL'OCCIDENTE. IL MECCANISMO DELLE PASSIONI INNESCATO DALL'ATTORE-PRESIDENTE È INFERNALE. PIÙ AUMENTA IL LIVELLO DEL NOSTRO AIUTO PIÙ CRESCONO LE SUE AMBIZIONI, PIÙ LA GUERRA SI PROLUNGA PIÙ SI ALLARGANO I CONTORNI DI UNA VITTORIA PER LUI ACCETTABILE. SE CONTASSERO DAVVERO GLI INTERESSI L'OCCIDENTE DOVREBBE CERCARE DI AVERE ECCELLENTI RAPPORTI CON PUTIN. MA ZELENSKY HA COLTO IL FATTO CHE NEI PAESI DEMOCRATICI È LA DEBOLEZZA DELLE IDEOLOGIE E DELLE ISTITUZIONI A RIDAR FORZA ALLE PASSIONI”

UN RIMBAM-BIDEN ALLA CASA BIANCA - DURANTE UNA RIUNIONE CON ALCUNI VERTICI DELL'INDUSTRIA DELL'EOLICO, IL PRESIDENTE AMERICANO HA INAVVERTITAMENTE MOSTRATO UN FOGLIETTO, PREDISPOSTO DALLO STAFF, CON TUTTE LE ISTRUZIONI DETTAGLIATE: “SIEDITI AL TUO POSTO”, “LIMITA I COMMENTI A DUE MINUTI”, “FAI UNA DOMANDA” A TIZIO, “RINGRAZIA I PARTECIPANTI”, “ESCI” – UN LISTINO DI ORDINI COME SI FAREBBE CON UN BIMBO UN PO’ DISCOLO O CON UN NONNO UN PO’ RINCO - I VUOTI DI MEMORIA DI “SLEEPY JOE” METTONO IN ALLARME IL PENTAGONO…

CORSO DI SCISSIONISMO RAPIDO DI CLEMENTE MASTELLA – “ANCHE DA SOLI, SE CI METTESSIMO INSIEME, DI MAIO E IO POTREMMO PURE ARRIVARE AL 5 PER CENTO. POI C'È SENZ' ALTRO MATTEO RENZI. SE GIÀ SIAMO QUESTI TRE, POSSIAMO IMMAGINARE DI COINVOLGERE UNA RETE DI SINDACI - UNO SPAZIO PER IL CENTRO PUÒ ARRIVARE ANCHE AL 10 PER CENTO - LA SINISTRA, L'ULTIMA VOLTA CHE HA VINTO LE ELEZIONI POLITICHE, ERA ALLEATA CON ME. PARTENDO DALLA CAMPANIA, DI MAIO E IO, SE TUTTO ANDASSE MALISSIMO, POTREMMO PRENDERE QUATTRO/CINQUE SENATORI. VORREBBE DIRE CHE OGNI GOVERNO CHE PUÒ NASCERE, NASCE SOLO SE PASSA PRIMA DA NOI...”