"IL GOVERNO È IN MANO ALLA NANA, A CROSETTO UOMO FORZUTO E LA RUSSA DAMA BARBUTA" - DAL PALCO DEL BRANCACCIO A ROMA, BEPPE GRILLO TORNA A OCCUPARSI DI POLITICA: “SEGUIRANNO LE IDEE DEL MOVIMENTO E SE LE PRENDERANNO PERCHÉ SONO DEL FUTURO COME LA TECNOLOGIA, L'IDROGENO, LE NUOVE RINNOVABILI. IO QUESTE IDEE LE AVUTE 30 ANNI FA. LORO ORA NE HANNO CAPITO L'IMPORTANZA - MARIO DRAGHI? CON LUI MI SEMBRAVA DI AVERE UN RAPPORTO DI AMICIZIA. E MI AVEVA DETTO CHE QUELLA SULLA TRANSIZIONE ECOLOGICA O IL SUPERBONUS ERANO DELLE BELLISSIME IDEE. IO GLI AVEVO DETTO PIU VOLTE DI PARLARE CON CONTE, NON CON ME. MA POI LUI HA CAMBIATO IN MODO TERRIBILE..."

-

Condividi questo articolo


beppe grillo durante il suo spettacolo io sono il peggiore beppe grillo durante il suo spettacolo io sono il peggiore

(ANSA) - ROMA, 20 MAR - In cerca di un nuovo ruolo, dopo il successo del suo Movimento arrivato a sorpresa a Palazzo Chigi nel 2018, Beppe Grillo non rinnega nulla della 'rivoluzione' politica lanciata con Casaleggio. Così il garante del M5s si presenta al pubblico del Brancaccio di Roma dove va in scena per quasi 2 ore il suo spettacolo 'Io sono il peggiore'. Sul palco ammette di aver cercato di "aprire uno spiraglio con il Movimento", di aver provato a cambiare il Paese e che "il Movimento è nato per mettere nella politica un po' di sentimento come ad esempio l'onestà".

 

LOCANDINA DI IO SONO IL PEGGIORE - LO SPETTACOLO DI BEPPE GRILLO LOCANDINA DI IO SONO IL PEGGIORE - LO SPETTACOLO DI BEPPE GRILLO

Ma proprio sullo slogan più identitario dei 5S riconosce: "Abbiamo sbagliato a gridare 'Onestà, onestà!'. L'onestà devi tenerla nascosta, anche se noi siamo davvero onesti. Io sono onesto perché ho un tic nervoso, non riesco a non esserlo". Tra battute e lunghe riflessioni sul valore della scienza e della tecnologia e sull'importanza delle domande, più delle risposte, per cambiare il mondo, la tappa romana dello show è l'occasione per rivedere insieme per una sera molti nomi storici del Movimento 5 stelle.

 

beppe grillo beppe grillo

A partire da Alessandro Di Battista ("Gli sono riconoscente, anche se ho avuto dissapori politici con Beppe", dice l'ex deputato entrando) fino all'ex ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede e all'attuale presidente del Movimento, Giuseppe Conte. È Grillo a indicarlo al pubblico che ricambia applaudendolo, mentre a fine spettacolo e' Conte a raggiungerlo a un' uscita laterale per un saluto e una foto insieme. I due scherzano anche sul progetto della chiesa dell'Altrove lanciato da Grillo sul palco.

 

Dopo aver ricordato più volte di avere tanti processi a carico, compreso quello che rischia a Milano per traffico di influenze, ha dedicato un passaggio all'ex premier Mario Draghi. "Con lui mi sembrava di avere un rapporto di amicizia. E mi aveva detto che quella sulla transizione ecologica o il Superbonus erano delle bellissime idee. Io gli avevo detto piu volte di parlare con Conte, non con me. Ma poi lui ha cambiato in modo terribile...".

 

BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE - MARIO DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE - MARIO DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI

Tagliente invece sull'attuale governo che sarebbe in mano "alla nana, a Crosetto uomo forzuto e La Russa dama barbuta", aggiungendo che probabilmente seguiranno le idee del Movimento: "Se le prenderanno perché sono del futuro come la tecnologia, l'idrogeno, le nuove rinnovabili. Io queste idee le avute 30 anni fa. Loro ora ne hanno capito l'importanza".

conte draghi grillo 4 conte draghi grillo 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO