"NON CI SARÀ UNA STRETTA SULLE INTERCETTAZIONI. SE SI CANCELLA L’ABUSO D’UFFICIO SERVIRA’ UNA RIFORMA DEI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE” - LA SENATRICE DELLA LEGA, GIULIA BONGIORNO: “CON IL MINISTRO NORDIO C’E’ SINTONIA MA I CONFRONTI SONO FISIOLOGICI. È IMPORTANTE UNA RIFORMA ORGANICA ANCHE PER COLMARE EVENTUALI VUOTI CHE DOVESSERO EMERGERE - L'OBIETTIVO CONDIVISO DELLA MAGGIORANZA È EVITARE UN USO DISTORTO DELLA CARCERAZIONE PREVENTIVA, CHE SPESSO HA COSTITUITO INDELEBILI STIGMATE PER SOGGETTI POI ASSOLTI NEL MERITO A DISTANZA DI ANNI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Liana Milella per www.repubblica.it

 

giulia bongiorno giulia bongiorno

Presidente Bongiorno lei è la "spina nel fianco" per il Guardasigilli Nordio che è dovuto venire al Senato per convincerla ad eliminare l'abuso d'ufficio dalla riforma della giustizia. Cosa le ha promesso in cambio?

"Lei è totalmente fuori strada. Tra noi c'è sintonia […] I confronti sono fisiologici, visto che io sono responsabile Giustizia di un partito della maggioranza".

 

Lei non voleva cancellare l'abuso d'ufficio.

"[…] Vi sono perciò due possibilità: o un'abrogazione o una nuova correzione. Se si dovesse optare per l'abrogazione, diventerebbe necessaria una riforma complessiva dei reati contro la Pa per evitare possibili vuoti di tutela o interpretazioni estensive di altri e più gravi reati".

INFORMATIVA DI CARLO NORDIO ALLA CAMERA SUL CASO COSPITO INFORMATIVA DI CARLO NORDIO ALLA CAMERA SUL CASO COSPITO

 

È sicura che non si rischi un danno maggiore se Nordio rivede tutti i reati di corruzione e li attenua?

"Non si è parlato di attenuare, ma di razionalizzare la tutela nel suo complesso […] Oggi ci sono sovrapposizioni di reati che disorientano gli operatori del diritto e i cittadini".

 

A Nordio lei ha fatto una giusta osservazione, se togliamo l'abuso d'ufficio ai pubblici amministratori verranno contestati reati più gravi.

"[…] è importante una riforma organica in chiave di ripensamento complessivo del sistema. Anche per colmare eventuali vuoti che dovessero emergere".

 

giulia bongiorno 5 giulia bongiorno 5

Melillo dice che non si può sopprimere l'abuso d'ufficio perché si andrebbe contro l'Europa.

"Anche in quest'ottica, è necessario che la modifica complessiva dei reati contro la Pa si armonizzi con la normativa europea, in modo da potenziare la lotta alla corruzione con strumenti legislativi comuni. Considero l'eventuale abrogazione dell'articolo 323 del codice penale un punto di partenza, e non di arrivo".

 

La riforma della giustizia di Nordio promette interventi pesanti. A partire dalle intercettazioni. Anche qui legherete le mani dei pm? Non trascrivere le parole di una terza persona che finisce nella registrazione di fatto può togliere una prova.

carlo nordio 1 carlo nordio 1

"La mia storia in Parlamento documenta che ho sempre lottato per evitare di cancellare le intercettazioni, che reputo indispensabili. […] Di certo oggi la tecnologia corre, mentre le leggi sono lente. Alcune forme di captazione non hanno affatto una disciplina adeguata e questo, per la rilevanza degli interessi in gioco, non è accettabile".

 

[…] "[…] l'obiettivo condiviso è evitare un uso distorto della carcerazione preventiva, che spesso ha costituito indelebili stigmate per soggetti poi assolti nel merito a distanza di anni".[…]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – IL VERO GRANDE SCONFITTO DELLE AMMINISTRATIVE È…GENNARO SANGIULIANO! EIKE SCHMIDT, A FIRENZE, E FABIO ROMITO A BARI, SONO STATI CANDIDATI, SPONSORIZZATI E SOSTENUTI STRENUAMENTE DA “GENNY”. LA DISCESA IN CAMPO DEL CRUCCO È STATO UNA SUA IDEA, INSIEME A QUEL FENOMENO DI DONZELLI - NELLA CITTÀ PUGLIESE, AVEVA ADDIRITTURA PROMESSO CHE SAREBBE DIVENTATO ASSESSORE IN CASO DI VITTORIA DI ROMITO. ED È ANDATO PIÙ VOLTE SIA A BARI CHE A FIRENZE. RISULTATO? HANNO PERSO MALAMENTE ENTRAMBI…

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…