"QUESTO E’ NAZISMO ROSSO" – J’ACCUSE DI SALVINI DOPO L’AGGRESSIONE A FIRENZE DEGLI ANTAGONISTI AL SINDACO DI MASSA – SPUTI, INSULTI, SPINTE: L'ASSESSORA ALLA CULTURA CHE ERA CON IL PRIMO CITTADINO PROMETTE CHE PRESENTERA’ DENUNCIA – IL 'CAPITONE': QUANDO UNA CERTA PARTE DELLA SINISTRA NON HA FIDUCIA NELLA DEMOCRAZIA, RICORRE ALL’ODIO E ALLA VIOLENZA FISICA. PURTROPPO È UNA STORIA GIÀ VISTA..." – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

LAURA MONTANARI per repubblica.it

aggressione al sindaco di massa persiani aggressione al sindaco di massa persiani

"Nazismo rosso" è l'espressione usata in un post da Matteo Salvini su Facebook il giorno dopo l'aggressione subita dal sindaco di Massa Michele Persiani. Il sindaco, a capo di una giunta di centrodestra, ieri sera mentre andava all'apertura della campagna elettorale per le Regionali toscane della Lega, ha riferito di essere stato aggredito con spintoni, insulti e sputi dagli antagonisti che manifestavano contro Salvini. Era in compagnia della sua assessore alla cultura Veronica Ravagli.

 

 

Ravagli questa mattina ha annunciato che presenterà denuncia sull'episodio. "Quando una certa parte della sinistra non ha fiducia nella democrazia, ricorre all’odio e alla violenza fisica - scrive Salvini sulla sua pagina Facebook - Purtroppo è una storia già vista ed è richiesta la massima vigilanza da parte di tutti. Questo non è dibattito di idee, anche acceso: questo è NAZISMO ROSSO. Ancora solidarietà al nostro sindaco, all’assessore e ai loro famigliari vigliaccamente aggrediti (non solo a sputi) ieri sera a Firenze. Noi andiamo avanti a testa alta, armati di sorriso e di fiducia nei nostri progetti di Buongoverno per l’Emilia-Romagna, la Toscana e per tutta Italia. Non si molla".

aggressione al sindaco di massa persiani aggressione al sindaco di massa persiani aggressione al sindaco di massa persiani aggressione al sindaco di massa persiani francesco persiani francesco persiani salvini persiani salvini persiani

 

Condividi questo articolo

politica

"SAREMO IN PIAZZA A ROMA CON LE SARDINE” - SIMONE DI STEFANO DI CASAPOUND: “VEDIAMO SE VOGLIONO DAVVERO CAMBIARE LE COSE ANCHE SE HO I MIEI DUBBI. SECONDO ME SARÀ UNA PIAZZA DI RAGAZZI SISTEMATI, SENZA TROPPI PROBLEMI, NON CI TROVEREMO GENTE DELLA PERIFERIA ROMANA - UNA COSA CHE C’È DI BUONO DELLE SARDINE È VOLER CAMBIARE LA NARRAZIONE, IN UNA NAZIONE IN CUI SI PARLA SOLO DI ODIO, DI IMMIGRATI, DI RAZZISMO, ANTIRAZZISMO. BISOGNA SPOSTARE L’ATTENZIONE: QUI SERVE UN LAVORO STABILE, UNA CASA DI PROPRIETÀ, POTERSI FARE UNA FAMIGLIA”

SALVINI INDAGATO PER I VOLI DI STATO: "POSSIBILE ABUSO D’UFFICIO". VERIFICHE SU 35 VIAGGI – ARRIVA UN ALTRO MESSAGGIO AL “CAPITONE” DOPO L’INCHIESTA SUL TESORO DELLA LEGA E L’IPOTESI DEI PM DI GENOVA DI OPERAZIONI SOSPETTE ANCHE CON SALVINI SEGRETARIO - LA CORTE DEI CONTI AVEVA GIUDICATO ILLEGITTIMI I VOLI DI STATO (MA AVEVA ARCHIVIATO LA PRATICA NON RAVVISANDO ALCUN DANNO ERARIALE) - ORA LA PROCURA DI ROMA TRASMETTE LA RICHIESTA AL TRIBUNALE DEI MINISTRI PROPONENDO DI SVOLGERE APPROFONDIMENTI

VE LA RICORDATE LA REGOLETTA ''CHI DESTABILIZZA QUESTO GOVERNO, SARÀ DESTABILIZZATO''? È IL PRINCIPIO SU CUI SI FONDA IL CONTE-BIS, E RENZI NE STA AVENDO UNA BELLA CUCCHIAIATA, AMARA E INDIGESTA. ORA PERDE LA TESTA CONTRO I GIORNALISTI, MA IL SUO PROBLEMA È IL ''DEEP STATE'', E IN PARTICOLARE QUELLE SEGNALAZIONI DELL'ANTIRICICLAGGIO DI BANKITALIA CHE HANNO SVELATO I DETTAGLI DEI SUOI PRESTITI E BONIFICI. LA STESSA BANKITALIA GUIDATA DA QUEL VISCO CHE LUI VOLEVA CACCIARE IN MALO MODO - PS: PER SALVINI LE COSE NON VANNO MEGLIO. L'INCHIESTA SU GALLI E' COINVOLTO…