RICORDIAMOCI DEGLI AMICI E SOPRATTUTTO DEI TRADITORI - IL BRASILE NON HA MANTENUTO LA PROMESSA FATTA ALL'ITALIA DA LULA DI VOTARE LA CANDIDATURA DI ROMA, PERCHÉ NON HA PARTECIPATO ALLE ELEZIONI PER L'ASSEGNAZIONE DI EXPO 2030 - QUEL PARACULO DI LULA, GUARDA CASO, È IN ARABIA SAUDITA, ALLA RICERCA DI NUOVI INVESTITORI PER IL PIANO DI OPERE PUBBLICHE E INCONTRERA’ BIN SALMAN - ALLA FACCIA DELL’AMICIZIA CON GIORGIA MELONI, NEMMENO L'ALBANIA DI EDI RAMA HA VOTATO PER IL NOSTRO PAESE…

-

Condividi questo articolo


LULA BIN SALMAN LULA BIN SALMAN

Da “la Stampa”

 

Il presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva, è in Arabia Saudita, nella sua prima tappa di un tour in Medio Oriente organizzato - a margine della partecipazione alla Conferenza delle Nazioni unite sui cambiamenti climatici (Cop28) di Dubai - alla ricerca di nuovi investitori per il piano di opere pubbliche inserite nel Programma di accelerazione della crescita (Pac) lanciato dal governo.

 

edi rama e giorgia meloni firma accordo per i migranti italia albania 3 edi rama e giorgia meloni firma accordo per i migranti italia albania 3

«Presenteremo progetti di investimento in Brasile e incrementeremo le relazioni commerciali e di partnership nei settori energetico, agricolo e industriale», ha annunciato Lula. Il capo dello Stato brasiliano incontrerà il principe ereditario, Mohammed bin Salman, e parteciperà a incontri con imprenditori locali organizzati dalla compagnia aeronautica brasiliana Embraer e dall'Agenzia brasiliana per la promozione delle esportazioni e degli investimenti.

 

LULA BIN SALMAN LULA BIN SALMAN

Il Brasile non ha mantenuto la promessa fatta all'Italia da Lula di votare la candidatura di Roma, perché non ha partecipato alle elezioni. Nemmeno l'Albania di Edi Rama ha votato per il nostro Paese. La premier Meloni ci contava, almeno così sembrava dagli scorsi mesi, dalle vacanze di agosto della premier nel Paese delle aquile. Invece, Tirana ha dato la sua preferenza a Riad, nonostante il tanto decantato accordo bilaterale sui migranti e i rapporti amici tra i due leader.

edi rama e giorgia meloni firma accordo per i migranti italia albania 2 edi rama e giorgia meloni firma accordo per i migranti italia albania 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…