LA VICEPRESIDENTE AMERICANA KAMALA HARRIS SI È MESSA A RIDERE DAVANTI AI GIORNALISTI  CHE LE CHIEDEVANO DEL CAOS IN AFGHANISTAN! – DURANTE IL SUO VIAGGO A SINGAPORE, LA HARRIS, CHE DEVE PENSARE CHE LA POLITICA SIA UNO SKETCH DEL "SATURDAY NIGHT LIVE", HA SORRISO E FATTO SPALLUCCE ALLA DOMANDA DI UNA GIORNALISTA SULLA RISPOSTA AMERICANA AL DISASTRO DI KABUL – IN DUE VIAGGI ALL’ESTERO, HA RIMEDIATO DUE FIGURE DI MERDA. IL PRIMO ERA STATO IL FAMOSO DISCORSO AI MIGRANTI IN GUATEMALA: “NON VENITE NEGLI USA, SARETE RESPINTI”. E MENO MALE CHE QUESTI ERANO QUELLI EMPATICI E “COMPETENTI”!

Condividi questo articolo


 

 

DAGONEWS

kamala harris ride a una giornalista che le chiede dell'afghanistan 2 kamala harris ride a una giornalista che le chiede dell'afghanistan 2

E meno male che questi erano quelli empatici e “competenti”! La vicepresidente americana Kamala Harris si è messa a ridere durante una conferenza stampa in cui le veniva chiesto del caos in Afghanistan! La scenetta, che ha causato ovvie reazioni di sgomento sui social, è avvenuta a Singapore, dove Kamala ha incontrato il primo ministro di Singapore, Lee Hsien Loong.

 

La Harris stava già sorridendo quando è arrivata di fronte ai giornalisti. Una reporter ha provato a chiedere alla Vice di Biden un commento, e lei l’ha interrotta prima che potesse finire: “Aspetta, aspetta, ahahah, rallenta,”, ed è scoppiata a ridere, scuotendo le spalle.

 

kamala harris ride a una giornalista che le chiede dell'afghanistan 1 kamala harris ride a una giornalista che le chiede dell'afghanistan 1

I commenti su Twitter non sis ono fatti attendere. “È come uno sketch del Saturday Night Live. Peccato sia reale, e che lei non sia una comica. Non c’è niente da ridere”, “ha detto che l’amministrazione non potrebbe avere una priorità più alt ache l’Afghanistan. È per questo che lei è in un viaggio tra Vietnam e Singapore e Biden è stato in vacanza per metà del tempo”

 

Quella in Asia è la seconda missione all’estero di Kamala. La prima era stata quella in Guatemala e in Messico, dove aveva fatto un’altra figuraccia intimando ai migranti di non andare negli Stati Uniti (“sarete respinti”). Ma non farebbe meglio a starsene chiusa alla Casa Bianca? Gli americani registrano: il 55% ritiene che non sia qualificata per diventare presidente.

KAMALA HARRIS Lee Hsien Loong KAMALA HARRIS Lee Hsien Loong

 

 

kamala harris a singapore kamala harris a singapore kamala harris joe biden antony blinken kamala harris joe biden antony blinken afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul 7 afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul 7 KAMALA HARRIS Lee Hsien Loong KAMALA HARRIS Lee Hsien Loong kamala harris e joe biden kamala harris e joe biden TALEBANI TALEBANI afghanistan gruppo di talebani afghanistan gruppo di talebani afghanistan nazionalisti in piazza contro i talebani 3 afghanistan nazionalisti in piazza contro i talebani 3 afghanistan bambini tra le macerie afghanistan bambini tra le macerie afghanistan genitori affidano figli ai militari 1 afghanistan genitori affidano figli ai militari 1 afghanistan genitori affidano figli ai militari 2 afghanistan genitori affidano figli ai militari 2 kamala harris joe biden kamala harris joe biden calca all aeroporto di kabul calca all aeroporto di kabul kamala harris kamala harris kamala harris 1 kamala harris 1 afghanistan lgbt afghanistan lgbt kamala harris ride a una giornalista che le chiede dell'afghanistan kamala harris ride a una giornalista che le chiede dell'afghanistan

 

Condividi questo articolo

politica

SE IL CENTRODESTRA È DIVISO, A SINISTRA STANNO MESSI PEGGIO - IL CROLLO DELL’OPZIONE BERLUSCONI DIMOSTRA CHE SALVINI E MELONI NON HANNO NUMERI SOLIDI PER ESPRIMERE UN CANDIDATO FORTE AL COLLE, MA LETTA E CONTE NON SONO D’ACCORDO NEMMENO SUL DESTINO DI DRAGHI: IL SEGRETARIO DEL PD LO VORREBBE AL QUIRINALE, GIUSEPPI LO PREFERISCE AL GOVERNO - PER I GIALLOROSSI I NOMI IRRICEVIBILI SONO QUELLI DI CASELLATI, PERA E MORATTI - SI VA VERSO UNA SOLUZIONE DI BANDIERA PER LE PRIME VOTAZIONI: ANDREA RICCARDI...