"HO UN TUMORE, COL TAGLIO DEL VITALIZIO CHI MI ASSISTE?" - L'EX PARLAMENTARE FRANCO GRILLINI RACCONTA IL SUO DRAMMA: "NON POTRO' PIU' AVERE L'ASSISTENZA CHE FINO A OGGI MI PAGAVO IO" - COL TAGLIO DEL 47% PASSERA' DAGLI ATTUALI 4.725 LORDI A 2.486 EURO: "PASSERO' IL TEMPO CHE MI RESTA A FARE RICORSI, CHE POTRANNO DURARE ANCHE 10 ANNI. CHISSA' SE CI ARRIVERO'" - E CASINI CORRE IN SUO SOCCORSO 

-

Condividi questo articolo


franco grillini franco grillini

Da www.ilmessaggero.it

 

"Quando hai un tumore ti vendi pure le mutande. Oltre alle cure che ricevi, pagate per fortuna dallo Stato, ci sono mille spese collaterali. Con questo taglio non potrò più avere l'assistenza, che fino a oggi mi pagavo io, come tutti i cittadini sia ben chiaro. Ma io ho seguito le leggi e, così come tanti altri, non ho pensato a crearmi delle garanzie alternative".

 

A dirlo, in un'intervista al Corriere di Bologna, è lo storico attivista per i diritti gay ed ex parlamentare, Franco Grillini, che ha annunciato che sarà tra coloro che ricorreranno contro il taglio dei vitalizi.

 

FRANCO GRILLINI AL BAGAGLINO FRANCO GRILLINI AL BAGAGLINO

Per Grillini, colpito da un mieloma multiplo è previsto un taglio del 47%: dagli attuali 4.725 euro lordi a 2.486 euro. "Passerò il tempo che mi resta a fare ricorsi, che potranno durare anche dieci anni. Chissà se ci arriverò" ha detto, spiegando come "questa vicenda sarebbe stata risolta dalla biologia. Tanti ex parlamentari hanno tra i 70 e i 90 anni. Potevano farli morire in pace, anche perché ai tempi le leggi erano quelle".

 

roma pride 2014 franco grillini e cartonato di renzi 14 roma pride 2014 franco grillini e cartonato di renzi 14 Franco Grillini Franco Grillini FRANCO GRILLINI FRANCO GRILLINI pierferdinando casini pierferdinando casini franco grillini franco grillini

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, CHISSÀ SE DOPO L'AVVISO DI GARANZIA AL LORO BENEFATTORE GRILLO, I GRILLINI E TRAVAGLIO SI SCOPRIRANNO "GARANTISTI". NON MI STUPIREI SE INIZIASSERO A PENSARE DI VOTARE BERLUSCONI… - DI FRONTE AGLI IPOCRITI, AI CALCOLATORI, AI FURBASTRI CHE SI ACQUATTANO COME CONIGLI NELLA TANA DEI MESSAGGI CRIPTICI, DELLE ALLUSIONI, DEI TATTICISMI, ECC. ECC. UNO COME BERLUSCONI CHE (PIACCIA O MENO) ROMPE GLI SCHEMI ED ESCE ALLO SCOPERTO ALLA LUCE DEL SOLE APPARE UN LEONE…

 

“CHI È POSITIVO AL COVID DEVE POTER VOTARE”. DA FRATELLI D’ITALIA AI 5 STELLE, SALE IL PRESSING PER FAR VOTARE I GRANDI ELETTORI CONTAGIATI: LE AUTORITÀ SANITARIE POSSONO AUTORIZZARE GLI SPOSTAMENTI DA UN DOMICILIO A UN ALTRO, CON MEZZI SPECIALI PER GARANTIRE LA MASSIMA TUTELA – I DEM CHIUDONO: “NON CI SONO LE CONDIZIONI” – ESCLUSO IL VOTO A DISTANZA, PROPOSTO UN COVID HOTEL DAVANTI A MONTECITORIO PER VOTARE POI NEL CORTILE DELLA CAMERA. ATTUALMENTE I POSITIVI TRA CAMERA E SENATO SONO UNA QUARANTINA…

DATE TUTTO IL CANONE ALLA RAI E NESSUNO ROMPERÀ PIÙ LE PALLE - L'AD DELLA TV PUBBLICA, CARLO FUORTES, È ANDATO A PROTESTARE IN SENATO PERCHÉ LA RAI PERCEPISCE SOLO L'86% DEI 90 EURO CHE NOI PAGHIAMO: "SE NELLE CASSE ARRIVASSE L'INTERO CANONE MOLTI DEI DISCORSI CHE STIAMO FACENDO NON SAREBBERO FATTI E IL RICAVO SAREBBE SUFFICIENTE PER GESTIRE L'AZIENDA" - OGNI ANNO VENGONO REGISTRATE MENO RISORSE, PARI A 240 MILIONI DI EURO - COI NOSTRI SOLDI FINANZIAMO PURE TV, GIORNALI E RADIO COMMERCIALI LOCALI DI CUI IGNORIAMO L'ESISTENZA...