RENZI VUOLE ALLA VIGILANZA RAI LA BOSCHI. E “IL FATTO QUOTIDIANO” LO UCCELLA ‘’PER I RAPPORTI DI AFFARI CON LUCIO PRESTA. OSSIA L'AGENTE DEI VIP ACCREDITATO DI FARE IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO IN RAI (E PERSINO I PALINSESTI) E INDAGATO ASSIEME A RENZI PER "RAPPORTI CONTRATTUALI FITTIZI" DIETRO I QUALI SI NASCONDEREBBE UN PRESUNTO FINANZIAMENTO ALLA POLITICA. TRA I CONTRATTI FIRMATI CON RENZI, QUELLO PER LA REALIZZAZIONE DEL DOCUMENTARIO "FIRENZE SECONDO ME" PER IL QUALE RENZI HA INCASSATO CIRCA 450 MILA EURO, ANDATO IN ONDA SU DISCOVERY LE CUI RIPRESE ERANO INIZIATE QUANDO ANCORA IL NETWORK ERA DIRETTO DA MARINELLA SOLDI, ORA PRESIDENTE DELLA RAI…

-

Condividi questo articolo


matteo renzi lucio presta matteo renzi lucio presta

Ilaria Proietti per “il Fatto quotidiano”

 

Lui, preso com' è dal lavoro di conferenziere, che l'ha portato prima a Bangkok e poi ad Atene, ostenta un certo superiore distacco. Ma gli fischiano le orecchie: il nome di Matteo Renzi vola di bocca in bocca ora che, complici i litigi nel centrodestra, il M5S è riuscito a stoppare l'elezione del presidente del Copasir (reclamata dal Pd per Lorenzo Guerini), in attesa di garanzie sulla Vigilanza Rai.

 

Un altolà che in soldoni serve da ammonimento per scongiurare che l'altro presidio riservato all'opposizione, quello sull'informazione di Stato, finisca nelle mani di Italia Viva, il partito dell'ex premier in rapporti di amicizia e pure di affari con Lucio Presta. Ossia l'agente dei vip accreditato, con la sua formidabile scuderia di artisti, di fare il bello e il cattivo tempo in Rai (e persino i palinsesti) e - particolare che fa il sugo - indagato assieme a Renzi per finanziamento illecito.

 

MARIA ELENA BOSCHI E MATTEO RENZI MARIA ELENA BOSCHI E MATTEO RENZI

E così, sul sudoku per le commissioni di Palazzo San Macuto, aleggia pure l'ombra del conflitto di interessi. In un clima di sospetti rispetto all'idea di eleggere un renziano di stretta osservanza, magari la stessa Maria Elena Boschi, al vertice della commissione di Vigilanza.

 

E di veleni trasversali rispetto ai futuri assetti della governance Rai, ancora farina del sacco di Mario Draghi che ha insediato, in ossequio al Pd, l'ad Carlo Fuortes. Ma pure, come presidente, Marinella Soldi graditissima a Renzi, con una nomina finita nel tritacarne proprio per via dell'affaire tra l'ex Rottamatore e Presta oggetto delle attenzioni della magistratura.

marinella soldi foto di bacco (3) marinella soldi foto di bacco (3)

 

A luglio 2021 il procuratore aggiunto Paolo Ielo e i sostituti Alessandro di Taranto e Gennaro Varone avevano messo nel mirino i rapporti economici tra Renzi e l'agente dei vip Lucio Presta, entrambi poi indagati per finanziamento illecito. Per gli inquirenti romani quelli che li legavano erano "rapporti contrattuali fittizi" dietro i quali si nasconderebbe un presunto finanziamento alla politica.

 

Tra i contratti firmati con Renzi, quello per la realizzazione del documentario "Firenze secondo me" per il quale il leader Iv ha incassato circa 450 mila euro, andato in onda per Discovery le cui riprese erano iniziate quando ancora il network era diretto da Marinella Soldi.

 

RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE

Il senatore aveva anche ideato un programma in cui si sarebbe trasformato in intervistatore e poi le pillole di storia in 5 minuti, due format rimasti invenduti. L'inchiesta era deflagrata proprio nei giorni in cui il governo aveva indicato per la presidenza della Rai Soldi dando la stura alle polemiche dei 5 Stelle.

 

Ma anche Matteo Salvini, che aveva criticato Draghi per aver pensato per quella casella la stessa persona "che ha acquistato il documentario di Renzi prodotto proprio da Presta". Da allora sembra passato un secolo (politico), ma le polemiche restano in agguato ora che in ballo c'è la doppia partita da ridefinire, ossia la governance Rai dopo l'insediamento del nuovo governo e il suo ideale contrappeso, ossia la guida della commissione di controllo sull'azienda.

 

LUCIO PRESTA E MATTEO RENZI LUCIO PRESTA E MATTEO RENZI

Che ha anche poteri di indirizzo ma può mettere becco in ogni anfratto che riguardi la concessionaria, nel contratto di servizio, ma pure sulla qualità dei programmi e persino sugli ospiti. Core business di quel deus ex machina di mamma Rai chiamato Presta. Amico di Matteo, aspirante dominus della Vigilanza.

MEME SULLA TRASMISSIONE DI RENZI SU FIRENZE MEME SULLA TRASMISSIONE DI RENZI SU FIRENZE MATTEO RENZI LUCIO PRESTA MATTEO RENZI LUCIO PRESTA RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE MATTEO RENZI SINDACO DI FIRENZE MATTEO RENZI SINDACO DI FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE RENZI E IL DOCUMENTARIO FIRENZE renzi briatore presta renzi briatore presta

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?