RENZI NE HA INTORTATA UN’ALTRA: EMMA BONINO - ALESSANDRA GHISLERI APRE L’UOVO DI PASQUA E CI TROVA ALCUNE SORPRESE PER I PARTITI IN VISTA DELL’EUROPEE: “IL LANCIO DI ‘STATI UNITI D'EUROPA’ PARE AVER SUPERATO BENE LA SOGLIA DI SBARRAMENTO AVVICINANDOSI AL 5,0%”. QUANTO CI METTERÀ MATTEONZO A SCARICARE LA LEADER RADICALE? – LA RIPARTIZIONE DEI SEGGI: “SEMPRE IN VETTA FDI (27,5%) CON 23 SCRANNI, IL PD CON 16 E IL MOVIMENTO 5 STELLE CON 15” – LA LOTTA TRA SALVINI E TAJANI E LA LISTA DI SANTORO ALL’1,7%

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alessandra Ghisleri per “La Stampa”

 

ALESSANDRA GHISLERI ALESSANDRA GHISLERI

Con la fine del mese di marzo e l'arrivo della Pasqua anche la politica inizia a presentare le sue sorprese. Alcune attese altre sorprendenti. Quello che inizia a profilarsi è un nuovo panorama tra i partiti nazionali. L'emergere di nuove formazioni è principalmente legata alla soglia di sbarramento del 4,0% […]

 

[…] Il lancio di "Stati Uniti d'Europa" pare, ad un primo test di rilevazione, aver superato bene la soglia di sbarramento avvicinandosi al 5,0%. La formazione, che sembrerebbe presentare come capilista Matteo Renzi ed Emma Bonino, racchiude nel suo simbolo oltre a Italia Viva e +Europa anche il PSI, VOLT e i Liberal Democratici. Azione di Calenda con Siamo Europei, il Partito Repubblicano Italiano, i Popolari Europeisti Riformatori, l'Associazione Socialista Liberale e NOS rimane ancora a cavallo della soglia, fissando il suo risultato intorno al 4,0%.

 

RENZI BONINO RENZI BONINO

Più in salita la strada per Libertà, la formazione di Cateno De Luca che, con Italexit, il Partito Popolare del Nord, il Popolo Veneto, Rassemblemant Valdotain, Capitano Ultimo e Civici in movimento, al suo debutto si presenta al 2,0%. La lista di Michele Santoro, Pace Terra e Dignità (1,7%), annuncia la candidatura con la presenza di molti volti noti, ma al momento nessun altro simbolo come compagno di viaggio.

 

[…] Le dinamiche della politica nazionale saranno suggestionate dalla nascita di […] nuove formazioni, anche perché il sistema proporzionale di ripartizione dei seggi favorisce una rappresentanza più variegata […]. A tal proposito i 76 seggi italiani, in questo esercizio matematico, vedono sempre in vetta il partito di Giorgia Meloni (27,5%) con 23 scranni, il Partito Democratico con 16 e il Movimento 5 Stelle con 15.

 

SALVINI - TAJANI - MELONI - SANTANCHE - MEME BY EMILIANO CARLI SALVINI - TAJANI - MELONI - SANTANCHE - MEME BY EMILIANO CARLI

La poca distanza tra la Lega di Matteo Salvini (8,8%) e Forza Italia (8,0%) porta 7 seggi a ciascuno. La composizione di scopo di Matteo Renzi ed Emma Bonino ne ricaverebbe 4, mentre la lista di Carlo Calenda, in posizione borderline rispetto alla soglia di sbarramento, raccogliendo il 4,0% riuscirebbe ad ottenere 3 poltrone.

 

[…] Le elezioni europee stanno già generando grandi aspettative; tuttavia, come per la sorpresa nelle uova di Pasqua, il rischio è sempre quello di aspettarsi la sorpresa delle meraviglie per poi ritrovarsi fra le mani il solito gingillo.

matteo salvini giorgia meloni. antonio tajani matteo salvini giorgia meloni. antonio tajani CATENO DE LUCA - LISTA LIBERTA CATENO DE LUCA - LISTA LIBERTA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”