ROTOLANDO VERSO MIFSUD - IL MALTESE È SOCIO DELLA ''LINK INTERNATIONAL'', SOCIETÀ COLLEGATA ALL'ATENEO DI SCOTTI CHE SI OCCUPAVA DI TENERE RAPPORTI CON I COLLEGE STRANIERI. PARLA UNO DEI FONDATORI: ''MAI VISTO I BILANCI''. TI CREDO, NON SI SONO MAI REGISTRATI ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA! COME MAI? L'UNIVERSITÀ NON RISPONDE…

-

Condividi questo articolo

Andrea Palladino per “la Repubblica

 

vincenzo scotti frattini mifsud vincenzo scotti frattini mifsud

Era prima di tutto un uomo di rapporti Joseph Mifsud, il professore maltese della Link Campus sparito nel nulla da più di un anno. È il personaggio chiave del rapporto Mueller sulle interferenze russe nelle ultime elezioni Usa. «Un gran chiacchierone», lo descrivono oggi gli ex colleghi all' interno dell' antico casale sull' Aurelia antica, sede dell' ateneo. «Uno specialista dei contatti», il trait-d' union con le università dell' area mediterranea e dei Paesi dell' Est. All' interno del campus aveva uno strumento di lavoro dedicato ai rapporti con gli atenei stranieri, la Link international srl.

 

Lì c' è il cuore transnazionale dell' università fondata e diretta da Vincenzo Scotti, dove si è formata una parte importante della nuova classe dirigente politica. Un' azienda che, ancora oggi, vede tra i soci principali Mifsud. Con alcuni punti oscuri, diversi dipendenti e nessun bilancio presentato in Camera di commercio dalla fondazione ad oggi. La società viene creata nel 2012, come racconta a La Repubblica uno dei soci fondatori, Roberto Lippi, oggi funzionario delle Nazioni unite: «Nasce come una piccola azienda di servizi per facilitare l' arrivo di studenti dall' estero, nel quadro di un processo di internazionalizzazione che stavo seguendo come consulente ».

ROBERTO LIPPI ROBERTO LIPPI

 

Oltre a Lippi, con il 10% delle quote, nell' atto costitutivo appare Vanna Fadini, per conto della LHI srl, gruppo che a sua volta controlla le aziende di servizio della Link campus. Lippi, dopo poco l' avvio dell' attività, lascia l' ateneo per assumere l' incarico di coordinatore del programma Onu Habitat nell' area andina dell' America latina. Da quel momento non ha più contatti con il campus romano. Sei mesi dopo la sua partenza la LHI cede il 35% delle quote a Joseph Mifsud.

 

franco frattini con joseph mifsud franco frattini con joseph mifsud

E se nel 2018 la società pagava l' affitto della casa del professore maltese, capire quale sia la sua attuale attività non è semplice. Per l' avvocato di Mifsud Stephan Roh - che ieri ha rilasciato un' intervista all' Adnkronos - si tratta «di un gruppo separato che si occupa di intelligence, consulenza e difesa». Accuse che, informalmente, l' ateneo respinge con forza. Nessun bilancio, però, è stato mai presentato in Camera di commercio, rendendo difficile capire quale attività svolga la società.

 

Non solo. Lippi, ancora oggi socio di minoranza, assicura che nessuna comunicazione è mai arrivata dalla Link international: «Agli inizi del 2013 decisi di candidarmi per una posizione alle Nazioni Unite in Colombia e mi sono trasferito a Bogotà, dove tutt' ora risiedo. Quando me ne andai dall' Italia, la società non aveva effettuato nessuna azione, per cui ben presto me ne sono dimenticato. Non ho più avuto notizie, nulla di nulla».

 

STEPHAN ROH BILL CLINTON STEPHAN ROH BILL CLINTON

E quando, nel settembre del 2013, Mifsud acquista le azioni nessuno lo avvisa: «La Link poteva ovviamente cedere le sue quote a chicchessia, ma come socio di minoranza avrei dovuto essere informato, non fosse altro per diritto di prelazione». Per quanto riguarda i bilanci Lippi assicura di «non aver mai ricevuto convocazione alcuna per la presentazione annuale, tanto che solo con l' uscita di un articolo qualche mese fa sono venuto a sapere che la società era attiva, con molti dipendenti, e che ero diventato socio di Mifsud a mia insaputa. Un personaggio a me di fatto sconosciuto ».

La Link Campus, contattata più volte per avere una spiegazione sulla mancanza dei bilanci in Camera di commercio, ha deciso di non rispondere.

 

Condividi questo articolo

politica

SU RENZI SI VOLA BASSO - BELPIETRO: “SE DA UN LATO SI INDAGA SULL'USO DELLE MOTO D'ACQUA DEL FIGLIO DI SALVINI, NESSUNO SEMBRA AVERE INTERESSE AD APRIRE UN'INCHIESTA SUGLI AEREI DI STATO, SOPRATTUTTO QUELLO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO. UNA SPESA DI OLTRE 150 MILIONI PER UN VELIVOLO ORDINATO E LASCIATO A MARCIRE IN UN HANGAR A SPESE DELLA COLLETTIVITÀ. L'INTERA FACCENDA DELL’AIR FORCE RENZI ERA PRIVA DI ALCUN SENSO ECONOMICO E L'AFFARE HA AVUTO UNA CURIOSA TRIANGOLAZIONE…”