CON L’ITALIA ISOLATA, IN EUROPA TORNERANNO A COMANDARE PARIGI E BERLINO – DOPO GLI SCAZZI DELLE SCORSE SETTIMANE, IL MOTORE FRANCO-TEDESCO SI STA RIACCENDENDO – È SOPRATTUTTO A BERLINO CHE STA MONTANDO IL DESIDERIO DI DISSIPARE I MALCONTENTI. TE CREDO: SONO STATI LORO A FARE CASINO, NON INFORMANDO NESSUNO DEL MEGA-PIANO DI AIUTI DA 200 MILIARDI. E ORA, INSISTONO CON LA CONTRARIETÀ AL PRICE CAP SUL GAS…

-

Condividi questo articolo


EMMANUEL MACRON OLAF SCHOLZ EMMANUEL MACRON OLAF SCHOLZ

Articolo di “Le Monde” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

Dopo una settimana di incontri bilaterali volti ad allentare le tensioni, il Primo Ministro francese si recherà per la prima volta a Berlino venerdì 25 novembre.

 

Dopo una grave battuta d'arresto, il motore franco-tedesco si sta riaccendendo – leggiamo nell’articolo di Le Monde. Nel giro di una settimana, non meno di quattro ministri tedeschi (trasporti, affari esteri, economia e finanze) si sono succeduti a Parigi, prima che il Primo Ministro francese, Elisabeth Borne, si rechi a Berlino venerdì 25 novembre, dove sarà ricevuta dal Cancelliere, Olaf Scholz, e poi dal Vice Cancelliere e Ministro dell'Economia, Robert Habeck.

 

lindner le maire lindner le maire

Una visita preceduta da quella del Ministro della Cultura, Rima Abdul Malak, presente a Berlino giovedì per l'apertura della 22a Settimana del Cinema Francese, insieme alla sua omologa tedesca, Claudia Roth.

 

Un mese dopo l'annullamento del Consiglio dei ministri franco-tedesco, previsto per il 26 ottobre a Fontainebleau (Seine-et-Marne), e le dure parole pronunciate da Emmanuel Macron a Bruxelles il 20 ottobre - "Non è un bene né per l'Europa né per la Germania se [quest'ultima] si isola" -, la volontà di rinnovare il dialogo è evidente. Probabilmente abbiamo esagerato nel mostrare i nostri dissensi", ha osservato un ministro francese.

 

Era quindi urgente lavorare sulle nostre convergenze, soprattutto dopo il vertice del G20 [il 15 e 16 novembre a Bali, in Indonesia] che ci ha ricordato quanto sia importante essere uniti a livello europeo e quindi innanzitutto tra francesi e tedeschi.

 

MACRON E SCHOLZ MACRON E SCHOLZ

Da entrambe le parti ci sono molti segni di rispetto. Lunedì a Parigi il ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, non solo ha incontrato la sua omologa, Catherine Colonna, per uno scambio con i giovani al Lycée Montaigne, ma ha anche parlato con Emmanuel Macron all'Eliseo. Lo stesso giorno, il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire, ha cenato con Robert Habeck, prima di accompagnarlo a un incontro con il Presidente francese il giorno successivo. Giovedì avrebbe dovuto cenare con Christian Lindner, ministro delle Finanze tedesco, anch'egli in visita nella capitale francese.

 

"Legami stretti"

elisabeth borne emmanuel macron elisabeth borne emmanuel macron

Da parte tedesca, il desiderio di dissipare i malintesi è evidente. A fine settembre, l'Eliseo non aveva gradito di non essere stato informato in anticipo del piano di aiuti da 200 miliardi di euro annunciato da Olaf Scholz per far fronte all'impennata dei prezzi dell'energia.

 

Per risolvere la controversia, il 19 novembre l'ambasciatore tedesco in Francia, Hans-Dieter Lucas, scrisse sulle colonne di Ouest-France per assicurare ai francesi che questo piano non era un "tentativo sleale di avvantaggiare l'industria tedesca", contrariamente all'interpretazione che era stata data in diverse capitali europee, tra cui Parigi.

 

Nelle ultime settimane, anche da parte francese era stato espresso un certo fastidio quando la signora Baerbock aveva annunciato che sarebbe stata in vacanza il giorno previsto per il Consiglio dei ministri franco-tedesco a Fontainebleau. Da allora, il capo della diplomazia tedesca non ha perso occasione per far dimenticare questo errore.

 

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

Il 7 novembre è stata ascoltata dall'Assemblea parlamentare franco-tedesca e si è trattenuta il doppio del tempo previsto per uno scambio di opinioni con un centinaio di parlamentari di entrambi i Paesi riuniti al Bundestag. "I nostri legami con la Francia sono più stretti che con qualsiasi altro Paese", ha detto, prima di fare un paragone inaspettato: "A volte si può maledire il proprio coniuge perché non rimette il tappo al tubetto del dentifricio. Ma il valore di una relazione è che non ci si arrabbia per queste cose. È questa fiducia che sento ogni giorno nel partenariato tra i nostri due Paesi."

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

 

In assenza di annunci spettacolari, gli intensi scambi degli ultimi giorni hanno permesso a Francia e Germania di mostrare la loro vicinanza su alcuni temi. In una conferenza stampa congiunta tenutasi martedì a Bercy, Le Maire e Habeck hanno denunciato con lo stesso vigore la minaccia che l'Inflation Reduction Act del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden rappresenta per la competitività dell'industria europea.

 

EMMANUEL MACRON OLAF SCHOLZ EMMANUEL MACRON OLAF SCHOLZ

In una dichiarazione congiunta, i due ministri hanno inoltre sottolineato il ruolo trainante che Parigi e Berlino intendono svolgere affinché l'Unione Europea rafforzi "la sua sovranità strategica nel campo dell'energia e dell'industria", annunciando l'avvio di una cooperazione bilaterale o di gruppi di lavoro in settori quali l'idrogeno, l'intelligenza artificiale, la cybersicurezza, la politica spaziale, l'informatica quantistica o l'approvvigionamento di materie prime.

 

Un "nuovo impulso per il franco-tedesco"

Questo desiderio comune di enfatizzare le convergenze piuttosto che i disaccordi non significa che questi ultimi non esistano più. "Le questioni che erano complicate un mese fa sono ancora complicate nonostante alcuni progressi, come il futuro sistema di combattimento aereo [SCAF], dove la pressione esercitata dai politici ha permesso ai produttori di superare alcuni ostacoli", ha riconosciuto un diplomatico.

MARIO DRAGHI OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN METTE FREDERIKSEN MARIO DRAGHI OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN METTE FREDERIKSEN

 

"Dopo la gelata delle ultime settimane, tutti sembrano aver capito che è urgente reintrodurre il bilateralismo. Eravamo arrivati a un punto in cui l'accumulo di incomprensioni faceva sembrare le relazioni franco-tedesche un disco rotto".

 

A Berlino come a Parigi, questa moltiplicazione dei contatti ministeriali appare tanto più necessaria in quanto le relazioni tra Macron e Scholz, pur essendo cordiali, mancano di fluidità. Percepito a Parigi come "freddo", "distante" e "sfuggente", il Cancelliere rimane un interlocutore "complicato" per il Presidente francese, ammettono le persone vicine a quest'ultimo.

 

JOE BIDEN OLAF SCHOLZ PEDRO SANCHEZ EMMANUEL MACRON RISHI SUNAK AL G20 JOE BIDEN OLAF SCHOLZ PEDRO SANCHEZ EMMANUEL MACRON RISHI SUNAK AL G20

Questo spiega perché il capo di Stato vuole mantenere legami personali anche con altri pesi massimi del governo tedesco, come Habeck e Baerbock, che ha incontrato a una cena a Monaco nel febbraio 2020, quando erano copresidenti dei Verdi. "Sulla maggior parte delle questioni europee, ad eccezione del nucleare, i Verdi sono i migliori alleati della Francia nel governo tedesco. Resta da vedere se guarderanno un po' di più verso Parigi, perché il loro primo riflesso è stato quello di rivolgersi a Bruxelles", osserva un diplomatico.

 

Questa settimana, che avrebbe dovuto dare un "nuovo impulso alle relazioni franco-tedesche", espressione usata a Parigi come a Berlino, era, secondo l'opinione generale, più che necessaria per preparare il prossimo grande evento che i due governi non possono permettersi di perdere: il 60° anniversario del Trattato dell'Eliseo, firmato il 22 gennaio 1963 da Charles de Gaulle e Konrad Adenauer.

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

 

Questo anniversario potrebbe coincidere con il Consiglio dei Ministri franco-tedesco, che è stato rinviato tre volte da luglio e al termine del quale si auspicano annunci forti - all'Eliseo ancor più che alla Cancelleria - sui due temi più complicati del momento: difesa ed energia.

MARIO DRAGHI OLAF SCHOLZ MARIO DRAGHI OLAF SCHOLZ elisabeth borne elisabeth borne

 

Condividi questo articolo

politica

I RILIEVI DI BANKITALIA ALLA MANOVRA SONO SOLO UN ANTIPASTO DI QUELLO CHE ARRIVERÀ DA BRUXELLES – A PALAZZO KOCH HANNO STRONCATO I PROVVEDIMENTI SU POS E CONTANTE, CHE PER L’UNIONE EUROPEA SONO COME KRYPTONITE – SARÀ SOLO IL PRIMO DI UNA LUNGA SERIE DI TIRA E MOLLA TRA I TECNICI E IL GOVERNO “POLITICO” DI “IO SO’ GIORGIA”: LA DUCETTA NON HA LA CONSUETUDINE DEI SUOI PREDECESSORI CON LA BANCA D’ITALIA (E SI VEDE): IL TUTTO MENTRE IGNAZIO VISCO SI AVVICINA ALLA SCADENZA. E IN PANCHINA SI SCALDA FABIO PANETTA…

DAGOREPORT! IO SO’ GIORGIA E TU NON SEI NESSUNO - TRA INTERVISTE SU CORRIERE E REPUBBLICA E POST SU FACEBOOK, MELONI HA VOLUTO RIBADIRE CHE IL NOMIGNOLO DI DUCETTA SE L’È PROPRIO MERITATO. IN CAMPO CI SONO SOLO IO, IO, IO E IL GOVERNO MIO. TUTTE LE SPARATE DI SALVINI (MAI CITATO NELLE INTERVISTE, AL PARI DI BERLUSCONI) SE LE È INTESTATE (DAL NO-POS FINO A 60 EURO AL TETTO AL CONTANTE) PER RIBADIRE CHE IL SUO GOVERNO È UNITO. E LEI DEVE ESSERE IL CAPO. E LO FA CON IL CIPIGLIO CON CUI WANNA MARCHI DECANTAVA LE SUE "OFFERTE". "D'ACCORDO?!" - MA ANCHE LA DUCETTA HA COMMESSO UN MADORNALE ERRORE POLITICO: L’INCONTRO FACCIA A FACCIA CON CICCIO CALENDA…