LA "PITONESSA" SI RICORDA DEGLI AMICI - I QUESTUANTI FANCAZZISTI CHE ASPIRAVANO AGLI INCARICHI ALL'AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO (ENIT) POSSONO METTERSI L'ANIMA IN PACE: IL MINISTRO SANTANCHÉ HA GIÀ BLOCCATO LE LISTE E HA SCELTO, PER IL RUOLO DI AMMINISTRATORE DELEGATO, LA SUA AMICA IVANA JELENIC (CHE HA OTTENUTO LA SUA PRIMA CARICA ISTITUZIONALE A 25 ANNI COME VICE PRESIDENTE FIAVET UMBRIA)

-

Condividi questo articolo


Dagonews

 

Ivana Jelenic Ivana Jelenic

La stessa fibrillazione che si respirava la prima mattina del 26 settembre 2022 si percepisce in questo caldo novembre romano da quando la Camera ha pubblicato gli esiti del controllo parlamentare sulle nomine negli enti pubblici...

Il Dossier n. 47 della Camera riepiloga tutti gli incarichi scaduti ed in scadenza nei consigli di Amministrazione delle Partecipate Pubbliche…Olimpo dei questuanti fancazzisti.

 

Spiace deludere sin d'ora i possibili aspiranti agli incarichi all'Agenzia Nazionale del Turismo, (ENIT) . Il Ministro Santanché ha già bloccato le liste ed ha scelto, per il ruolo di Amministratore Delegato, la sua amica Ivana Jelenic così esperta in materia da aver ottenuto il suo primo incarico  istituzionale come vice presidente Fiavet Umbria a soli 25 anni.. "il mattino ha l'oro in bocca"

 

 

 

IVANA JELINIC

Da adcgroup.it

daniela santanche foto mezzelani gmt1820 daniela santanche foto mezzelani gmt1820

 

A giorni atteso il Decreto che ne dovrebbe ratificare la nomina ufficiale, in sostituzione della prof. Roberta Garibaldi che era stata a sua volta nominata dal precedente ministro del Turismo Massimo Garavaglia.

 

Una lettera ufficiale inviata alle associazioni del turismo, Federturismo Confindustria, Confturismo Confcommercio e Assoturismo Confesercenti, chiede pareri e osservazioni relativamente a un cambio della guardia ai vertici di Enit con nomina di Ivana Jelinic (presidente di Fiavet e componente del CDA di Convention Bureau Italia come rappresentante di Confcommercio) a nuovo Amministratore Delegato in sostituzione della prof. Roberta Garibaldi a sua volta nominata dal precedente ministro del Turismo Massimo Garavaglia.

 

A proporla per l'importante incarico, la neo ministra Daniela Santanché.

 

A giorni atteso il Decreto che ne dovrebbe ratificare la nomina ufficiale

daniela santanche foto mezzelani gmt1821 daniela santanche foto mezzelani gmt1821

Ivana Jelinic ha ottenuto la sua prima carica istituzionale a 25 anni come vice presidente Fiavet Umbria. Esperta di meeting industry, dal 2020 siede nel CdA del Convention Bureau Italia ed alla guida di Fiavet-Confcommercio nazionale (secondo mandato) ha maturato una serie di accordi decisivi ottenendo il primo Contratto nazionale collettivo di categoria per le agenzie di viaggi rimandendo sempre in costante dialogo con le Istituzioni.

 

Un cambio al vertice dell'ente italiano per il turismo,  che va nella direzione della meeting industry e del turismo organizzato grazie alla grande esperienza maturata dalla Jelinic in ambito associativo negli ultimi anni durante i quali è scesa in prima linea in difesa del turismo e del MICE.

daniela santanche daniela santanche daniela santanche daniela santanche DANIELA SANTANCHE DANIELA SANTANCHE Ivana Jelenic Ivana Jelenic

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…