IL RITORNO DEGLI ''IMPRESENTABILI'' - LA COMMISSIONE ANTIMAFIA PUBBLICA L'ELENCO DEI CANDIDATI CON PROCEDIMENTI PENDENTI DI UNA CERTA GRAVITÀ. SI TRATTA DI 13 PERSONE, MA CONCENTRATE TUTTE IN TRE REGIONI: PUGLIA, CAMPANIA E VALLE D'AOSTA - TRA QUESTI, UN IMPUTATO PER ASSOCIAZIONE MAFIOSA IN UNA LISTA A SOSTEGNO DI EMILIANO E UNA DI DE LUCA, NOTORIAMENTE DEFINITO ''IMPRESENTABILE'' DA ROSY BINDI QUANDO GUIDAVA LA COMMISSIONE (VINSE COMUNQUE)

-

Condividi questo articolo

Alessandra Arachi per www.corriere.it

 

Sono 13 i candidati impresentabili nelle liste per le elezioni di domenica prossima. I nomi sono stati resi noti oggi dalla commissione antimafia e sono presenti soltanto in tre regioni sulle sette impegnate nella competizione elettorale, ovvero: Puglia, Campania e Valle D’Aosta . Liste “pulite” invece in Toscana, Veneto, Liguria, Marche . In Campania è stato candidato con De Luca presidente Aureliano Iovine, imputato di associazione mafiosa (Lista Liberaldemocratici Campania) . Imputata di aggravare attività mafiose anche la candidata di Michele Emiliano Silvana Albani (Lista “Puglia solidale verde”).

GIUSEPPE CONTE E MICHELE EMILIANO GIUSEPPE CONTE E MICHELE EMILIANO vincenzo de luca vincenzo de luca

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209