L’ITALIA CHIEDE I TEMPI SUPPLEMENTARI PER IL PNRR? – VISTO IL GRAVE RITARDO NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI, IL GOVERNO STA PENSANDO DI RICORRERE ALLA PROCEDURA DI EMERGENZA DEL RECOVERY, CHE PREVEDE SEI MESI DI SOSPENSIONE PRIMA DELLE “VERIFICHE” DELLA COMMISSIONE – UN MODO PER GUADAGNARE TEMPO, FACENDO SLITTARE L’INCASSO DELLA PROSSIMA RATA. NELLA SPERANZA, NEL FRATTEMPO, DI CAMBIARE PASSO E CENTRARE I “TARGET” IMPOSTI DA BRUXELLES…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Valerio Valentini per “Il Foglio”

 

GIORGIA MELONI PNRR GIORGIA MELONI PNRR

La prima a incapparvi è stata la Lituania: le nuove procedure di verifica sul Next Generation Eu hanno la prima vittima. Per via di ritardi nella riforma del fisco, con due milestone mancate da parte del governo di Vilnius, la rata prevista è stata sospesa, e ora rischia di essere decurtata.

 

[…] anche a Palazzo Chigi c’è chi sta pensando di ricorrere alla nuova procedura d’emergenza: richiedere sei mesi di sospensione del Pnrr. Non che la decisione sia presa. La si pondera, semmai. Fin dal 21 febbraio, quando sulla scrivania di Raffaele Fitto sono giunte le nuove linee guida sulla revisione del Recovery. E uno, tra i vari, era stato il capoverso cerchiato in rosso dai suoi collaboratori.

 

RAFFAELE FITTO E PAOLO GENTILONI RAFFAELE FITTO E PAOLO GENTILONI

Capitolo 3, paragrafo 3: “Nuova metodologia per la sospensione dei pagamenti”. In sostanza, vi si stabilisce questo: che se un paese non ha potuto conseguire gli obiettivi previsti nel periodo indicato, può richiedere di rinviare la verifica da parte della Commissione. Fino a sei mesi: tempo che va impiegato per raggiungere i target e le milestone concordati, così da potersi ottenere la rata conseguente, benché in ritardo.

 

[…] E certo, l’affanno con cui procede l’attuazione del Pnrr in questa fase, i ritardi che si vanno accumulando, giustificherebbero una simile richiesta. Con un’avvertenza, però, non trascurabile. E cioè che, se si accedesse a questa procedura di emergenza, oltre a dare un segnale non esattamente confortante all’estero, bisognerebbe davvero “mettersi alla stanga”, come ha spronato ieri Sergio Mattarella.

raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni 1 raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni 1

 

Perché, scaduto quel termine supplementare di sei mesi, gli obiettivi non raggiunti vengono considerati definitivamente mancati, e il pagamento decurtato.

 

 “Ereditiamo una situazione tutt’altro che agevole, non siamo certo noi ad avere prodotto i ritardi”, è il refrain di un Fitto che spesso sembra voler mettere le mani avanti. Lo ha fatto, pare, anche nell’incontro di due giorni fa con Paolo Gentiloni. Anche col commissario europeo, infatti, si è discusso delle difficoltà che il governo sta incontrando sull’attuazione del Pnrr.

 

pnrr 2 pnrr 2

E a testimoniarlo c’è il quasi scontato rinvio del pagamento della terza rata del Ngeu, quella relativa ai 55 obiettivi fissati per dicembre 2022. […]

RAFFAELE FITTO GIORGIA MELONI RAFFAELE FITTO GIORGIA MELONI raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE