RENZI VS CONTE, NUOVO ROUND - MATTEUCCIO SULLA SUA “ENEWS” PIZZICA PEPPINIELLO APPULO SULLE CONFERENZE ALL’ESTERO: “IERI SONO STATO ALL’EXPO A DUBAI PER UNA CONFERENZA. LO SCRIVO PER EVITARE CHE DOMANI VENGA FUORI LA POLEMICA. PENSO CHE QUESTO TEMA ADESSO PERDERÀ INTERESSE PERCHÉ È EMERSO CHE ANCHE GIUSEPPE CONTE HA INIZIATO A FARE CONFERENZE ALL’ESTERO. PER UNA VOLTA NESSUNA POLEMICA. SONO CONTENTO PER LUI: SONO ESPERIENZE FORMATIVE, CHE AIUTANO A CRESCERE…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dalla “Enews” di Matteo Renzi

RENZI E LE CONFERENZE ALL'ESTERO DI CONTE - DALLA ENEWS RENZI E LE CONFERENZE ALL'ESTERO DI CONTE - DALLA ENEWS

 

Ieri sono stato all’Expo a Dubai per una conferenza. Lo scrivo per evitare che domani venga fuori la polemica e un grande scoop del tipo: "Renzi vola a Dubai in aereo". Come se gli altri a Dubai arrivassero in canoa. Penso che questo tema adesso perderà interesse perché è emerso che anche Giuseppe Conte ha iniziato a fare conferenze all’estero. Per una volta nessuna polemica. Sono contento per lui: sono esperienze formative, che aiutano a crescere.

 

 

 

l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam 2 l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam 2 GIUSEPPE CONTE MATTEO RENZI BY DE MARCO GIUSEPPE CONTE MATTEO RENZI BY DE MARCO renzi mejo dello sciamano di washington renzi mejo dello sciamano di washington MATTEO RENZI E GIUSEPPE CONTE COME LUKAKU E IBRA MATTEO RENZI E GIUSEPPE CONTE COME LUKAKU E IBRA giuseppe conte alla conferenza the revolution of hope amsterdam giuseppe conte alla conferenza the revolution of hope amsterdam l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam

 

 

Condividi questo articolo

politica

È ARRIVATO IL MOMENTO DI UN ITALIANO ALLA NATO - IL NOSTRO PAESE, CON L'APPOGGIO DI MACRON, PUÒ SPOSTARE L'ASSE DELL'ALLEANZA SUL MEDITERRANEO - ROMA HA UN CREDITO DA RISCUOTERE CON WASHINGTON, DOPO IL FALLIMENTO DELLA CANDIDATURA DI FRATTINI, IMPALLINATO NEL 2004 PERCHÉ TROPPO VICINO A BERLUSCONI (E QUINDI A PUTIN) -  LASCIATE PERDERE L’AUTOCANDIDATURA DI RENZI. IN BALLO RICICCIANO I SOLITI NOMI: GENTILONI, MOGHERINI E ADDIRITTURA FASSINO. MA DRAGHI POTREBBE LANCIARE ANCHE LORENZO GUERINI, CHE DA MINISTRO DELLA DIFESA HA INTRECCIATO BUONI RAPPORTI CON WASHINGTON

LA RICONFERMA DI MATTARELLA AL COLLE? UN PANNICELLO CALDO - MASSIMO FRANCO: "NON RISOLVEREBBE L'INCOGNITA DEL FUTURO DI DRAGHI E DEL SUO GOVERNO. SERVIREBBE SOLO A NASCONDERE LE DIVERGENZE DENTRO E TRA LE FORZE POLITICHE, SENZA SALVARE L'ESECUTIVO. NAPOLITANO, RIELETTO DOPO UNA RICHIESTA PRESSANTE E QUASI UNANIME DEI PARTITI, QUANDO DUE ANNI DOPO SI È DIMESSO, È STATO SALUTATO IN MODO INGENEROSO DA MOLTE DELLE STESSE FORZE POLITICHE CHE LO AVEVANO PREGATO DI ACCETTARE. CONGELARE IL PRESENTE SIGNIFICHEREBBE SOLO RINVIARE I CONTI CON LA NUOVA FASE CHE L'ITALIA SI TROVA DI FRONTE…"

LARGO AL CAMPO LARGO! – ENRICO LETTA TENDE LA MANO A BERLUSCONI: “DOBBIAMO COSTRUIRE QUALCOSA CHE SIA VINCENTE RISPETTO AL 40% RAPPRESENTATO DA SALVINI E MELONI. IL CAMPO LARGO DEVE ESSERE DAVVERO LARGO”. BASTA FARE I CONTI: IL PD È AL 20% E I CINQUE STELLE AL 12. BASTA AGGIUNGERE L’8% DI FORZA ITALIA E COME PER MAGIA SI ARRIVA AL 40. A CUI ANDREBBE AGGIUNTO CALENDA, CHE PERÒ SUBITO FA LO GNORRI: “DA 30 ANNI L'UNICA RAGIONE DI STARE INSIEME È NON FARE VINCERE GLI ALTRI, SEMBRA IL PALIO DI SIENA. IO NON LO CONDIVIDO"