L’ATTACCO AL PATTO DI STABILITÀ POTREBBE ARRIVARE DA PARIGI - MARINE LE PEN E JORDAN BARDELLA VOGLIONO RIDURRE L’ETÀ DELLA PENSIONE A 60 ANNI E TAGLIARE LE ALIQUOTE DELL’IMPOSTA SUI CONSUMI, CONVINTI DI POTER FINANZIARE IL TUTTO TOGLIENDO SUSSIDI AGLI IMMIGRATI - FUBINI: “VOGLIONO FARE A PEZZI LE NUOVE EUROPEE REGOLE DI BILANCIO, PROPRIO ORA CHE LA FRANCIA E L’ITALIA STANNO PER ENTRARE IN UNA PROCEDURA PER DEFICIT A BRUXELLES E DOVREBBERO STRINGERE LA CINGHIA. ANCHE L’ITALIA POTREBBE ESSERE TENTATA DI METTERSI IN SCIA ALLA FRANCIA…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federico Fubini per il “Corriere della Sera”

 

MARINE LE PEN - GIORGIA MELONI - MEME MARINE LE PEN - GIORGIA MELONI - MEME

I mercati non hanno reagito troppo male ieri alla scoperta che la Francia […] è entrata in acque ignote. […] L’euro si è indebolito. Le principali Borse dell’area anche. […] l’epicentro del sisma è la Francia, eppure ieri l’impatto di mercato non è stato peggiore da questa parte delle Alpi.

 

Ma a cosa reagiscono i creditori di questi Paesi così indebitati? Il Rassemblement National di Marine Le Pen e Jordan Bardella ha proposte tipiche del populismo che solca l’Europa da un decennio. Con deficit e debito già alti e in aumento, vogliono ridurre l’età della pensione a 60 anni e tagliare le aliquote dell’imposta sui consumi. Dicono di poter finanziare il tutto togliendo sussidi agli immigrati, ammesso che sia legale. O possibile.

marine le pen jordan bardella marine le pen jordan bardella

 

In sostanza, Le Pen e Bardella vogliono fare a pezzi le nuove europee regole di bilancio, proprio ora che la Francia e l’Italia stanno per entrare in una procedura per deficit a Bruxelles e in teoria dovrebbero stringere un po’ la cinghia.

 

Ma la posizione lepenista rende improbabile anche solo una lieve stretta di bilancio, da parte di qualunque governo si formi a Parigi in luglio. Anche l’Italia potrebbe essere tentata di mettersi in scia alla Francia, per scucire un po’ le giunture delle regole europee. Basta non dimenticare le interdipendenze nell’euro e le fragilità finanziarie del Paese: l’Italia non diventa più forte se la Francia o la Germania si indeboliscono; quando Parigi starnutisce, a Roma si rischia un’epidemia di raffreddore.

bardella marine le pen bardella marine le pen meloni le pen meloni le pen

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?