RAGGI LOCAL & SOCIAL – MENTRE ROMA VERSA IN UNO STATO INDECENTE, “VIRGY” PREMIA I DIPENDENTI E SI FA LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE SILENZIOSA (TE CREDO: HA PAURA DEGLI INSULTI!) TRA FACEBOOK E PERIFERIE – LA STRATEGIA DEL MENTORE COSTANZO: CONFERMARSI NELLE ROCCAFORTI E PROVARE AD ANDARE AL BALLOTTAGGIO, EVITANDO IMBARAZZI NAZIONALI CON “L’ALLEATO” PD. SE GUALTIERI DOVESSE ARRIVARE PER SBAGLIO IN CAMPIDOGLIO, CONTE POTREBBE PROVARE A CORRERE PER IL COLLEGIO “ROMA CENTRO”

-

Condividi questo articolo


 

virginia raggi foto di bacco (2) virginia raggi foto di bacco (2)

CAMPIDOGLIO FLASH - UN SONDAGGIO INDIPENDENTE SULLA CORSA A SINDACO DI ROMA, COMMISSIONATO DAL MONDO ECONOMICO ROMANO, DA' ENRICO MICHETTI AL 35-37% - VIRGINIA RAGGI E ROBERTO GUALTIERI SONO NELLA FORCHETTA 23-26 - CARLO CALENDA SI ATTESTA TRA IL 18 E IL 22 - LA SORPRESA? IN UN EVENTUALE BALLOTTAGGIO CALENDA CONTRO MICHETTI A VINCERE SAREBBE L'EX MINISTRO...

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/campidoglio-flash-sondaggio-indipendente-corsa-sindaco-roma-278835.htm

 

enrico michetti roberto gualtieri virginia raggi carlo calenda foto di bacco (1) enrico michetti roberto gualtieri virginia raggi carlo calenda foto di bacco (1)

RAGGI CAMPAGNA SILENZIOSA TRA SOCIAL E PERIFERIE (POI PREMIA TUTTI I DIRIGENTI)

Giuseppe Alberto Falci per il "Corriere della Sera"

 

Virginia Raggi conduce una campagna elettorale silenziosa, che dalle sue parti definiscono «social e local». Su Facebook, Twitter e Instagram la sua presenza è martellante. Ogni due ore un nuovo status, utile a rivendicare un risultato. «Avevamo assicurato l'avvio dei lavori al Palazzetto dello Sport nel giro di poche settimane e così è stato».

ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE

 

E ancora, altro grande successo: «Roma è tra le destinazioni di viaggio preferite dai turisti: sin da subito, ci siamo impegnati ad attrarre un turismo sostenibile e di qualità, rispettoso della città e significativo per il comparto, lavorando a best practices condivise con le città d'arte italiane».

 

maurizio costanzo virginia raggi maurizio costanzo virginia raggi

Senza dimenticare la nuova linea bus circolare 713 nel quadrante sud-ovest di Roma, i 20 nuovi mezzi per Ama, i 2 milioni di euro per interventi urgenti, lo sblocco della Metro C. Una lista lunga che Raggi aggiorna ora dopo ora. Allo stesso tempo «Virginia» segue un vecchio consiglio di Maurizio Costanzo, suo mentore: «Devi visitare molto le periferie».

 

DALLA LUPA AI CINGHIALI - LA PARABOLA DI ROMA CON VIRGINIA RAGGI DALLA LUPA AI CINGHIALI - LA PARABOLA DI ROMA CON VIRGINIA RAGGI

E lei un giorno si reca ad Acilia, un altro a San Basilio, ieri al Corviale. «È il nostro zoccolo duro», suggeriscono dall'innercircle . E proprio sulle periferie si sono orientati gli interventi della giunta. Il tutto tenendosi a debita distanza dal dibattito nazionale. Niente interviste ai giornali, alle tivù. Solo e soltanto alle testate e alle reti locali. Le ultime: a il Romanista, tutta incentrata sul nuovo stadio, e a Rete Oro.

 

«Per noi non è importante che Virginia partecipi ai talk nazionali perché nel bene o nel male è conosciuta». In realtà, per i maliziosi tutto questo deriva da una precisa strategia imposta dai vertici del M5S per evitare imbarazzi sulla scena nazionale con il Pd.

 

VIRGINIA RAGGI - COMPLEANNO ALL'HOTEL BERNINI BRISTOL VIRGINIA RAGGI - COMPLEANNO ALL'HOTEL BERNINI BRISTOL

Non è un mistero che se Gualtieri dovesse conquistare il Campidoglio, Conte proverebbe a correre nel collegio «Roma Centro» dell'ex ministro dell'Economia. Virginia Raggi, dunque, promossa? Sfoggia un bel 9 in pagella. Certo, se lo è attribuito da sé. E nel segno della generosità ha distribuito 8, 9, 10 a tutti gli uffici capitolini. L'ultimo report sulle perfomance dell'amministrazione di Roma fotografa una città modello. Come se non ci fossero i cassonetti stracolmi di rifiuti, gli autobus che prendono fuoco, le buche disseminate ovunque. Niente di tutto ciò.

 

ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE

Stando al dossier di 98 pagine, la Capitale ha raggiunto il 94,31% degli impegni presi al punto da premiare i suoi dipendenti con 36 milioni di euro. Va da sé, in un amen sono divampate le polemiche. «Purtroppo per lei, però, i voti e le pagelle li daranno i romani il 3 e 4 ottobre», cinguetta Roberto Gualtieri. I rumors di sottofondo vanno in questa direzione: «È stata un'altra trovata da campagna elettorale».

 

virginia raggi virginia raggi

Nell'attesa, nemmeno i sondaggisti si sbilanciano. E allora Raggi punta al pienone nelle periferie per arrivare al ballottaggio. Ma «dietro l'angolo» - per dirla con Maurizio Costanzo - incombe l'amore forzato col Pd. Ebbene sì: amor con amor si paga. Quando si dice il dettaglio. L'anagramma di Roma: Orma Amor.

maurizio costanzo virginia raggi maurizio costanzo virginia raggi

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - BERLUSCONI FA BENE A SOGNARE IL QUIRINALE: UN SONDAGGIO LO DA' SECONDO NEL GRADIMENTO DEGLI ITALIANI (20,6%) SECONDO SOLO A DRAGHI (23,4%) E PRIMA DEL MATTARELLA-BIS (19,3%) - IL CAV, ORMAI FUORI DI TESTA, HA CHIESTO AL FIDATO GIANNI LETTA DI ORGANIZZARE UN INCONTRO CON IL NIPOTE, ENRICO LETTA PER DISCUTERE DELLA SUA ELEZIONE AL COLLE. AL VOLTO BASITO DELL'EMINENZA AZZURRINA, BERLUSCONI HA RISPOSTO CON LO SLANCIO MESSIANICO DI CHI È CONVINTO DI POTER ARRIVARE DOVE VUOLE: "SONO SICURO CHE SE GLI PARLO, LO CONVINCO..."

MATTEO DA LEGARE - SE GIORGIA MELONI HA QUALCHE PROBLEMINO CON IL SUO PARTITO, MATTEO SALVINI NON SE LA PASSA MEGLIO. HA DOVUTO INCASSARE UNA COCENTE SCONFITTA IN EUROPA: I POLACCHI DI KACZYNKSI E MORAWIECKI HANNO RIFIUTATO LE SUE AVANCES A CONFLUIRE NELL'EUROGRUPPO DELLE DESTRE PER RESTARE NEL GRUPPO “CONSERVATORI E RIFORMISTI” INSIEME A GIORGIA MELONI. I POLACCHI NON ACCETTERANNO MAI DI SCHIERARSI CON L'ESTREMA DESTRA DI MARINE LE PEN - IL "CAPITONE", OLTRE ALLE SBERLE IN EUROPA, DEVE ANCHE GESTIRE LE SCAZZOTTATE SUL VACCINO NELLA LEGA...

IL CICLONE ZEMMOUR SI ABBATTE SULLA FRANCIA - IL GIORNALISTA DI ESTREMA DESTRA HA SCIOLTO UFFICIALMENTE LA RISERVA DOPO QUATTRO MESI PASSATI A TENTENNARE: SI CANDIDERÀ ALLE PRESIDENZIALI E SFIDERÀ MACRON E LE PEN - LA DECISIONE È MATURATA NEL MOMENTO IN CUI È PIÙ DEBOLE, DOPO LE RIVELAZIONI SULLA LIAISON CON L’ASSISTENTE SARAH KNAFO E LA FOTO IN CUI FA IL DITO MEDIO A UNA PASSANTE - ALLA FINE, CON I SOVRANISTI SPACCATI TRA LUI E MARINE, RISCHIANO DI GUADAGNARCI I REPUBBLICANI…