"IN LIBIA L'ARRIVO DEI TURCHI POTREBBE VOLER DIRE L'ESTROMISSIONE DELL'ENI" - LUCIO CARACCIOLO SUONA LA SVEGLIA A DI MAIO E CONTE, CHE PER FARSI LA GUERRA TRA DI LORO STANNO FACENDO SOLO CASINO: “NON ABBIAMO CARTE DA GIOCARE AL TAVOLO, ORMAI NON POSSIAMO CONTRIBUIRE IN NESSUN MODO. LA VERA PARTITA LA GIOCANO ERDOGAN E PUTIN, CHE SI STANNO SPARTENDO LE RISORSE. E PER NOI SAREBBE CATASTROFICO…”

-

Condividi questo articolo

Manila Alfano per “il Giornale”

 

donald e melania trump con i militari usa donald e melania trump con i militari usa

Azioni e reazioni che cambiano gli assetti del mondo e che fanno paura. Il politologo Lucio Caracciolo, direttore di Limes, tra i più influenti e autorevoli luoghi di riflessione geopolitica in Europa, ha appena sentito le parole dell' ultima conferenza stampa di ieri sera del presidente americano e le commenta con un serafico: «prevedibili. Mi aspettavo che Trump dicesse queste cose, che l' Iran non avrà mai l' atomica per poi tornare sul tema delle sanzioni».

 

qassem soleimani qassem soleimani

Partiamo dall' inizio: quale strategia c' è dietro la mossa di Trump?

«Purtroppo partiamo da un dato che può sembrare sconcertante: il presidente americano non ha alcuna strategia. Ci sono piuttosto delle ragioni emotive che lo hanno spinto a dare l' ordine di uccidere Soleimani. Sta cavalcando l' odio profondo radicato nell' establishment militare contro l' Iran, condivisa dalla maggioranza dell' opinione pubblica».

le immagini del raid contro qassem soleimani 3 le immagini del raid contro qassem soleimani 3

 

donald trump offre la pace all'iran 4 donald trump offre la pace all'iran 4

Si riferisce agli ostaggi presi nell' ambasciata americana a Teheran del 1979?

«Non solo. Da molto tempo ormai i due Paesi sono ai ferri corti. Trump, con questa mossa ha voluto guadagnare punti agli occhi dei suoi elettori, per dimostrare di essere l' uomo forte».

 

iran lancia missili in iraq iran lancia missili in iraq

Che effetto avrà sulle prossime elezioni americane?

«Non credo più di tanto. Intanto però ha fatto una manovra diversiva rispetto a un tema più impellente per se stesso: l' impeachment, di cui adesso se ne parla meno».

 

ayatollah ali khamenei ayatollah ali khamenei

Cosa dobbiamo aspettarci dall' Iran?

«Al momento siamo uno a uno. La risposta di martedì sera è stata una reazione controllata, ragionata, chirurgica perfino. Lo dimostra il fatto che i missili non hanno ucciso nessun soldato americano. È stato un avvertimento insomma. Ma attenzione, un avvertimento riuscito.

 

l'iran attacca le basi usa in iraq 6 l'iran attacca le basi usa in iraq 6

Quello che dovrebbe far temere è che gli iraniani sono arrivati a bersaglio. Hanno dimostrato cioè che se vogliono, possono».

 

Quali rischi vede per il futuro?

l'iran attacca le basi usa in iraq 3 l'iran attacca le basi usa in iraq 3

«Il più temibile di tutti: di impantanarsi in Irak. È chiaro che se sarà guerra sarà qui. L' Iran chiaramente non vuole in nessun modo rinunciare al suo sfogo sul Mediterraneo, e gli Stati Uniti non vogliono andarsene perché in questo momento sanno che la mossa sarebbe presa come una ammissione di debolezza. Impensabile adesso».

LUIGI DI MAIO KHALIFA HAFTAR LUIGI DI MAIO KHALIFA HAFTAR

 

CONTE E SERRAJ CONTE E SERRAJ

Dobbiamo temere per i nostri soldati in Irak?

«Non si capisce perché siano ancora lì. Voglio ricordare che al momento abbiamo 400 soldati. Non un contingente internazionale ma in missione per addestrare le truppe che combattono l' Isis. Sarebbe meglio andarsene».

 

Quale forza resta all' Italia sulla Libia?

PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN

«Praticamente nulla. Non abbiamo carte da giocare al tavolo. Non abbiamo voce in capitolo. Sorpassati da molto tempo ormai non possiamo contribuire in nessun modo».

UN MILIZIANO DELLE TRUPPE DI HAFTAR IN LIBIA UN MILIZIANO DELLE TRUPPE DI HAFTAR IN LIBIA

 

Una analisi tranchant.

«Guardiamo gli altri Paesi. La vera partita la stanno giocando la Turchia di Erdogan e la Russia di Putin, sono loro quelli che realmente si stanno spartendo le risorse di questo Paese. Per noi sarebbe catastrofico.

 

MACRON HAFTAR MACRON HAFTAR attacco al collegio militare di tripoli attacco al collegio militare di tripoli

L' arrivo dei turchi potrebbe voler dire l' estromissione dell' Eni. Non penso che si arriverà a questo ma la posta in gioco è alta. La Francia, dal 2011 ha iniziato una politica precisa. Ha una sua idea che porta avanti. Vuole riprendersi l' influenza al Sud del Paese. Interessi economici ed energetici ovviamente, come tutti. Appoggia Haftar e lo fa in modo concreto, con uomini sul campo. Ha inviato uomini e ha strumenti in questo momento per ottenere qualcosa in cambio. Può trattare. Noi no».

 

al serraj haftar giuseppe conte al serraj haftar giuseppe conte SARRAJ HAFTAR MACRON SARRAJ HAFTAR MACRON

Di Maio si è incontrato con i suoi omologhi europei, neppure questo può servire?

GIUSEPPE CONTE E KHALIFA HAFTAR A PALAZZO CHIGI GIUSEPPE CONTE E KHALIFA HAFTAR A PALAZZO CHIGI

«L' Europa sta dimostrando in questo frangente la sua inconsistenza politica. Non c' è una voce. Ognuno parla per sé. Il problema è la credibilità e la forza che può far valere ognuno di loro».

conte haftar conte haftar erdogan putin erdogan putin CONTE SERRAJ CONTE SERRAJ IL DRONE ITALIANO ABBATTUTO IN LIBIA IL DRONE ITALIANO ABBATTUTO IN LIBIA DRONE ITALIANO ABBATTUTO IN LIBIA DRONE ITALIANO ABBATTUTO IN LIBIA attacco al collegio militare di tripoli 1 attacco al collegio militare di tripoli 1 attacco al collegio militare di tripoli 2 attacco al collegio militare di tripoli 2 una vittima dell'attacco al collegio militare di tripoli una vittima dell'attacco al collegio militare di tripoli GIUSEPPE CONTE KHALIFA HAFTAR GIUSEPPE CONTE KHALIFA HAFTAR

 

Condividi questo articolo

politica

NOI PENSIAMO SOLO AL VIRUS E CI STIAMO PERDENDO I DIBATTITI PIÙ DIVERTENTI DEGLI ULTIMI DECENNI: I CANDIDATI DEM SI STANNO SCANNANDO SENZA PIETÀ (VIDEO). IERI TUTTI HANNO MENATO IL FAVORITO SANDERS, CON BLOOMBERG CHE GLI DÀ DEL FILO-CASTRISTA SPONSORIZZATO DA PUTIN E TRUMP, E BIDEN GLI RINFACCIA CHE VOLEVA CORRERE CONTRO OBAMA A METÀ MANDATO. LO DIFENDE LA WARREN CHE CONTINUA A MENARE IL MILIARDARIO MIKE SU SESSISMO E RAZZISMO - SE BERNIE RESISTE, PUÒ VINCERE PURE IL SUPER TUESDAY, E IL PARTITO DEMOCRATICO SI SUICIDA