L’EUROPA VOLEVA LO SCALPO DI SALVINI E LE PAROLE DEL COMMISSARIO UE OETTINGER SONO LI’ A DIMOSTRARLO: ”L'ITALIA SARÀ RICOMPENSATA. BRUXELLES FARA’ DI TUTTO PER FACILITARE IL LAVORO DEL GOVERNO ITALIANO” (ARRIVA UN SUPER-SCONTO SULLA FLESSIBILITÀ DI BILANCIO?) – CONTE E’ ORMAI ASSURTO AL RANGO DI STATISTA, JUNCKER NE RIVENDICA LA METAMORFOSI: "E' STATA UN’OPERAZIONE SIMILE A QUELLA CON TSIPRAS" – E SONO INIZIATE LE MANOVRE PER FAVORIRE L'INGRESSO DEL M5s IN UNO DEI GRUPPI TRADIZIONALI (LIBERALI O VERDI)

-

Condividi questo articolo


MARCO BRESOLIN per la Stampa

 

JUNCKER E CONTE JUNCKER E CONTE

Con il nuovo incarico a Giuseppe Conte, Jean-Claude Juncker è sempre più convinto di aver vinto la propria scommessa. Parlando con i suoi collaboratori, nei mesi scorsi il presidente della Commissione Ue aveva detto di voler condurre una sorta di «operazione-Tsipras» con il premier. Trasformare il leader di un esecutivo populista in un capo di governo moderato e dialogante. Convertire il "burattino" di Matteo Salvini (copyright Guy Verhofstadt) in fedele alleato di una forza politica tradizionale come il Pd.

 

Il paragone con il numero uno di Syriza è risuonato più volte nei colloqui privati di Juncker, che ieri si è complimentato con Conte. Il lussemburghese è certo di aver contribuito alla metamorfosi dell' avvocato del popolo. Con le trattative andate a buon fine per evitare le due procedure sul debito.

GUNTHER OETTINGER GUNTHER OETTINGER

 

E con i consigli politici, per spingere il M5S all' interno della nuova maggioranza a Strasburgo. Il voto dei grillini a Ursula von der Leyen - decisivo - è stato l' emblema di questo lavoro di smussatura. Tanto che ora sono già iniziate le manovre per favorire l' ingresso dei 14 eurodeputati del Movimento in uno dei gruppi tradizionali.

 

Le opzioni sul tavolo sono due. Potrebbero entrare nei liberali (Renew Europe), operazione nella quale è pronto a spendersi Matteo Renzi, anche attraverso Sandro Gozi (eletto con il partito di Macron). Resta però aperta anche la strada che li porterebbe nei Verdi, al momento l' opzione preferita dalla maggioranza dei parlamentari M5S. Ma proprio ieri dagli ecologisti è arrivata una frenata.

salvini salvini

 

Fin qui il futuro del Movimento. Poi ci sono i rapporti tra l' Ue il futuro governo. Ieri hanno fatto scalpore (in Italia) le parole di Gunther Oettinger a un' emittente tedesca.

Ha detto che Bruxelles "farà tutto il possibile per facilitare il lavoro del governo italiano" e per "ricompensarlo". Dichiarazioni subito interpretate come l' annuncio di un super-sconto in termini di flessibilità di bilancio.

 

jean claude juncker jean claude juncker

La realtà è un po' diversa, anche perché lo stesso Oettinger - che tra un mese non farà più parte dell' Ue - ha sottolineato l' importanza del «consolidamento di bilancio» e del rispetto delle regole. In ogni caso, a Bruxelles, la sua battuta viene liquidata come «l' ennesima gaffe» di un politico che vanta una vasta collezione. Qualche esempio? «I mercati insegneranno agli italiani come votare». «I cinesi si pettinano col lucido da scarpe». «La Vallonia?

 

Una micro-regione in mano ai comunisti». Adesso la "ricompensa" ai giallorossi.

Certo è che a Bruxelles si aspettano una fase in cui il dialogo prevarrà sulla conflittualità, dopo 14 mesi di tensioni continue. «Ci aspettiamo un governo stabile e progressista - ha fatto sapere ieri il ministro delle finanze tedesco, Olaf Scholz - e questa è una buona notizia per l' Europa».

CONTE JUNCKER CONTE JUNCKER

 

In questo clima, avviare un dialogo per ottenere margini di flessibilità sarà indubbiamente più facile. Ma al momento nulla è scontato e la trattativa d' autunno deve ancora cominciare.

OETTINGER OETTINGER GUNTHER OETTINGER GUNTHER OETTINGER oettinger oettinger CONTE JUNCKER CONTE JUNCKER conte juncker 3 conte juncker 3 CONTE JUNCKER CONTE JUNCKER jean claude juncker giuseppe conte 3 jean claude juncker giuseppe conte 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE