LA RUSSA COL FIATO SUL COLLE! "LA FERMEZZA DEL GOVERNO VA CONDIVISA". IL PRESIDENTE DEL SENATO PUNGE MATTARELLA IMPEGNATO A RICUCIRE CON MACRON DOPO LO STRAPPO DI DONNA GIORGIA SUI MIGRANTI – “L'INTERESSE NAZIONALE VA MANTENUTO A OGNI COSTO" - PECCATO PERÒ CHE ‘GNAZIO NON SAPPIA CHE LA TELEFONATA TRA MATTARELLA E MACRON ERA STATA PREVENTIVAMENTE CONCORDATA ANCHE CON...

-

Condividi questo articolo


 Marco Antonellis per https://www.ilgiornaleditalia.it

 

GIORGIA MELONI IGNAZIO LA RUSSA SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI IGNAZIO LA RUSSA SERGIO MATTARELLA

La notizia della telefonata tra Macron e Sergio Mattarella, anticipata stamattina presto da questo giornale è la notizia del giorno. Il braccio di ferro sugli sbarchi ha fatto pensare a uno strappo irrimediabile. E invece il presidente della Repubblica, con una nota congiunta, ha assicurato "piena collaborazione in ogni settore".

 

L'iniziativa del capo dello Stato è stata apprezzata da molti, ma a quanto pare non da tutti. Ignazio La Russa, (Presidente del Senato e quindi seconda carica dello Stato nonché "facente funzioni" in caso di impedimento del Capo dello Stato) non ha nascosto una certa contrarietà. "Io credo - si è pronunciato il presidente del Senato - che l'opera del presidente Mattarella sia sempre utile, ma credo anche che la fermezza del nostro governo debba essere condivisa". Il presidente del Senato ribadisce che sui migranti "dall'Italia la barra rimane dritta".

 

SERGIO MATTARELLA IGNAZIO LA RUSSA SERGIO MATTARELLA IGNAZIO LA RUSSA

Per La Russa "l'interesse nazionale va mantenuto a ogni costo. I modi e i toni giusti, ma senza dimenticare che l'Italia sta rispettando a pieno tutte le regole europee e non può essere lasciata sola nella gestione dei flussi migratori. Troppo comodo immaginare che tocchi solo all'Italia essere Paese di prima accoglienza". Una chiarissima frecciata al colloquio tra Mattarella e il presidente francese Macron. Peccato però che Ignazio La Russa non sappia che la telefonata tra Mattarella e Macron era stata preventivamente concordata anche con la sua leader di partito e capo del governo Giorgia Meloni. Già, perché a quanto siamo in grado di rivelare, la Presidenza del Consiglio era stata messa al corrente di tutto. Anche della telefonata di Mattarella. E non aveva fatto una piega.

SERGIO MATTARELLA IGNAZIO LA RUSSA SERGIO MATTARELLA IGNAZIO LA RUSSA

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...