"RENZI PER L’ENNESIMA VOLTA SI FARÀ MALE. PENSA DI FAR FUORI CONTE? SE SI VA ALLE ELEZIONI, PRENDE IL 2%" - MASSIMO CACCIARI SGONFIA L'EGOMANIA DI MATTEUCCIO: "DIPENDE UN PO' DALLA FANTASIA SUICIDA DEL PERSONAGGIO, PER L’ENNESIMA VOLTA NON CAPISCO ASSOLUTAMENTE LE MOSSE DI COSTUI, UN MEGALOMANE SCATENATO. AVEVA PERFETTAMENTE RAGIONE SUL PRIMO RECOVERY PLAN, FATTO DA CONTE CON QUALCHE SUO CONSULENTE, UNA SCHIFEZZA INAUDITA"

-

Condividi questo articolo

Da https://www.adnkronos.com

 

massimo cacciari (2) massimo cacciari (2)

La crisi di governo "dipende un po' dalla fantasia suicida del personaggio, per l’ennesima volta non capisco assolutamente le mosse di costui, un megalomane scatenato. "Renzi per l’ennesima volta si farà male. Pensa di far fuori Conte? Se si va alle elezioni, Renzi prende il 2%".

 

Massimo Cacciari si esprime così sulle fibrillazioni politiche che sembrano destinate a produrre la crisi di governo. "Dipende un po' dalla fantasia suicida del personaggio, per l’ennesima volta non capisco assolutamente le mosse di costui, un megalomane scatenato", dice Cacciari, a Cartabianca, riferendosi a Matteo Renzi.

 

renzi conte renzi conte

"Aveva perfettamente ragione sul primo Recovery Plan, fatto da Conte con qualche suo consulente, una schifezza inaudita. Renzi potrebbe rivendicare modifiche anche di questo piano e potrebbe chiedere un rafforzamento della sua posizione nel governo. Pensa di mandare a casa Conte? Ma vuole scherzare?

 

Ma non è stato il Pd a usare per primo i ‘responsabili’ raccattandoli nel Senato? Pensa che Conte non troverà responsabili? Renzi per l’ennesima volta si farà male. Questa mossa è l’esempio di una megalomania sfrenata che lo porta a farsi male", dice Cacciari. "Perché Renzi non rivendica le modifiche al Recovery Plan? Se Conte cade si va alle elezioni e Renzi prende il 2%",

renzi mejo dello sciamano di washington renzi mejo dello sciamano di washington

 

Condividi questo articolo

politica

“I BENETTON VOLEVANO SOLO DIVIDENDI, DIVIDENDI, DIVIDENDI…” – LE TELEFONATE TRA L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ATLANTIA CARLO BERTAZZO, IL PRESIDENTE FABIO CERCHIAI E GIANNI MION CHE PARLANO ALLEGRAMENTE DI CASTELLUCCI E DELLE STRATEGIE DELLA HOLDING: “LUI DICE CHE DEVONO USCIRE. SE LUI DICESSE I BENETTON SONO DEI CAZZONI, PUÒ ESSERE. MA CHE L'ABBIANO INGESSATO COSTRINGENDOLO CON QUESTI DIVIDENDI, NON CI CREDO" – "È UNA DIFESA INDEGNA, MENTRE LUI STA LAVORANDO CON QUALCHE FONDO PER ORGANIZZARE LA CORDATA..."