A "CINQUESTELLE" E' RIMASTA SOLO LA LOCATION – IL SUPER AFFITTO (DA 12MILA EURO AL MESE) DELLA LUSSUOSISSIMA SEDE ROMANA DEL M5S VOLUTA DA GIUSEPPE CONTE FA INCAZZARE I GRILLINI CHE SI SONO VISTI TAGLIARE IL BUDGET A CAUSA DEL MINOR NUMERO DI PARLAMENTARI ELETTI – L’UNICO CHE NON PUÒ PIANGERE MISERIA È BEPPE GRILLO: IL SUO CONTRATTO DA 300MILA EURO CON IL MOVIMENTO È STATO RINNOVATO (ALLA FACCIA DEL PAUPERISMO CHE PREDICAVA…)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

FACCIA A FACCIA IN UN MERCATO DI ROMA TRA UN PENSIONATO E GIUSEPPE CONTE FACCIA A FACCIA IN UN MERCATO DI ROMA TRA UN PENSIONATO E GIUSEPPE CONTE

«Ci sono molte affinità tra M5S e San Francesco», diceva Beppe Grillo, battezzando il suo movimento nel giorno del santo di Assisi, il 4 ottobre, prima di diventare un super-consulente a contratto (contratto a molti zero, 300mila euro l’anno) per la sua creatura politica. Altri tempi. Il nuovo corso coltiva decisamente meno la virtù della parsimonia.

 

Dalla decrescita felice, alla crescita dell’affitto: per la maxi-sede voluta da Giuseppe Conte a Campo Marzio, pieno centro di Roma, tra Montecitorio e via del Corso, stucchi dorati che rievocano quelli di Palazzo Chigi, il Movimento sborserà la bellezza di 12mila euro al mese.

GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

 

[…] Tanto che a ruota è seguito l’annuncio dell’istituzione dei gruppi territoriali, di fatto delle sezioni vecchio stile, che dovrebbero rendere più capillare la presenza dei 5 Stelle a livello locale, dove di solito, alle elezioni, le cose vanno male, molto peggio che alle Politiche.

 

Ma c’è anche chi ne fa una questione di principio, citando, oltre alle uscite ormai d’antan di Grillo sulla «politica senza soldi», anche le parole di Gianroberto Casaleggio, che raccontava di apprezzare San Francesco, tanto da avere messo la neonata formazione politica «sotto la sua protezione».

 

C’è un altro aspetto, più materiale, che genera mal di pancia, fra gli eletti e i collaboratori parlamentari. Il budget del M5S quest’anno si è molto ridimensionato. Colpa della riduzione dei parlamentari, scesi a 80 rispetto ai 300 abbondanti della scorsa legislatura. […]

 

La nuova sede del M5S in Via di Campo Marzio La nuova sede del M5S in Via di Campo Marzio

Perché allora, si chiede chi vuole fare polemica, spendere cifre da capogiro per l’affitto della maxi-sede? Chi non rischia tagli in busta paga è Grillo. Il garante, in gran segreto, una settimana fa è sceso a Roma. Niente annunci, evitati gli appostamenti di cronisti e cameraman davanti all’hotel Forum, la sua residenza romana. «Ha visto solo Conte», raccontano nell’entourage del comico. Per parlare, ovviamente, «del contratto». I 300mila euro, come aveva raccontato Repubblica , saranno rinnovati.

BEPPE GRILLO BEPPE GRILLO DALAI LAMA BEPPE GRILLO DALAI LAMA BEPPE GRILLO Virginia Raggi esce dalla nuova sede del M5s Virginia Raggi esce dalla nuova sede del M5s

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)