L’ULTIMA CARTA DI TRUMP PER TORNARE ALLA CASA BIANCA: CONVINCERE I RAPPRESENTANTI DEL SUO PARTITO NELLE ASSEMBLEE DI MICHIGAN, WISCONSIN E PENNSYLVANIA (A MAGGIORANZA REPUBBLICANA) A DESIGNARE “GRANDI ELETTORI” CHE, UNA VOLTA A WASHINGTON, INVECE DI RISPETTARE LA VOLONTÀ DEI CITTADINI, CHE HANNO SCELTO IN MAGGIORANZA BIDEN, VOTINO PER LUI RIELEGGENDOLO - IL “GOLPETTO”, IN TEORIA POSSIBILE, SAREBBE UN ATTO SENZA PRECEDENTI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federico Rampini per “la Repubblica”

 

donald trump joe biden donald trump joe biden

[…] L'ultima carta che Donald Trump tenta per ribaltare il verdetto delle urne, viene definita dagli storici un gesto senza precedenti. Alcuni costituzionalisti la considerano quanto di più vicino a un colpo di Stato, rispetto alla tradizione americana di rispetto della volontà degli elettori. Trump ha convocato alla Casa Bianca i rappresentanti repubblicani eletti nell'assemblea legislativa del Michigan, con un obiettivo palese: convincerli a designare dei "grandi elettori" che voterebbero per lui come presidente. Il problema è che i cittadini del Michigan hanno scelto Biden.

 

dibattito donald trump joe biden dibattito donald trump joe biden

L'ultima speranza di Trump è legata a una peculiarità del sistema elettorale americano: sostanzialmente, la scelta del presidente avviene a suffragio universale, formalmente si tratta di una sorta di voto indiretto. I passaggi sono due: prima ogni Stato deve certificare il verdetto delle urne; poi è l'assemblea legislativa dello Stato a designare i membri del collegio elettorale che travasano i voti dei cittadini a Washington e contribuiscono a designare il nuovo capo dell' esecutivo. In teoria quindi le assemblee legislative locali possono anche disconoscere la volontà dei cittadini e designare dei "grandi elettori" di segno politico opposto. Sarebbe una tale violazione della volontà popolare, da giustificare i paragoni con un golpe.

 

Trump spera in questo scippo, perché diversi Stati-chiave che hanno votato per Biden hanno dei Parlamenti locali con maggioranze repubblicane: oltre al Michigan è il caso di Wisconsin, Pennsylvania, Georgia.

 

donald e melania trump donald e melania trump

Quella di Trump è una corsa contro il tempo perché il suo piano è quasi impossibile in quegli Stati che hanno già ufficialmente certificato il verdetto delle urne. Michigan, Wisconsin, Pennsylvania sono molto vicini a compiere quel passo irreversibile, la Georgia lo ha compiuto ieri sera.

 

La pressione di Trump sugli eletti locali del suo partito è formidabile. È in linea con il suo rifiuto di riconoscere la vittoria dell' avversario, paralizzando la transizione […]entro l'8 dicembre gli Stati devono aver certificato i risultati, in modo che il 14 dicembre avvenga la conta a livello nazionale.

 

Perché i Parlamenti dei singoli Stati ribaltino la volontà degli elettori, devono avere delle solide giustificazioni: brogli massicci, contese giudiziarie che impediscano di arrivare alla certezza del risultato. Ma la squadra legale di Trump continua a perdere nei tribunali le cause avviate per presunte frodi. […] Il sospetto è che voglia guadagnare tempo per avvicinarsi alla data dell' 8 dicembre senza che gli Stati abbiano potuto certificare l' esito finale del voto, aprendo così allo scenario dello "scippo" in sede legislativa locale. […]

TRUMP E BIDEN TRUMP E BIDEN joe e jill biden joe e jill biden

 

Condividi questo articolo

politica

MA E' BERLUSCONI, FORLANI O DI MAIO? NELL'INTERVISTA A "LA STAMPA", LUIGINO CERTIFICA LA TRASFORMAZIONE DEL M5S IN UNA DC A BANDA LARGA: "RAPPRESENTIAMO IL CETO MEDIO CHE PAGA LE TASSE. AVERE ACQUISITO UNA CULTURA DI GOVERNO SIGNIFICA FARSI CARICO DELLE RESPONSABILITÀ. LA PAROLA 'MEDIAZIONE' ERA UNA PAROLACCIA PER NOI, ORA NON PIU'. IL GIUSTIZIALISMO? SE FOSSERO CONFERMATE LE COSE CHE STO LEGGENDO SUI GIORNALI, ANCHE IL CASO ENI, DEVE SPINGERCI A UNA RIFLESSIONE" - IL DEMANSIONAMENTO DEL VAFFA E DI BEPPE GRILLO? "LUI RAPPRESENTA LA CREATIVITÀ"  

SOTTI-LETTA, LEADER DA SONDAGGIO GONFIATO - BELPIETRO: “IL PD HA UN PROBLEMA, ED È IL SUO SEGRETARIO MARZIANO RINFRANCATO DA PAGNONCELLI CHE LO DÀ IN RISALITA, MENTRE LE ALTRE RILEVAZIONI LO INCHIODANO AL 18 PER CENTO, TERZO DIETRO A LEGA E FRATELLI D’ITALIA” - SECONDO L’ISTITUTO IPSOS CONTINUA LA RIMONTA DELLA MELONI (20,5%) E IL CROLLO DI SALVINI (20,1%): SOLTANTO DUE ANNI FA, ALLE EUROPEE 2019, IL “CAPITONE” OTTENNE IL RECORD DEL 34,4%, MENTRE LA “DUCETTA” ANNASPAVA AL 6,5%...